Sul ponte Morandi il governo è molto indietro

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ Il Post

A un mese dal crollo del ponte Morandi a Genova, in cui sono morte 43 persone, il governo ha deciso di rimandare la nomina di un commissario per la ricostruzione e la scelta della società alla quale affidare i valori. Queste decisioni avrebbero dovuto essere contenute nel cosiddetto “decreto emergenze” che è stato approvato ieri e che però, al momento, contiene soltanto le norme relative agli aiuti agli sfollati e alle imprese danneggiate dal crollo. Il decreto è stato approvato “salvo intese”, quindi il governo potrebbe pubblicarne una versione aggiornata nei prossimi giorni.













































Per il momento il governo ha deciso di non affrontare quelli che in questi giorni i giornali hanno definito i quattro “nodi principali” della questione. In particolare, il governo:
– non ha ancora nominato il commissario che dovrà occuparsi della ricostruzione;

– non ha stabilito quali saranno i suoi poteri;

– non ha deciso se la società Autostrade per l’Italia (controllata dalla famiglia Benetton) sarà completamente esclusa dai lavori;

– non ha stabilito come saranno affidati i lavori, se direttamente alla società pubblica Fincantieri, come era stato anticipato, oppure tramite una gara.
La ragione del rinvio sembra essere la delicatezza politica e giuridica della questione, e le divisioni nella maggioranza parlamentare. A parole, il governo vorrebbe rapidamente procedere alla nomina del commissario, affidare i lavori a Fincantieri e «dare un segnale forte» escludendo completamente Autostrade dalla procedura di ricostruzione (o meglio: il governo vuole che Autostrade paghi Ficantieri affinché quest’ultima realizzi il ponte). Il problema è che non è chiaro se queste mosse possano essere compiute in maniera unilaterale, visto che Autostrade per l’Italia è ancora in possesso della concessione sul tratto dove sorgeva il ponte Morandi. Il rischio è che il governo intraprenda azioni che possano essere facile oggetto di ricorso.
Il presidente della Liguria, Giovanni Toti, fin dall’inizio uno dei più critici delle modalità con cui il governo sta gestendo la situazione, ha detto durante la trasmissione Porta a Porta: «Per la ricostruzione del ponte il governo scelga chi vuole e decida le procedure, ma se poi fra tre mesi i lavori non possono partire per un ricorso al Tar, questo mi manderebbe su tutte le furie». Secondo il Sole 24 Ore, il governo intende chiarire rapidamente le incertezze che restano e approvare le sue decisioni con un decreto ministeriale nei prossimi giorni.
Un’altra questione delicata su cui il governo non ha ancora deciso come comportarsi è la revoca della concessione ad Autostrade, un passaggio che gli esponenti del Movimento 5 Stelle chiedono fin dal momento del crollo. Nelle scorse settimane il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli aveva più volte annunciato che la procedura per la revoca delle concessioni sarebbe iniziata rapidamente – i suoi alleati della Lega sono sempre stati molto più cauti – e nei giorni scorsi si era ipotizzato che la revoca potesse essere già presente nel decreto approvato ieri. Alla fine il governo ha deciso di rinviare anche questa questione.
Come ha scritto il giornalista Luciano Capone su Il Foglio, la procedura di revoca è un “incubo” giuridico e amministrativo. Il governo ha in sostanza soltanto due strade, e nessuna delle due è facile da percorrere. Da un lato può togliere la concessione alla società Autostrade tramite un decreto legge. In questo caso però compirebbe un gesto unilaterale e sarebbe costretto a fornire ai proprietari della società un indennizzo miliardario. Inoltre, dovrebbe rinunciare a chiedere ad Autostrade il finanziamento della ricostruzione del ponte.
L’altra strada è contestare ad Autostrade una violazione degli obblighi imposti dalla concessione, ma in questo caso la revoca dovrebbe attendere come minimo le decisioni della magistratura e la conclusione delle indagini in corso e degli eventuali processi che ne nasceranno; e in ogni caso non garantirebbe risultati. La società, infatti, assicura di aver rispettato tutti gli obblighi in materia di sicurezza previsti dalla convenzione.

Tag: #Italia #CrolloPonteMorandi #Genova #PonteMorandi

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Da oggi è attivo in Italia Google Pay, la piattaforma che permette di gestire le carte di debito e credito dal proprio account Google. Con Google Pay si possono fare acquisti online e pagamenti da dispositivi mobili alle casse di tutti i negozi fisici...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Entro mercoledì il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) deve presentare al Comitato Olimpico Internazionale (CIO) la propria candidatura per ospitare le Olimpiadi invernali del 2026, ma a poche ore dalla scadenza c’è ancora grande confusione e ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Giovedì la Commissaria europea alla concorrenza, Margrethe Vestager, ha annunciato l’inizio di un’indagine per scoprire se in passato i cinque principali produttori di auto tedeschi si sono accordati per bloccare lo sviluppo di tecnologie che...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Intorno alle 10 di mercoledì mattina il cardinale e arcivescovo di Napoli Crescenzio Sepe ha annunciato il ripetersi del cosiddetto “miracolo di San Gennaro”, cioè la liquefazione del sangue che secondo la tradizione fu raccolto dal corpo del...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Da più di una settimana gli esponenti del Movimento 5 Stelle attaccano quasi quotidianamente il ministro dell’Economia Giovanni Tria e alcuni sono addirittura arrivati a chiederne le dimissioni. Ieri, con la scusa di smentire le richieste di...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

I nuovi iPhone XS e iPhone XS Max sono stati presentati una settimana fa da Apple, nel corso del suo classico evento di settembre, e il 21 settembre saranno messi in vendita in molti paesi, Italia compresa. Per questo negli ultimi giorni i più grandi...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Valencia-Juventus è una delle partite che si giocano stasera in Champions League, e comincerà alle 21 all’Estadio de Mestalla di Valencia, uno dei più belli e conosciuti della Spagna. È anche un posto non semplice in cui giocare, e questo rende la...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Real Madrid-Roma è una delle partite di stasera della Champions League, e si giocherà alle 21 allo stadio Bernabeu di Madrid. È per entrambe le squadre la prima partita di Champions League di questa stagione, che l’anno scorso andò molto bene per...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Tra mercoledì sera e giovedì i leader e i capi di stato europei si riuniranno a Salisburgo nell’ambito del Consiglio europeo, l’organo dell’Unione Europea che determina l’agenda politica all’interno dell’Unione. Si discuterà soprattutto di ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Giovedì 20 settembre verrà inaugurata la mostra Mario Giacomelli: Da un caos all’altro alla galleria Forma Meravigli di Milano, in occasione della sua riapertura dopo alcuni mesi di chiusura. La mostra durerà fino al 18 novembre ed espone...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Esce oggi in libreria il secondo numero della rivista The Passenger, dedicato all’Olanda (il primo, uscito a giugno, era sull’Islanda). Il nuovo progetto editoriale di Iperborea, la casa editrice dedicata alla letteratura nordica, è un...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Il tempo migliore domani lo troverete al Nord, dove il cielo sarà sereno o poco nuvoloso tutto il giorno. Ci sarà anche un grande ritorno: da quanto tempo non leggevate di NEBBIA ALL’ALBA IN PIANURA PADANA? Nell’Italia centrale il tempo peggiore...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

A quasi 25 anni dal suo arrivo nei negozi, Sony ha deciso di mettere nuovamente in vendita la sua prima PlayStation, in una versione in miniatura e con alcuni videogiochi precaricati al suo interno. La mini console costerà 99 euro e avrà in memoria...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, ha concordato con il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, lo smantellamento di una base di lancio missilistica e ha annunciato la disponibilità a smantellare un altro sito nucleare nordcoreano....

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Il Post

Le due notizie principali in apertura sui giornali di oggi sono le critiche del leader del Movimento 5 Stelle Di Maio al ministro dell’Economia Tria, accusato di non aver trovato le risorse per le riforme volute dal governo, e la rinuncia di Torino...