Sul ponte Morandi il governo è molto indietro

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ Il Post

A un mese dal crollo del ponte Morandi a Genova, in cui sono morte 43 persone, il governo ha deciso di rimandare la nomina di un commissario per la ricostruzione e la scelta della società alla quale affidare i valori. Queste decisioni avrebbero dovuto essere contenute nel cosiddetto “decreto emergenze” che è stato approvato ieri e che però, al momento, contiene soltanto le norme relative agli aiuti agli sfollati e alle imprese danneggiate dal crollo. Il decreto è stato approvato “salvo intese”, quindi il governo potrebbe pubblicarne una versione aggiornata nei prossimi giorni.













































Per il momento il governo ha deciso di non affrontare quelli che in questi giorni i giornali hanno definito i quattro “nodi principali” della questione. In particolare, il governo:
– non ha ancora nominato il commissario che dovrà occuparsi della ricostruzione;

– non ha stabilito quali saranno i suoi poteri;

– non ha deciso se la società Autostrade per l’Italia (controllata dalla famiglia Benetton) sarà completamente esclusa dai lavori;

– non ha stabilito come saranno affidati i lavori, se direttamente alla società pubblica Fincantieri, come era stato anticipato, oppure tramite una gara.
La ragione del rinvio sembra essere la delicatezza politica e giuridica della questione, e le divisioni nella maggioranza parlamentare. A parole, il governo vorrebbe rapidamente procedere alla nomina del commissario, affidare i lavori a Fincantieri e «dare un segnale forte» escludendo completamente Autostrade dalla procedura di ricostruzione (o meglio: il governo vuole che Autostrade paghi Ficantieri affinché quest’ultima realizzi il ponte). Il problema è che non è chiaro se queste mosse possano essere compiute in maniera unilaterale, visto che Autostrade per l’Italia è ancora in possesso della concessione sul tratto dove sorgeva il ponte Morandi. Il rischio è che il governo intraprenda azioni che possano essere facile oggetto di ricorso.
Il presidente della Liguria, Giovanni Toti, fin dall’inizio uno dei più critici delle modalità con cui il governo sta gestendo la situazione, ha detto durante la trasmissione Porta a Porta: «Per la ricostruzione del ponte il governo scelga chi vuole e decida le procedure, ma se poi fra tre mesi i lavori non possono partire per un ricorso al Tar, questo mi manderebbe su tutte le furie». Secondo il Sole 24 Ore, il governo intende chiarire rapidamente le incertezze che restano e approvare le sue decisioni con un decreto ministeriale nei prossimi giorni.
Un’altra questione delicata su cui il governo non ha ancora deciso come comportarsi è la revoca della concessione ad Autostrade, un passaggio che gli esponenti del Movimento 5 Stelle chiedono fin dal momento del crollo. Nelle scorse settimane il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli aveva più volte annunciato che la procedura per la revoca delle concessioni sarebbe iniziata rapidamente – i suoi alleati della Lega sono sempre stati molto più cauti – e nei giorni scorsi si era ipotizzato che la revoca potesse essere già presente nel decreto approvato ieri. Alla fine il governo ha deciso di rinviare anche questa questione.
Come ha scritto il giornalista Luciano Capone su Il Foglio, la procedura di revoca è un “incubo” giuridico e amministrativo. Il governo ha in sostanza soltanto due strade, e nessuna delle due è facile da percorrere. Da un lato può togliere la concessione alla società Autostrade tramite un decreto legge. In questo caso però compirebbe un gesto unilaterale e sarebbe costretto a fornire ai proprietari della società un indennizzo miliardario. Inoltre, dovrebbe rinunciare a chiedere ad Autostrade il finanziamento della ricostruzione del ponte.
L’altra strada è contestare ad Autostrade una violazione degli obblighi imposti dalla concessione, ma in questo caso la revoca dovrebbe attendere come minimo le decisioni della magistratura e la conclusione delle indagini in corso e degli eventuali processi che ne nasceranno; e in ogni caso non garantirebbe risultati. La società, infatti, assicura di aver rispettato tutti gli obblighi in materia di sicurezza previsti dalla convenzione.

Tag: #Italia #CrolloPonteMorandi #Genova #PonteMorandi

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Il 2018 è stato un anno strano per le serie tv: niente Game of Thrones o Stranger...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Il Post

Il 22 novembre 1968 fu pubblicato uno dei dischi più celebri e amati dei Beatles, che si chiamava The Beatles ma divenne noto come White Album (era un disco doppio con la copertina completamente bianca e il nome della band piccolo in...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Il Post

Domani l’Italia sarà divisa in due, dal punto di vista meteorologico: brutto tempo al Nord (ma brutto sul serio) e nuvoloso al Sud, dove però non dovrebbe piovere. Non una gran giornata, in ogni caso, ma una nota positiva c’è: domani è il Black...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Il Post

Mercoledì sera la polizia nazionale kenyana ha diffuso un aggiornamento sul rapimento della 23enne volontaria italiana Silvia Costanza Romano, spiegando che a sequestrarla dal villaggio di Chakama, nel sud del paese, è stato un gruppo di tre uomini...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Il Post

Sul Corriere della Sera di ieri è stata pubblicata una lettera di Giuseppe Pignatone, procuratore capo presso il Tribunale di Roma. Pignatone ha ripreso un articolo pubblicato qualche giorno prima – sempre sul Corriere, firmato da...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Il Post

Gli sconti del Black Friday sono iniziati ormai da giorni, su Amazon ma non solo, perché ormai più che una giornata è una settimana di promozioni. Ufficialmente il Black Friday è domani: è sempre il quarto venerdì di novembre, cioè il giorno dopo...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Il Post

Tutti i giornali di oggi si occupano in apertura della richiesta della Commissione Europea di aprire la procedura di infrazione contro l’Italia per la manovra economica che non rispetterebbe i parametri europei sulla riduzione del debito e metterebbe a ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ Il Post

Al museo Mudec di Milano è in corso, fino al 14 aprile, “A visual protest. The Art of Banksy“, la prima retrospettiva in un museo pubblico dedicata allo street artist britannico Banksy, oltre a quella che curò lui stesso nel museo di Bristol nel...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ Il Post

Un uomo statunitense è stato ucciso dai membri di una tribù che vive isolata dal resto della civiltà nell’arcipelago delle Andamane e Nicobare, un territorio indiano nel golfo del Bengala, al largo delle coste indonesiane. L’uomo aveva 27 anni,...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ Il Post

Domenica 25 novembre sarà la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Ci saranno – quel giorno o il giorno prima – manifestazioni in tutto il mondo (in Italia il movimento femminista Non Una di Meno ha organizzato ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera, mercoledì 21 novembre, in tv ci sono un po’ di film non recentissimi: Il segreto dei suoi...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ Il Post

È attesa per domani mattina la comunicazione ufficiale con cui la scuderia Williams di Formula 1 annuncerà l’ingaggio del pilota polacco Robert Kubica, che ha 33 anni, a partire dalla prossima stagione. Kubica tornerà quindi a gareggiare in un...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ Il Post

In Germania le tradizioni natalizie sono una cosa seria. È qui che a metà Ottocento fu inventato il calendario dell’Avvento, quello che ha un piccolo regalo per ogni giorno dal primo al 24 dicembre, ed è ancora in atto una disputa con l’Estonia e ...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ Il Post

In un’intervista all’Espresso, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris ha parlato dell’ipotesi di candidarsi alle elezioni europee con una lista propria, e ha ribadito di volersi candidare alle regionali in Campania del 2020. Sui social...

Pubblicato mercoledì, 21 novembre 2018 ‐ Il Post

Martedì sera il presidente statunitense Donald Trump ha diffuso il comunicato forse più incredibile e unico nella storia recente delle comunicazioni pubbliche della Casa Bianca. In sintesi, Trump ha fatto sapere che il suo governo continuerà in ogni...