Stiamo ancora cercando i morti di una miniera crollata 9 anni fa

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

Il 21 maggio, per la prima volta dopo quasi nove anni, è stato aperto un varco nella miniera di Pike River, in Nuova Zelanda, dove 29 minatori morirono nel 2010 in seguito a una serie di esplosioni. Il 19 novembre di quell’anno una forte esplosione bloccò il tunnel d’accesso principale, ma i soccorritori non riuscirono a raggiungere i minatori intrappolati a causa della presenza di grossi accumuli di gas dentro le gallerie. Pochi giorni dopo una seconda esplosione ancora più forte tolse definitivamente ogni speranza di trovare ancora qualcuno vivo. Da quel giorno si è discusso molto della possibilità di entrare di nuovo nella miniera e recuperare i corpi dei minatori, ma nel 2011 l’accesso venne chiuso e l’operazione di recupero venne rimandata perché considerata troppo pericolosa.
Durante la campagna elettorale per le elezioni del 2017 l’attuale prima ministra Jacinda Ardern inserì la riapertura della miniera tra i suoi piani di governo, e nel novembre di quell’anno venne anche istituita un’agenzia governativa che si occupasse dell’operazione. Dopo aver studiato per due anni come effettuare il recupero, il 21 maggio tre uomini, guidati dal capo dell’agenzia, Dinghy Pattinson, hanno aperto un varco nel blocco di cemento spesso 88 centimetri che chiude l’accesso alla miniera e sono entrati. L’operazione, che costerà 36 milioni di dollari neozelandesi (circa 15 milioni di euro), andrà avanti fino a dicembre e avrà il compito di mettere in sicurezza la miniera e aumentarne la ventilazione, così da permettere ai soccorritori di arrivare nel punto dove si pensa si trovino i corpi dei minatori morti, a circa 2,3 km di profondità.


Photos from inside the Pike River Mine today: The walkway over the weir – a lot of water runs down the mine drift (access tunnel), is collected in the weir and drained out of the mine. pic.twitter.com/2MARNqlqTS
— Pike River Recovery Agency (@PikeRecovery) May 21, 2019

Martedì, in attesa che venisse aperto il varco, i familiari dei minatori si sono ritrovati fuori dalla miniera e hanno lanciato 29 palloncini gialli in loro ricordo. Anna Osborne, moglie di uno dei minatori morti nel 2010, ha definito «meraviglioso» assistere alla riapertura della miniera di Pike River. «È stato molto emozionante, non potevamo trattenere le lacrime nel vedere il blocco di cemento venire aperto e i tre uomini entrare dentro. Pensavo, “lo stanno facendo per noi”».
La Pike River Coal si trova a una cinquantina di chilometri a nord-est di Greymouth, uno dei principali centri abitati della costa occidentale dell’Isola del Sud della Nuova Zelanda. Era attiva dal 2008 e produceva mediamente un milione di tonnellate di carbone ogni anno, dando lavoro a 150 persone. Nel 2012 la miniera è stata rilevata dalla compagnia statale Solid Energy, e poi ne 2018 dall’agenzia che si è occupata della riapertura. Una volta completate le operazioni di recupero, la miniera verrà affidata al ministero della Conservazione dell’ambiente.

Tag: #Mondo #NuovaZelanda #PikeRiver

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...