Sei grandi canzoni di Mia Martini

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Il Post

Mia Martini è nata a Bagnara Calabra nel 1947 ed è morta nel 1995, a 47 anni; stasera andrà in onda su Rai 1 il film biografico su di lei, dal titolo “Io sono Mia”, con Serena Rossi protagonista. Queste sono sei canzoni sue da riascoltare, scelte da Luca Sofri, peraltro direttore del Post, nel libro Playlist, la musica è cambiata.
Mia Martini

(1947, Bagnara Calabra, Reggio Calabria – 1995, Cardano al Campo, Varese)

Oltre che una cantante una spanna sopra alle sue colleghe di allora, Mia Martini era tante cose: la sorella di Loredana Berté, l’interprete di maltrattamenti sentimentali secondi solo a quelli cantati da Cocciante, la vittima di maldicenze cretine tipiche dello show-business (un ambientino in cui il saluto augurale è “merda”) e di ipocrisie successive alla sua morte. Andava spesso a Sanremo, e ogni volta gli dava un senso.


Piccolo uomo
(Nel mondo una cosa, 1972)

Fu scritta con Bruno Lauzi, vinse il Festivalbar e spopolò in mezza Europa (ne incise anche una versione in tedesco). Il ritornello è travolgente, e contiene l’espressione entrata nel canone linguistico nazionale grazie alla Gialappa’s, “è l’ultima occasione per vivere”.
Minuetto
(Il giorno dopo, 1973)

L’aveva scritta Califano, come trapela dall’uso dell’abominevole verso “le mani tue, strumenti su di me, che dirigi da maestro esperto quale sei”. Ma lei mette una pezza su tutto, e la melodia è fantastica.
Ma quale amore
(Il giorno dopo, 1973)

Finalmente un accenno di reazione ai deficienti con cui andava mettendosi, grazie all’intervento di Antonello Venditti. “Una donna è stanca di sentirsi dire ‘fai la tua parte ed io la mia’”.
Donna con te
(1975)
“Io frequentavo allora uomini leggeri superficiali, tristemente uguali
Gente che pensa di avere in mano il mondo e non sa neanche se è rotondo
E facevo l’amore perché lo si fa senza amore, senza umanità”
Poi le parole sbracano un po’, fino alla celebre “o” chiusa di “donna!”.
E non finisce mica il cielo
(1982)

La carriera di Mia Martini ha come tappe i caratteri dei suoi autori: quando incontrò Fossati, non solo vennero fuori canzoni senza una grinza, ma si permise anche un atteggiamento finalmente indipendente nei confronti del paradigma maschile che la tormentava da anni. Certo, lo stesso concetto di indifferenza poteva esprimerlo anche Venditti: ma lui l’avrebbe intitolata “e ‘sticazzi”.
Almeno tu nell’universo
(Martini Mia, 1989)

Finalmente aveva trovato qualcuno (cercando ben oltre il sistema solare) grazie a un testo di Bruno Lauzi: che l’aveva scritta molti anni prima, ma non gliel’aveva data, sciagurato. È la più bella di tutte, e lei la canta a squarciagola.

Tag: #Brevi #Cultura #IoSonoMia #MiaMartini #Playlist

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Questa sera la programmazione televisiva tra le varie cose propone un famoso film con Bud Spencer senza...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni i giornali statunitensi sono tornati a parlare delle milizie civili che pattugliano il confine meridionale degli Stati Uniti, quello con il Messico. Le milizie civili – spesso armate e con un’organizzazione militare – non sono...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Pochi giorni fa, tentando di scherzare sulle numerose difficoltà incontrate nei primi mesi trascorsi al governo, il nuovo presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha detto in un discorso dalla sua residenza ufficiale a Brasilia: «Sono nato per fare il...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Jessica Lange compie oggi 70 anni e ci sono almeno tre evidenti motivi per cui è giusto ritenerla una delle migliori attrici della sua generazione: è una delle poche (meno di dieci, nella storia) ad aver vinto un Oscar sia come protagonista che come...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

In tutto il mondo si sta festeggiando l’ultimo giorno della Settimana Santa, la serie di commemorazioni della tradizione cattolica che vanno dalla domenica precedente quella di Pasqua, la Domenica delle Palme, al Sabato Santo. Gli uomini con i...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

La foto più interessante di questa settimana mostra il parto di una giraffa ad Adelaide, la prima nata nel 2019 nello zoo Monarto. Ma anche quella di un cane salvato mentre nuotava a più di duecento chilometri dallo costa nel Golfo della Thailandia. Da ...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Inter-Roma è il posticipo della 33ª giornata di Serie A. Si gioca questa sera alle 20.30 allo stadio Giuseppe Meazza di Milano. Dopo le deludenti eliminazioni da Coppa Italia ed Europa League, l’unico obiettivo stagionale per l’Inter di Luciano...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Juventus-Fiorentina è il posticipo serale della 33ª giornata di Serie A. Si gioca questa sera alle 18 all’Allianz Stadium di Torino. Dopo aver mancato i primi due match point per vincere lo Scudetto in anticipo, oggi la Juventus ne ha un...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

L’abbazia di Notre-Dame a Parigi, uno dei monumenti più importanti e famosi del mondo, è stato gravemente danneggiato lunedì scorso da un enorme incendio che ha distrutto la famosa guglia della chiesa e due terzi del tetto. Le dimensioni...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

In Yemen dal 2015 è in corso una guerra civile e attualmente c’è anche una grave epidemia di colera, la terza dall’inizio del conflitto, per cui più di 110mila persone si sono ammalate e quasi 200 sono morte. C’è inoltre una diffusa carenza di...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Il 20 aprile 1999, esattamente 20 anni fa, i 17enni Eric Harris e Dylan Klebold entrarono nella scuola superiore Columbine di Littleton, una città nei sobborghi di Denver, in Colorado – e cominciarono a sparare contro i loro compagni e professori....

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Come capita spesso per Pasquetta, le previsioni meteo per lunedì infrangono le speranze di chi pregustava una grigliata al sole. Alla mattina il cielo sarà nuvoloso quasi dappertutto: soltanto Veneto, Trentino, Friuli Venezia Giulia e qualche angolo...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

La trentatreesima giornata del campionato di Serie A si gioca tra oggi e lunedì per via delle festività pasquali. Nove delle dieci partite in programma si giocano oggi, da Parma-Milan delle 12.30 al posticipo serale Inter-Roma. Il Napoli invece...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Ricominciamo da Enzo e i suoi camorristi hipster: loro sono preoccupati della droga che non arriva, dopo che la polizia ha sequestrato il carico di Patrizia, Valerio diffida della capacità di giudizio di Enzo che non ha dato retta a Nicola (il capobanda ...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Il Post

Il meteo di Pasqua è noto per distruggere le speranze di chi sogna di andare al mare o fare una gita da qualche parte contando su una tiepida giornata di sole. Anche quest’anno la tradizione si conferma. Ad eccezione del Veneto, del Trentino Alto...