Sei grandi canzoni di Mia Martini

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Il Post

Mia Martini è nata a Bagnara Calabra nel 1947 ed è morta nel 1995, a 47 anni; stasera andrà in onda su Rai 1 il film biografico su di lei, dal titolo “Io sono Mia”, con Serena Rossi protagonista. Queste sono sei canzoni sue da riascoltare, scelte da Luca Sofri, peraltro direttore del Post, nel libro Playlist, la musica è cambiata.
Mia Martini

(1947, Bagnara Calabra, Reggio Calabria – 1995, Cardano al Campo, Varese)

Oltre che una cantante una spanna sopra alle sue colleghe di allora, Mia Martini era tante cose: la sorella di Loredana Berté, l’interprete di maltrattamenti sentimentali secondi solo a quelli cantati da Cocciante, la vittima di maldicenze cretine tipiche dello show-business (un ambientino in cui il saluto augurale è “merda”) e di ipocrisie successive alla sua morte. Andava spesso a Sanremo, e ogni volta gli dava un senso.


Piccolo uomo
(Nel mondo una cosa, 1972)

Fu scritta con Bruno Lauzi, vinse il Festivalbar e spopolò in mezza Europa (ne incise anche una versione in tedesco). Il ritornello è travolgente, e contiene l’espressione entrata nel canone linguistico nazionale grazie alla Gialappa’s, “è l’ultima occasione per vivere”.
Minuetto
(Il giorno dopo, 1973)

L’aveva scritta Califano, come trapela dall’uso dell’abominevole verso “le mani tue, strumenti su di me, che dirigi da maestro esperto quale sei”. Ma lei mette una pezza su tutto, e la melodia è fantastica.
Ma quale amore
(Il giorno dopo, 1973)

Finalmente un accenno di reazione ai deficienti con cui andava mettendosi, grazie all’intervento di Antonello Venditti. “Una donna è stanca di sentirsi dire ‘fai la tua parte ed io la mia’”.
Donna con te
(1975)
“Io frequentavo allora uomini leggeri superficiali, tristemente uguali
Gente che pensa di avere in mano il mondo e non sa neanche se è rotondo
E facevo l’amore perché lo si fa senza amore, senza umanità”
Poi le parole sbracano un po’, fino alla celebre “o” chiusa di “donna!”.
E non finisce mica il cielo
(1982)

La carriera di Mia Martini ha come tappe i caratteri dei suoi autori: quando incontrò Fossati, non solo vennero fuori canzoni senza una grinza, ma si permise anche un atteggiamento finalmente indipendente nei confronti del paradigma maschile che la tormentava da anni. Certo, lo stesso concetto di indifferenza poteva esprimerlo anche Venditti: ma lui l’avrebbe intitolata “e ‘sticazzi”.
Almeno tu nell’universo
(Martini Mia, 1989)

Finalmente aveva trovato qualcuno (cercando ben oltre il sistema solare) grazie a un testo di Bruno Lauzi: che l’aveva scritta molti anni prima, ma non gliel’aveva data, sciagurato. È la più bella di tutte, e lei la canta a squarciagola.

Tag: #Brevi #Cultura #IoSonoMia #MiaMartini #Playlist

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera in tv c’è più musica del solito, perché Rai 1...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

È stato confermato uno sciopero autostradale per il 25 e il 26 agosto, un fine settimana in cui è previsto un traffico particolarmente intenso a causa del rientro di molte persone dalle vacanze. Lo sciopero è stato indetto dai sindacati FILT Cgil...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Nella terza stagione di Boris, la famosa serie tv italiana sul dietro le quinte di una soap opera televisiva, c’è un attore scarso, Martellone, che si crede un fenomeno e si lamenta perché non gli danno i ruoli che vorrebbe: come Pietro...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Il 22 agosto in Illinois, negli Stati Uniti, un uomo è morto per le conseguenze di una malattia ai polmoni che gli era stata diagnosticata alcune settimane prima e che, dalle prime informazioni disponibili, ha elementi comuni con quelle di almeno altre...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Nel marzo 2018, quando gli Stati Uniti annunciarono l’introduzione dei primi dazi sulle merci importate dalla Cina, il presidente Donald Trump scrisse: «Le guerre commerciali sono una buona cosa, e sono facili da vincere!». A più di un anno di...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Sul fiume Paraná, al confine tra Brasile e Paraguay, c’è la centrale idroelettrica della diga di Itaipu, la cui energia è di fondamentale importanza per i due paesi, che la costruirono insieme più di trent’anni fa. È la diga che in un anno...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

È arrivato quel momento dell’anno in cui allo zoo di Londra vengono pesati e misurati tutti gli animali (sono parecchi). Alcuni affrontano il momento con una certa serenità: la leonessa, ad esempio, non ne sembra particolarmente infastidita. Altri...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Ogni tanto, qui sul Post, mettiamo in ordine le...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Quando si cerca un nuovo contratto per la linea Internet di casa, la prima cosa che si va a vedere è la velocità di download dei dati (o banda, come si chiama in gergo) proposta dalle varie compagnie. Negli ultimi anni le pubblicità si sono...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Fiorentina-Napoli è l’anticipo delle 20.45 della prima giornata di Serie A. Si gioca allo stadio Artemio Franchi di Firenze. Nella passata stagione la Fiorentina concluse il campionato salvandosi all’ultima giornata. Ora però riparte con più...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Nella serata di venerdì, a Hong Kong, dove da mesi proseguono proteste contro il governo e la polizia, migliaia di persone hanno formato una catena umana di 50 chilometri. La protesta è stata organizzata ieri perché era il 30° anniversario di una...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Parma-Juventus è la prima partita della nuova stagione di Serie A. Si gioca stasera alle 18 allo stadio Ennio Tardini di Parma, dove è atteso il tutto esaurito con circa 20.000 spettatori. Come da tradizione la squadra campione d’Italia in carica...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

La Vuelta di Spagna, terza e ultima corsa a tappe di tre settimane della stagione ciclistica, parte oggi da Salinas de Torrevieja, vicino a Valencia, e terminerà il 15 settembre a Madrid. In mezzo ci saranno 3.272 chilometri di strada, con due tappe a...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

La prima giornata della stagione 2019/20 di Serie A inizia oggi con gli anticipi Parma-Juventus e Fiorentina-Napoli. Dopo i due anticipi del sabato e i sette incontri previsti domenica, la prima giornata di campionato si concluderà lunedì sera a Milano ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Post

Dei tre cosiddetti “grandi giri” del ciclismo su strada maschile – quelli che durano tre settimane e hanno 21 tappe – quello di Spagna, la Vuelta, è il più strano. La Vuelta ha meno storia e quindi meno fascino di Giro d’Italia e Tour de...