Sei grandi canzoni di Mia Martini

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Il Post

Mia Martini è nata a Bagnara Calabra nel 1947 ed è morta nel 1995, a 47 anni; stasera andrà in onda su Rai 1 il film biografico su di lei, dal titolo “Io sono Mia”, con Serena Rossi protagonista. Queste sono sei canzoni sue da riascoltare, scelte da Luca Sofri, peraltro direttore del Post, nel libro Playlist, la musica è cambiata.
Mia Martini

(1947, Bagnara Calabra, Reggio Calabria – 1995, Cardano al Campo, Varese)

Oltre che una cantante una spanna sopra alle sue colleghe di allora, Mia Martini era tante cose: la sorella di Loredana Berté, l’interprete di maltrattamenti sentimentali secondi solo a quelli cantati da Cocciante, la vittima di maldicenze cretine tipiche dello show-business (un ambientino in cui il saluto augurale è “merda”) e di ipocrisie successive alla sua morte. Andava spesso a Sanremo, e ogni volta gli dava un senso.


Piccolo uomo
(Nel mondo una cosa, 1972)

Fu scritta con Bruno Lauzi, vinse il Festivalbar e spopolò in mezza Europa (ne incise anche una versione in tedesco). Il ritornello è travolgente, e contiene l’espressione entrata nel canone linguistico nazionale grazie alla Gialappa’s, “è l’ultima occasione per vivere”.
Minuetto
(Il giorno dopo, 1973)

L’aveva scritta Califano, come trapela dall’uso dell’abominevole verso “le mani tue, strumenti su di me, che dirigi da maestro esperto quale sei”. Ma lei mette una pezza su tutto, e la melodia è fantastica.
Ma quale amore
(Il giorno dopo, 1973)

Finalmente un accenno di reazione ai deficienti con cui andava mettendosi, grazie all’intervento di Antonello Venditti. “Una donna è stanca di sentirsi dire ‘fai la tua parte ed io la mia’”.
Donna con te
(1975)
“Io frequentavo allora uomini leggeri superficiali, tristemente uguali
Gente che pensa di avere in mano il mondo e non sa neanche se è rotondo
E facevo l’amore perché lo si fa senza amore, senza umanità”
Poi le parole sbracano un po’, fino alla celebre “o” chiusa di “donna!”.
E non finisce mica il cielo
(1982)

La carriera di Mia Martini ha come tappe i caratteri dei suoi autori: quando incontrò Fossati, non solo vennero fuori canzoni senza una grinza, ma si permise anche un atteggiamento finalmente indipendente nei confronti del paradigma maschile che la tormentava da anni. Certo, lo stesso concetto di indifferenza poteva esprimerlo anche Venditti: ma lui l’avrebbe intitolata “e ‘sticazzi”.
Almeno tu nell’universo
(Martini Mia, 1989)

Finalmente aveva trovato qualcuno (cercando ben oltre il sistema solare) grazie a un testo di Bruno Lauzi: che l’aveva scritta molti anni prima, ma non gliel’aveva data, sciagurato. È la più bella di tutte, e lei la canta a squarciagola.

Tag: #Brevi #Cultura #IoSonoMia #MiaMartini #Playlist

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Pensavate di esservi liberati di Sanremo? E invece no, perché stasera inizia Sanremo Young, con ospite...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Statisticamente per le persone che vivono nei paesi sviluppati – e in una certa misura anche per chi no – il mondo non è mai stato un posto bello come oggi: lo dicono gli indici su salute, alimentazione, istruzione e ricchezza. Molte volte però...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Juventus-Frosinone è la prima partita della ventiquattresima giornata di Serie A. Si gioca stasera alle 20.30 all’Allianz Stadium di Torino. La Juventus, saldamente in testa al campionato con undici punti di vantaggio sul Napoli, gioca già stasera...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Oggi esce Un’altra strada – Idee per un Italia di domani, il nuovo libro dell’ex presidente del Consiglio ed ex segretario del PD Matteo Renzi. Qui trovate un’anticipazione del libro, in cui Renzi parla della sua proposta di creare una...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Figliuola mia, non dir di volerti uccidere, per ciò che, se tu l’hai qui perduto, uccidendoti anche nell’altro mondo il perderesti, per ciò che tu n’andresti in inferno, là dove io son certa che la sua anima non è andata, per ciò...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

La ventiquattresima giornata del campionato di Serie A inizia stasera con l’anticipo tra Juventus e Frosinone in programma a Torino alle 20.30. La Juventus prima in classifica gioca già oggi in vista dell’andata degli ottavi di finale di Champions...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Ci sono due grandi categorie in cui inserire le persone che valeva la pena fotografare questa settimana: quelli alle sfilate di New York, e quelli al festival del cinema di Berlino (la Berlinale). Tra i primi ci sono Christy Turlington, Angela Sarafyan e ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Il 14 febbraio il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha concesso la grazia a tre persone che avevano ucciso i propri familiari malati. Il provvedimento ha riguardato Vitangelo Bini, di 89 anni, Giancarlo Vergelli, di 88 anni, e Franco Antonio ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Giovedì il Parlamento Europeo ha approvato la riduzione delle commissioni per i pagamenti transfrontalieri tra i paesi che adottano l’euro e quelli che invece adottano ancora la loro valuta nazionale. La proposta è stata adottata con 532 voti a...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

In Slovenia un deputato del partito di centrosinistra del primo ministro Marjan Sarec (LMS) si è dimesso per aver rubato un panino in un supermercato a Lubiana, la capitale del paese. Darij Krajcic, parlamentare di 54 anni eletto lo scorso settembre...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

La Scuderia Ferrari ha presentato oggi nella sede di Maranello la nuova monoposto con cui parteciperà al prossimo Mondiale di Formula 1. La nuova Ferrari si chiama SF90 ed è la prima presentata sotto la direzione dell’ingegnere Mattia Binotto, che lo ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

I produttori cinesi di smartphone, come Huawei e Xiaomi, continuano a crescere in Europa a scapito di grandi aziende come Samsung e Apple. Secondo l’ultima indagine di mercato realizzata dalla società di analisi Canalys, nel 2018 uno smartphone su tre ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Il primo ministro socialista spagnolo Pedro Sánchez ha convocato le elezioni anticipate per il prossimo 28 aprile, mettendo così fine a una crisi di governo iniziata con la bocciatura della legge di bilancio per il 2019 da parte del Parlamento...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Il sito di giornalistmo investigativo Bellingcat scrive di aver identificato il terzo uomo sospettato di avere avvelenato con un agente nervino l’ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia Yulia a Salisbury, in Inghilterra, il 4 marzo del...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Il Post

Non capita spesso che il weekend inizi con una giornata molto soleggiata, serena e senza pioggia. Di solito quando si è chiusi a studiare o lavorare ci sono gran belle giornate, poi arriva il weekend e con lui, puntuale, il brutto tempo. Invece stavolta ...