Sarà l’anno del Liverpool?

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Il Post

La stagione 2018/19 della Premier League, la massima divisione del campionato di calcio inglese, inizierà venerdì sera con la prima partita della stagione, Manchester United-Leicester City (Sky, ore 21.00). Da anni la Premier League è per distacco il campionato più seguito e famoso e per questi motivi è anche il più ricco al mondo. Il campionato inglese, tuttavia, da sette anni non riesce a proporre squadre vincenti anche in Champions League ma l’attesa potrebbe finire presto, visti i miglioramenti dei suoi grandi club avvenuti di recente. C’è il Manchester City di Pep Guardiola, che ha dominato l’ultimo campionato, ma c’è anche il Liverpool allenato dal tedesco Jürgen Klopp, che dopo aver raggiunto la finale di Champions League poche settimane fa ha investito tanto per provare a fare meglio.
Per arrivare in finale il Liverpool era riuscito a eliminare ai quarti di finale proprio il Manchester City, che aveva letteralmente dominato la Premier League, vinta in anticipo senza problemi, confermandosi come una delle squadre più belle e complete del continente. In Champions League, il City ha però subito una netta sconfitta complessiva per 5-1, con il Liverpool che ha dimostrato, pur non esprimendo un gioco articolato come quello dei rivali, di poter reggere il confronto giocando un calcio basato su velocità, contropiede e e pressing. In questo è stato aiutato da un attacco che probabilmente va considerato il più in forma d’Europa in questo periodo e da un giocatore in stato di grazia, l’egiziano Mohamed Salah.

Nel mondo del calcio i successi si costruiscono con il tempo e con dei cicli. Con l’ingaggio di Klopp nel 2015 il Liverpool ne ha iniziato uno nuovo, dopo qualche complicata stagione di transizione al termine della gestione di successo dello spagnolo Rafa Benitez. Sotto Klopp la squadra è cambiata molto, ha investito più degli anni precedenti ed è riuscita a migliorare costantemente i suoi risultati. Grazie ai risultati ottenuti due stagioni fa, l’anno scorso il Liverpool è tornato in Champions League e si è subito presentato competitivo, come hanno poi dimostrato i risultati ottenuti.
Jurgen Klopp prima dell’amichevole estiva tra Liverpool e Tranmere Rovers a Prenton Park (Jan Kruger/Getty Images)
L’anno scorso il Liverpool ha giocato con il tedesco Loris Karius in porta e gli inglesi Trent Alexander-Arnold e Andrew Robertson come terzini. In centro alla difesa si posizionavano Dejan Lovren, poi finalista ai Mondiali con la Croazia, e l’olandese Virgil van Dijk, il difensore più pagato nella storia del calcio. Il centrocampo era a tre: con Jordan Henderson, il capitano, James Milner e Alex Oxlade-Chamberlain, sostituito dall’olandese Georginio Wijnaldum a stagione in corso dopo un brutto infortunio. Ma il Liverpool di Klopp è una squadra costruita in funzione del suo velocissimo tridente d’attacco, quello formato da Mohamed Salah, Roberto Firmino e Sadio Mané. Salah e Mané sono accomunati da una rapidità impressionante, che Klopp cerca sempre di sfruttare al massimo nelle ripartenze e con passaggi e lanci in profondità. Il centravanti è il brasiliano Firmino, il giocatore che di fatto gestisce le manovre pur essendo anche un attaccante sempre pericoloso sotto porta.
Roberto Firmino, Mohamed Salah e Sadio Mane (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)
In questi mesi estivi il club ha proseguito negli investimenti con acquisti mirati a rinforzare e ad allargare la rosa dove è stato ritenuto ce ne fosse bisogno. L’investimento più importante è stato fatto per il portiere: Alisson Becker, considerato uno dei migliori nel suo ruolo, in special modo per riflessi, abilità nel smistare la palla verso la squadra, è stato comprato per circa 60 milioni di euro dalla Roma. La difesa invece è rimasta tale e quale mentre il reparto che ha subito più cambiamenti è il centrocampo. Con l’infortunio di Chamberlain e il probabile declassamento a rincalzo di James Milner, la squadra ha comprato Fabinho dal Monaco e Naby Keita dal Lipsia, due possibili nuovi titolari. Il reparto offensivo è stato rinfoltito con l’arrivo dell’esterno svizzero Xherdan Shaqiri, preso dal retrocesso Stoke City, e con il ritorno dell’attaccante inglese Daniel Sturridge.
La preparazione estiva è andata bene. Non ci sono stati infortunati e i risultati, per quello che contano durante la preparazione, sono stati ampiamente positivi. Tre vittorie nelle quattro amichevoli disputate contro squadre minori inglesi a luglio e poi quattro vittorie su cinque partite ben più impegnative contro Manchester City, Manchester United, Napoli e Torino. L’unica sconfitta è arrivata contro il Borussia Dortmund.
Per quanto il Liverpool sia ora una squadra forte e completa, l’andamento della sua stagione dipenderà più di ogni altra cosa dal rendimento di Salah, che nel corso della passata stagione è stato il giocatore più in forma ed incisivo d’Europa, più di Lionel Messi e Cristiano Ronaldo. La grande annata di Salah si era conclusa con 44 gol in 51 partite, a cui vanno aggiunti 16 assist decisivi.
Oltre al Liverpool, le altre squadre con qualche possibilità di vincere sono le solite: l’Arsenal di Unai Emery, da cui ci si aspettano risultati immediati, il Manchester United, nonostante una campagna acquisti di secondo piano che ha complicato i rapporti tra José Mourinho e la dirigenza, e infine il Tottenham di Mauricio Pochettino, unica squadra a non aver né comprato né ceduto nemmeno un giocatore. Il nuovo Chelsea di Maurizio Sarri parte invece da più lontano, per via dell’ultima annata complicata e perché Sarri – che fino a pochi mesi fa allenava il Napoli – avrà probabilmente bisogno di tempo per creare una squadra altamente competitiva.

Tag: #Sport #Alisson #Calcio #JurgenKlopp #Liverpool #MohamedSalah #PremierLeague

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

«La sopportabilità massima del parlato-unito, in Italia, è di quindici minuti. La voce unica e fusa erogata dal graticcio del radioapparecchio, in quanto non soccorsa dalla presenza fisica, dalla gestizione o dall’atteggiamento di chi...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

La polizia scientifica turca ha avuto il permesso di accedere alla residenza privata del console saudita a Istanbul per cercare indizi sulla scomparsa e l’omicidio di Jamal Khashoggi, il giornalista e dissidente saudita scomparso il 2 ottobre dopo...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Da qualche giorno, lo scrittore Antonio Scurati e lo storico ed editorialista del Corriere della Sera Ernesto Galli della Loggia stanno discutendo (litigando, si potrebbe dire per semplificare) dell’ultimo romanzo di Scurati M. Il figlio...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Secondo nuovi documenti presentati nell’ambito di un causa intentata nei confronti di Facebook, da un piccolo gruppo di inserzionisti di pubblicità in California, il social network avrebbe volutamente gonfiato per più di un anno i numeri del tempo...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Le temperature non si sono ancora abbassate molto: ci sono le condizioni meteorologiche perfette per indossare un trench come quello che Emma Stone ha in Maniac, no? Questa considerazione ha spinto alcune redattrici del Post a fare una...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan, arrivato al potere lo scorso maggio dopo che una serie di grandi proteste pacifiche avevano costretto alle dimissioni il politico che da dieci anni governava il paese, si è dimesso chiedendo che entro dicembre ...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Mulino Bianco è probabilmente la marca di biscotti e merendine più conosciuta d’Italia: molti sono...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Fino al 21 ottobre a Palermo ci sarà il Festival delle letterature migranti, con più di 90 incontri in tutto tra laboratori, mostre, proiezioni e presentazioni di 40 libri. Il Festival è organizzato dall’Associazione Festival delle Letterature...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Una carovana di migranti dell’Honduras, che da giorni sta procedendo a piedi verso gli Stati Uniti, attraverso l’America Centrale, sta attirando le attenzioni dei media di tutto il mondo. Non è la prima carovana di questo tipo, ma com’era già...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Anche domani dovrebbe fare bello un po’ in tutta Italia. Al Nord troveremo nuvole consistenti solo a ridosso dei monti, e potrebbe piovere solamente sulle Dolomiti. Più a sud, il cielo sarà coperto su parte della Sardegna e molto coperto sulle zone...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Nelle ultime settimane negli Stati Uniti è stato rilevato un sensibile aumento di casi di mielite flaccida acuta (AFM), una malattia molto rara, simile alla poliomielite e della quale non si conoscono ancora di preciso le cause. Si sospetta che la...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Alle Olimpiadi di Tokyo del 2020 il Comitato Olimpico Internazionale ha deciso di inserire cinque nuovi sport: il baseball/softball, l’arrampicata sportiva, lo skateboard, il karate e il surf. Se i primi non comporteranno grandi problemi...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Mercoledì sera un tentativo da parte del ministro del Lavoro Luigi Di Maio di bloccare il condono fiscale, una norma non particolarmente gradita al Movimento 5 Stelle, si è trasformato in un bizzarro e imbarazzante incidente che ha messo in crisi le...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Mercoledì sera, il vice presidente del Consiglio, ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico e leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio ha detto che qualcuno aveva manipolato il testo di un decreto legge appena arrivato al Quirinale, in modo da...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Post

Durante le registrazioni della trasmissione Porta a Porta, Luigi Di Maio, ministro dello Sviluppo economico e leader del Movimento 5 Stelle, ha detto che il testo del decreto fiscale approvato lunedì sera dal governo era stato manipolato: un’accusa...