Nella Repubblica Democratica del Congo c’è di nuovo ebola

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Il Post

Alla fine di luglio l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) aveva dichiarato conclusa l’epidemia di ebola iniziata lo scorso aprile nella Repubblica Democratica del Congo, ma negli ultimi giorni c’è stata una nuova serie di casi nelle regioni del Nord Kivu e dell’Ituri. È una nuova epidemia, non legata alla precedente che nelle ultime settimane aveva colpito un’altra regione: è dovuta a un diverso ceppo del virus, ed è la decima che colpisce il paese. Il ministro della Salute Oly Ilunga Kalenga ha detto che finora almeno 37 persone sono morte a causa della nuova epidemia. In totale i casi di contagio segnalati sono 44 (morti compresi), 17 certi e 27 molto probabili; si stanno facendo accertamenti su altri 54 casi sospetti.


🚨#Ebola – Situation au jeudi 9 aout 2018
– Au total, 44 cas dont 17 confirmés et 27 probables
– 54 cas suspects en cours d'investigation
– Activation du plan de contingence de la ville de #Goma https://t.co/WHKvNFqdtQ pic.twitter.com/CHpQWtANKs

— Ministère de la Santé RDC (@MinSanteRDC) August 9, 2018

Dopo le conferme sui primi casi Peter Salama, vicedirettore generale per le emergenze dell’OMS, ha detto che nonostante sia una buona notizia che la nuova epidemia non c’entri nulla con quella appena dichiarata conclusa, la situazione è grave perché il ceppo della nuova epidemia, lo Zaire ebolavirus, è quello con il più alto tasso di letalità. Nelle precedenti epidemie causate da questo ceppo è morto almeno il 50 per cento delle persone contagiate. Un altro problema è che il Nord Kivu è una zona di guerra – alcuni gruppi armati da anni si oppongono al governo – e per questo contenere l’epidemia sarà più difficile che altrove.
L’epidemia appena conclusa ha causato la morte di sole 33 persone, un numero molto ridotto se si considerano i più di 11mila morti dell’epidemia che colpì tutta l’Africa occidentale tre anni fa. È stato possibile contenerla perché nel frattempo è stato sviluppato il vaccino sperimentale rVSV-ZEBOV. Al momento nella Repubblica Democratica del Congo sono disponibili 3.220 dosi del vaccino e l’OMS ne invierà altre. Il problema è che per via del conflitto attivo nel Nord Kivu sarà più complicato farlo arrivare dove ce n’è bisogno. Per contenere la malattia bisogna rintracciare tutte le persone venute in contatto con gli infetti: nel caso della precedente epidemia gli addetti dell’OMS avevano viaggiato per centinaia di chilometri a bordo di motociclette per raggiungerle, nel Nord Kivu sarà più difficile farlo perché in alcuni casi il personale medico avrà bisogno di scorte armate.
I casi di ebola nel Nord Kivu e nella regione di Ituri confermati e probabili al 7 agosto 2018 (OMS)
Il Nord Kivu è una delle regioni più popolose della Repubblica Democratica del Congo: ha otto milioni di abitanti e ci vivono più di un milione di profughi e rifugiati dai paesi vicini. Le prime persone a essere vaccinate sono stati i membri del personale sanitario che dovrà occuparsi di contenere l’epidemia.

Tag: #Mondo #Ebola #NordKivu #RepubblicaDemocraticaDelCongo

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera su Rai 1 ci sono Piero Angela, Carlo Cottarelli, Laura Pausini e un po’ di attori ospiti a...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

«Se vi pare che questo mondo sia brutto, dovreste vederne qualche altro» Titolo di un saggio del 1977 dello scrittore di fantascienza Philip K. Dick – che oggi compirebbe 90 anni – sul suo lavoro di romanziere. In italiano...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il 25 settembre del 2000 ai Giochi olimpici di Sydney si giocò una partita della fase a gironi del torneo di basket tra Francia e Stati Uniti. La vinsero gli Stati Uniti, che poi avrebbero poi vinto anche l’oro, battendo di nuovo la Francia in finale. ...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il 2018 del tennis si è concluso lo scorso 25 novembre con la finale di Coppa Davis, vinta dalla Croazia contro la Francia, ma oltre al risultato sportivo a far discutere è stata la polemica tra i giocatori francesi e l’organizzatore dell’evento,...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il sito di news Daily Beast ha pubblicato un video del 2016 in cui Mick Mulvaney, il funzionario che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha scelto come capo dello staff provvisorio della Casa Bianca in sostituzione di John Kelly,...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Pensate a un film recente con effetti speciali che vi abbiano particolarmente colpito. Proprio da dire wow. È difficile aver visto un intero film senza effetti speciali, perché sono vecchi tanto quanto il cinema e sono ovunque: ma è probabile che oggi ...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

L’America Latina è la regione più violenta al mondo, con i più alti indici di omicidi e impunità. Ogni giorno vengono uccise circa 400 persone – un terzo di tutte quelle uccise nel mondo – e in meno del 20 per cento dei casi viene trovato il...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Ci sono quelli che ogni gennaio aprono un documento Excel, su cui annotano diligentemente quale regalo fare ad ogni amico e parente per il Natale successivo.A ottobre li comprano. E poi ci sono quelli che il pomeriggio del 24...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Nella notte di domenica, alle 4.15, un pullman del gruppo Flixbus proveniente da Genova e diretto a Düsseldorf, in Germania, ha avuto un incidente vicino a Zurigo, in Svizzera: una donna è morta e 44 persone si sono ferite, tre in modo grave. Due...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Lo scorso 7 dicembre una bambina guatemalteca di 7 anni, che meno di due giorni prima aveva attraversato il confine tra il Messico e gli Stati Uniti con suo padre e altri 161 richiedenti asilo, è morta, probabilmente per una sindrome da shock settico. ...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il Lussemburgo vuole rendere gratuiti i mezzi pubblici per tutti i suoi 600 mila cittadini entro il 2020: se ci riuscisse, sarebbe il primo paese al mondo a farlo. In diverse città si è parlato in passato di rendere gratuiti i mezzi pubblici per...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Sabato sera la Juventus ha vinto il 147esimo “derby” torinese, battendo il Torino allo Stadio Olimpico grazie a un calcio di rigore realizzato da Cristiano Ronaldo nel secondo tempo. Non è stata una gran partita, ma la Juventus è comunque riuscita...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il fotografo brasiliano Felipe Dana ha scattato delle foto – per Associated Press – ad alcuni ragazzi e uomini palestinesi feriti alle gambe negli ultimi mesi mentre protestavano lungo il confine con Israele della Striscia di Gaza,...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Roma-Genoa è il posticipo domenicale della sedicesima giornata del campionato di Serie A. Si gioca stasera alle ore 20.30 allo Stadio Olimpico di Roma. Roma e Genoa sono due squadre in grande difficoltà. Fra campionato e coppe non vincono...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Un articolo pubblicato questa settimana sulla rivista scientifica Royal Society Open Science ipotizza che il pollo da allevamento possa essere considerato come uno dei principali tratti identificativi dell’attuale era geologica, quella...