Nella Repubblica Democratica del Congo c’è di nuovo ebola

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Il Post

Alla fine di luglio l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) aveva dichiarato conclusa l’epidemia di ebola iniziata lo scorso aprile nella Repubblica Democratica del Congo, ma negli ultimi giorni c’è stata una nuova serie di casi nelle regioni del Nord Kivu e dell’Ituri. È una nuova epidemia, non legata alla precedente che nelle ultime settimane aveva colpito un’altra regione: è dovuta a un diverso ceppo del virus, ed è la decima che colpisce il paese. Il ministro della Salute Oly Ilunga Kalenga ha detto che finora almeno 37 persone sono morte a causa della nuova epidemia. In totale i casi di contagio segnalati sono 44 (morti compresi), 17 certi e 27 molto probabili; si stanno facendo accertamenti su altri 54 casi sospetti.


🚨#Ebola – Situation au jeudi 9 aout 2018
– Au total, 44 cas dont 17 confirmés et 27 probables
– 54 cas suspects en cours d'investigation
– Activation du plan de contingence de la ville de #Goma https://t.co/WHKvNFqdtQ pic.twitter.com/CHpQWtANKs

— Ministère de la Santé RDC (@MinSanteRDC) August 9, 2018

Dopo le conferme sui primi casi Peter Salama, vicedirettore generale per le emergenze dell’OMS, ha detto che nonostante sia una buona notizia che la nuova epidemia non c’entri nulla con quella appena dichiarata conclusa, la situazione è grave perché il ceppo della nuova epidemia, lo Zaire ebolavirus, è quello con il più alto tasso di letalità. Nelle precedenti epidemie causate da questo ceppo è morto almeno il 50 per cento delle persone contagiate. Un altro problema è che il Nord Kivu è una zona di guerra – alcuni gruppi armati da anni si oppongono al governo – e per questo contenere l’epidemia sarà più difficile che altrove.
L’epidemia appena conclusa ha causato la morte di sole 33 persone, un numero molto ridotto se si considerano i più di 11mila morti dell’epidemia che colpì tutta l’Africa occidentale tre anni fa. È stato possibile contenerla perché nel frattempo è stato sviluppato il vaccino sperimentale rVSV-ZEBOV. Al momento nella Repubblica Democratica del Congo sono disponibili 3.220 dosi del vaccino e l’OMS ne invierà altre. Il problema è che per via del conflitto attivo nel Nord Kivu sarà più complicato farlo arrivare dove ce n’è bisogno. Per contenere la malattia bisogna rintracciare tutte le persone venute in contatto con gli infetti: nel caso della precedente epidemia gli addetti dell’OMS avevano viaggiato per centinaia di chilometri a bordo di motociclette per raggiungerle, nel Nord Kivu sarà più difficile farlo perché in alcuni casi il personale medico avrà bisogno di scorte armate.
I casi di ebola nel Nord Kivu e nella regione di Ituri confermati e probabili al 7 agosto 2018 (OMS)
Il Nord Kivu è una delle regioni più popolose della Repubblica Democratica del Congo: ha otto milioni di abitanti e ci vivono più di un milione di profughi e rifugiati dai paesi vicini. Le prime persone a essere vaccinate sono stati i membri del personale sanitario che dovrà occuparsi di contenere l’epidemia.

Tag: #Mondo #Ebola #NordKivu #RepubblicaDemocraticaDelCongo

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Questa sera in tv c’è qualche film interessante – Money Monster – L’Altra faccia del...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

«La sopportabilità massima del parlato-unito, in Italia, è di quindici minuti. La voce unica e fusa erogata dal graticcio del radioapparecchio, in quanto non soccorsa dalla presenza fisica, dalla gestizione o dall’atteggiamento di chi...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

La polizia scientifica turca ha avuto il permesso di accedere alla residenza privata del console saudita a Istanbul per cercare indizi sulla scomparsa e l’omicidio di Jamal Khashoggi, il giornalista e dissidente saudita scomparso il 2 ottobre dopo...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Da qualche giorno, lo scrittore Antonio Scurati e lo storico ed editorialista del Corriere della Sera Ernesto Galli della Loggia stanno discutendo (litigando, si potrebbe dire per semplificare) dell’ultimo romanzo di Scurati M. Il figlio...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Secondo nuovi documenti presentati nell’ambito di un causa intentata nei confronti di Facebook, da un piccolo gruppo di inserzionisti di pubblicità in California, il social network avrebbe volutamente gonfiato per più di un anno i numeri del tempo...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Le temperature non si sono ancora abbassate molto: ci sono le condizioni meteorologiche perfette per indossare un trench come quello che Emma Stone ha in Maniac, no? Questa considerazione ha spinto alcune redattrici del Post a fare una...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan, arrivato al potere lo scorso maggio dopo che una serie di grandi proteste pacifiche avevano costretto alle dimissioni il politico che da dieci anni governava il paese, si è dimesso chiedendo che entro dicembre ...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Mulino Bianco è probabilmente la marca di biscotti e merendine più conosciuta d’Italia: molti sono...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Fino al 21 ottobre a Palermo ci sarà il Festival delle letterature migranti, con più di 90 incontri in tutto tra laboratori, mostre, proiezioni e presentazioni di 40 libri. Il Festival è organizzato dall’Associazione Festival delle Letterature...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Una carovana di migranti dell’Honduras, che da giorni sta procedendo a piedi verso gli Stati Uniti, attraverso l’America Centrale, sta attirando le attenzioni dei media di tutto il mondo. Non è la prima carovana di questo tipo, ma com’era già...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Anche domani dovrebbe fare bello un po’ in tutta Italia. Al Nord troveremo nuvole consistenti solo a ridosso dei monti, e potrebbe piovere solamente sulle Dolomiti. Più a sud, il cielo sarà coperto su parte della Sardegna e molto coperto sulle zone...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Nelle ultime settimane negli Stati Uniti è stato rilevato un sensibile aumento di casi di mielite flaccida acuta (AFM), una malattia molto rara, simile alla poliomielite e della quale non si conoscono ancora di preciso le cause. Si sospetta che la...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Alle Olimpiadi di Tokyo del 2020 il Comitato Olimpico Internazionale ha deciso di inserire cinque nuovi sport: il baseball/softball, l’arrampicata sportiva, lo skateboard, il karate e il surf. Se i primi non comporteranno grandi problemi...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Mercoledì sera un tentativo da parte del ministro del Lavoro Luigi Di Maio di bloccare il condono fiscale, una norma non particolarmente gradita al Movimento 5 Stelle, si è trasformato in un bizzarro e imbarazzante incidente che ha messo in crisi le...

Pubblicato giovedì, 18 ottobre 2018 ‐ Il Post

Mercoledì sera, il vice presidente del Consiglio, ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico e leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio ha detto che qualcuno aveva manipolato il testo di un decreto legge appena arrivato al Quirinale, in modo da...