L’uomo che ha respinto l’assalitore di Christchurch

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Post

Venerdì, dopo aver ucciso 43 persone nella moschea di Al Noor a Christchurch, in Nuova Zelanda, il suprematista bianco Brenton Tarrant si è diretto in auto verso un’altra moschea della città, su Linwood Avenue, dove ha ricominciato a sparare e ha ucciso altre 7 persone. Il numero dei morti a Linwood avrebbe potuto essere molto più alto se non fosse stato per Abdul Aziz, uno dei più di 80 fedeli che si trovavano in moschea per la preghiera del venerdì: dopo aver sentito i primi spari, Aziz si è lanciato contro Tarrant armato solo di un POS, una di quelle macchinette per bancomat e carte di credito, e dopo un breve inseguimento è riuscito a farlo scappare.
Lateef Alabi, l’imam della moschea di Linwood, ha raccontato di aver sentito delle voci provenire da oltre una finestra mentre stava officiando la preghiera, intorno alle 13.55. Guardando fuori ha notato prima un uomo vestito da militare e con un’arma in mano, e poi due corpi a terra; allora ha urlato a tutti di stare giù e accucciarsi, e in quel momento Tarrant si è girato nella sua direzione e ha cominciato a sparare con un arma semi automatica.

La polizia non ha ancora diffuso una sua versione di quello che è successo venerdì nelle moschee di Al Noor e Linwood, ma i giornali hanno analizzato il video dell’attacco, hanno potuto parlare con diversi testimoni e Aziz stesso – un 48enne immigrato 25 anni fa dall’Afghanistan in Nuova Zelanda – ha raccontato più volte come sono andate le cose dal suo punto di vista.
Venerdì Aziz era alla moschea con i suoi quattro figli. Quando l’imam ha dato l’allarme e sono cominciati gli spari, Aziz senza pensarci è corso nella direzione da cui provenivano, nel parcheggio adiacente alla moschea. Su un tavolo ha trovato un POS lungo una ventina di centimetri e armato solo di quella si è trovato per la prima volta di fronte a Tarrant, che stava prendendo dalla sua auto un’altra arma. A terra c’erano già i corpi di due persone, e Aziz a quel punto ha attaccato Tarrant con quello che aveva, lanciandogli addosso il POS. Tarrant ha sparato i primi colpi contro Aziz, che si è nascosto tra le auto del parcheggio dove ha trovato il corpo di una terza persona appena uccisa e una delle armi che Tarrant aveva usato e poi abbandonato per terra.
Aziz ha detto di aver preso l’arma di Tarrant e aver provato a sparare, ma il caricatore era vuoto. Con l’arma ancora in mano però ha inseguito Tarrant, che intanto era rientrato nella moschea e aveva ricominciato a sparare. Aziz ha detto che non era spaventato e che si stava comportando in modo irrazionale: urlava contro Tarrant e lo insultava per attirare la sua attenzione. Tarrant a quel punto ha lasciato anche la seconda arma ed è tornato verso la sua auto, probabilmente per prenderne un’altra. Si è seduto al posto di guida e Aziz, che lo stava inseguendo, gli ha lanciato l’arma scarica che aveva raccolto contro l’auto, rompendo uno dei vetri. A quel punto, vedendo il finestrino rotto, ha raccontato Aziz, Tarrant deve aver pensato che qualcuno gli stesse sparando addosso: pur avendo con se altre armi ed esplosivo, ha acceso l’auto ed è scappato. Pochi minuti dopo un’auto della polizia ha speronato l’auto di Tarrant, che è stato arrestato. La conclusione dell’arresto è stata ripresa da un passante.
Il racconto di Abdul Aziz, in inglese.
«Quando sono rientrato nella moschea», ha raccontato Aziz, «ho visto che erano tutti terrorizzati e cercavano riparo. Gli ho detto “fratelli, alzatevi, siete al sicuro, se ne è andato, è scappato”, e poi tutti si sono messi a piangere». Lateef Alabi, l’imam della moschea, ha raccontato che se non fosse stato per Aziz, se Tarrant fosse riuscito a entrare nella sala della preghiera, il numero dei morti sarebbe stato molto più alto.

Tag: #Mondo #AbdulAziz #Christchurch #NuovaZelanda

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...