L’economia turca è nei guai

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Il Post

La lira turca, la moneta della Turchia, ha perso nel giro di 24 ore il 12 per cento del suo valore contro il dollaro. Si tratta di un crollo molto grave, arrivato nel corso di un anno già parecchio difficile: da gennaio ad oggi, la lira ha perso il 30 per cento del suo valore, causando difficoltà ai consumatori, che devono fronteggiare prezzi in costante crescita a causa di importazioni sempre più costose, e alle imprese, che devono ripagare i loro debiti in valute estere con una moneta che vale sempre meno.
Proprio quest’ultimo aspetto sta iniziando a preoccupare i regolatori europei, scrive il Financial Times. Alcune importanti banche, come la spagnola BBVA, l’italiana UniCredit e la francese BNP Paribas, hanno prestato molto denaro alla Turchia e rischiano di subire forti perdite se i loro debitori inizieranno a non essere più in grado di restituire il denaro ricevuto in prestito. Secondo il quotidiano, il 40 per cento del patrimonio del settore bancario turco è costituito da titoli dei debiti denominati in valuta estera, i cui interessi devono quindi essere ripagati in monete rispetto alle quali la lira turca vale sempre meno.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, che lo scorso giugno è stato eletto per la seconda volta presidente della Repubblica, ha incolpato gli speculatori e i nemici internazionali della Turchia per la recente crisi. Nel corso di un comizio Erdoğan si è rivolto ai suoi sostenitori dicendo «Se loro hanno i dollari, noi abbiamo dalla nostra la gente, la giustizia e Dio».
La crisi della lira turca è dovuta soprattutto alle decisioni di Erdoğan, che hanno aumentato moltissimo la quantità di moneta in circolazione nel paese, facendo quindi perdere valore alla moneta stessa (detto brutalmente: per la regola della domanda e dell’offerta). Da una parte Erdoğan è contrario al rialzo dei tassi di interesse, lo strumento principale con cui le banche centrali posso cercare di limitare la quantità di denaro in circolazione e così aumentarne il valore. Dall’altra, durante la campagna elettorale per le presidenziali, Erdoğan aveva promesso maggiore spesa pubblica e altri investimenti statali, misure che a loro volta hanno prodotto ulteriore circolazione di moneta.
Nel contempo, Erdoğan ha involontariamente alimentato la sfiducia degli investitori nel paese. Ad esempio, lo scorso luglio ha scelto suo genero, Berat Albayrak, come nuovo ministro dell’Economia. Albayrak non ha particolari esperienze economiche e non è conosciuto dagli investitori internazionali. Anzi, nel corso della campagna elettorale aveva sostenuto che il crollo nel valore della lira fosse dovuto a un complotto internazionale. L’annuncio della sua nomina aveva causato un immediato e ulteriore calo della lira. Charles Robertson, capo economista della società Renaissance Capital, specializzata nei mercati emergenti, ha detto al Financial Times: «I mercati hanno oramai perso fiducia nel triumvirato formato da Erdoğan, suo genero e la banca centrale turca».
Il presidene turco è anche riuscito a causare una crisi intenazionale con il suo principale alleato, gli Stati Uniti. Le autorità del paese hanno infatti arrestato un predicatore evangelico americano e lo hanno accusato di terrorismo e di complicità con gli autori del tentanto colpo di stato del 2016 (accuse che gli avvocati del predicatore e il governo degli Stati Unit respingono e definiscono assurde). Nonostante gli Stati Uniti abbiano offerto condizioni molto vantaggiose in cambio della liberazione dell’uomo, Erdoğan ha alzato ulteriomente la posta e alla fine ha abbandonato le trattative. In risposta, il governo americano ha sanzionato due ministri del governo turco, facendo temere una escalation diplomatica che danneggerebbe ulteriormente la fiducia internazionale nell’economia turca.
Secondo gli esperti, la soluzione alla crisi turca passa per una serie di scelte a breve termine dolorose, ma che avranno effetti positivi a lungo termine. La banca centrale dovrebbe alzare immediatamente i tassi di interesse e il governo turco dovrebbe accettare la recessione che questo provocherebbe, riducendo gli stimoli fiscali che rischiano di rendere inefficace il rialzo dei tassi di interesse. Erdoğan dovrebbe ricucire i rapporti con gli Stati Uniti e inserire nel governo nuovi nomi che possano ridare fiducia agli investitori. Per alcuni, la posizione del presidente turco, al potere oramai da 15 anni, è così salda che potrebbe senza difficoltà tornare sui suoi passi e attuare almeno una parte di queste misure senza perdere credibilità. Per altri, Erdoğan è oramai incapace di ammettere di aver sbagliato e ha finito con il credere alle bizzarre teorie del complotto internazionale che il suo stesso entourage ha fabbricato, senza curarsi delle conseguenze che questo potrebbe avere per il paese.

Tag: #Economia #Lira #LiraTurca #RecepTayyipErdoğan #Turchia

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Anche questa sera in tv ci sono tanti film, che con poche eccezioni sono proprio quei film che passano in...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Almeno cinque paesi dell’Unione Europea si sono accordati per accogliere i 141 migranti che dallo scorso fine settimana si trovano a bordo dalla nave Aquarius, dopo essere stati soccorsi al largo delle coste della Libia. I paesi sono Spagna,...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Poco prima del mezzogiorno di oggi è crollato a Genova il ponte Morandi, che passa sopra il fiume Polcevera e si trova tra i quartieri di Sampierdarena e Cornigliano. Il ponte è lungo oltre un chilometro, è alto 90 metri, si trova a ovest del centro...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Poco prima di mezzogiorno è crollato un pezzo del ponte dell’autostrada A10 a Genova: si tratta del ponte Morandi, che attraversa il fiume Polcevera. Non ci sono ancora notizie di eventuali feriti, ma le prime foto diffuse mostrano un crollo esteso....

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Alcuni nuovi orinatoi installati a Parigi hanno generato un po’ di polemiche, perché alcuni residenti dicono che deturpano la città. Uno in particolare, posizionato lungo la Senna sull’Île Saint-Louis, poco distante dalla cattedrale di Notre Dame, ...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Il social network Instagram sta avendo molto successo: è in costante crescita e ci sono almeno un...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Google registra i dati sulle posizioni degli utenti di diversi suoi servizi – sia su sistema operativo Android che iOS – anche quando questi utenti hanno esplicitamente deselezionato la principale opzione che acconsente a fornire quei dati. Lo ha...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Un uomo è stato arrestato martedì mattina a Londra dopo che l’auto che stava guidando si è schiantata contro le barriere di sicurezza fuori dal Parlamento. Le autorità hanno fatto sapere che ci sono due feriti, non in pericolo di vita. Per il...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

La CAPPMA, l’ente del governo cinese che si occupa di regolare il mercato dei prodotti acquatici, ha stabilito che in Cina la trota salmonata – o trota arcobaleno – potrà essere venduta come “salmone”, causando molte proteste. La decisione è ...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Per Ferragosto, che è domani, è previsto brutto tempo su gran parte dell’Italia. Al nord ci sarà tempo davvero bello – con il sole e il cielo più o meno azzurro – solo su Piemonte e Lombardia, mentre sono attesi temporali mattutini in Veneto ed ...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Il 13 giugno scorso il presidente statunitense Donald Trump scrisse un tweet che lasciò stupefatti molti. Erano passate poche ore dallo storico incontro a Singapore tra lui e il dittatore nordcoreano Kim Jong-un, che era terminato con una vaga...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

Beppe Grillo ha pubblicato sul suo blog un post molto critico contro l’omeopatia. Il post è firmato da «Beppe Grillo e dal suo neurologo» ed è presentato sotto forma di lettera aperta indirizzata «all’ordine dei farmacisti italiani»: sostiene...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Post

La maggior parte dei giornali di oggi apre sulla crisi economica turca e sulle conseguenze sui mercati europei e sui conti pubblici italiani, con lo spread che torna a salire raggiungendo quota 280. Il Manifesto, Avvenire e il Dubbio titolano invece sul...

Pubblicato lunedì, 13 agosto 2018 ‐ Il Post

Alle 18.00 di sabato 18 agosto, con la partita tra Chievo Verona e Juventus, inizierà la nuova stagione di Serie A: si potrà vedere in diretta streaming su Now TV. È una delle 266 partite di Serie A (sulle 380 totali) trasmesse in streaming su Now...

Pubblicato lunedì, 13 agosto 2018 ‐ Il Post

Alberto Perino, storico leader del movimento No Tav che si oppone alla costruzione del treno ad alta velocità in Val di Susa, ha scritto una mail ai comitati No Tav in cui ha criticato il Movimento 5 Stelle accusandolo di non aver fatto ancora niente di ...