L’economia turca è nei guai

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Il Post

La lira turca, la moneta della Turchia, ha perso nel giro di 24 ore il 12 per cento del suo valore contro il dollaro. Si tratta di un crollo molto grave, arrivato nel corso di un anno già parecchio difficile: da gennaio ad oggi, la lira ha perso il 30 per cento del suo valore, causando difficoltà ai consumatori, che devono fronteggiare prezzi in costante crescita a causa di importazioni sempre più costose, e alle imprese, che devono ripagare i loro debiti in valute estere con una moneta che vale sempre meno.
Proprio quest’ultimo aspetto sta iniziando a preoccupare i regolatori europei, scrive il Financial Times. Alcune importanti banche, come la spagnola BBVA, l’italiana UniCredit e la francese BNP Paribas, hanno prestato molto denaro alla Turchia e rischiano di subire forti perdite se i loro debitori inizieranno a non essere più in grado di restituire il denaro ricevuto in prestito. Secondo il quotidiano, il 40 per cento del patrimonio del settore bancario turco è costituito da titoli dei debiti denominati in valuta estera, i cui interessi devono quindi essere ripagati in monete rispetto alle quali la lira turca vale sempre meno.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, che lo scorso giugno è stato eletto per la seconda volta presidente della Repubblica, ha incolpato gli speculatori e i nemici internazionali della Turchia per la recente crisi. Nel corso di un comizio Erdoğan si è rivolto ai suoi sostenitori dicendo «Se loro hanno i dollari, noi abbiamo dalla nostra la gente, la giustizia e Dio».
La crisi della lira turca è dovuta soprattutto alle decisioni di Erdoğan, che hanno aumentato moltissimo la quantità di moneta in circolazione nel paese, facendo quindi perdere valore alla moneta stessa (detto brutalmente: per la regola della domanda e dell’offerta). Da una parte Erdoğan è contrario al rialzo dei tassi di interesse, lo strumento principale con cui le banche centrali posso cercare di limitare la quantità di denaro in circolazione e così aumentarne il valore. Dall’altra, durante la campagna elettorale per le presidenziali, Erdoğan aveva promesso maggiore spesa pubblica e altri investimenti statali, misure che a loro volta hanno prodotto ulteriore circolazione di moneta.
Nel contempo, Erdoğan ha involontariamente alimentato la sfiducia degli investitori nel paese. Ad esempio, lo scorso luglio ha scelto suo genero, Berat Albayrak, come nuovo ministro dell’Economia. Albayrak non ha particolari esperienze economiche e non è conosciuto dagli investitori internazionali. Anzi, nel corso della campagna elettorale aveva sostenuto che il crollo nel valore della lira fosse dovuto a un complotto internazionale. L’annuncio della sua nomina aveva causato un immediato e ulteriore calo della lira. Charles Robertson, capo economista della società Renaissance Capital, specializzata nei mercati emergenti, ha detto al Financial Times: «I mercati hanno oramai perso fiducia nel triumvirato formato da Erdoğan, suo genero e la banca centrale turca».
Il presidene turco è anche riuscito a causare una crisi intenazionale con il suo principale alleato, gli Stati Uniti. Le autorità del paese hanno infatti arrestato un predicatore evangelico americano e lo hanno accusato di terrorismo e di complicità con gli autori del tentanto colpo di stato del 2016 (accuse che gli avvocati del predicatore e il governo degli Stati Unit respingono e definiscono assurde). Nonostante gli Stati Uniti abbiano offerto condizioni molto vantaggiose in cambio della liberazione dell’uomo, Erdoğan ha alzato ulteriomente la posta e alla fine ha abbandonato le trattative. In risposta, il governo americano ha sanzionato due ministri del governo turco, facendo temere una escalation diplomatica che danneggerebbe ulteriormente la fiducia internazionale nell’economia turca.
Secondo gli esperti, la soluzione alla crisi turca passa per una serie di scelte a breve termine dolorose, ma che avranno effetti positivi a lungo termine. La banca centrale dovrebbe alzare immediatamente i tassi di interesse e il governo turco dovrebbe accettare la recessione che questo provocherebbe, riducendo gli stimoli fiscali che rischiano di rendere inefficace il rialzo dei tassi di interesse. Erdoğan dovrebbe ricucire i rapporti con gli Stati Uniti e inserire nel governo nuovi nomi che possano ridare fiducia agli investitori. Per alcuni, la posizione del presidente turco, al potere oramai da 15 anni, è così salda che potrebbe senza difficoltà tornare sui suoi passi e attuare almeno una parte di queste misure senza perdere credibilità. Per altri, Erdoğan è oramai incapace di ammettere di aver sbagliato e ha finito con il credere alle bizzarre teorie del complotto internazionale che il suo stesso entourage ha fabbricato, senza curarsi delle conseguenze che questo potrebbe avere per il paese.

Tag: #Economia #Lira #LiraTurca #RecepTayyipErdoğan #Turchia

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera su Rai 1 ci sono Piero Angela, Carlo Cottarelli, Laura Pausini e un po’ di attori ospiti a...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

«Se vi pare che questo mondo sia brutto, dovreste vederne qualche altro» Titolo di un saggio del 1977 dello scrittore di fantascienza Philip K. Dick – che oggi compirebbe 90 anni – sul suo lavoro di romanziere. In italiano...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il 25 settembre del 2000 ai Giochi olimpici di Sydney si giocò una partita della fase a gironi del torneo di basket tra Francia e Stati Uniti. La vinsero gli Stati Uniti, che poi avrebbero poi vinto anche l’oro, battendo di nuovo la Francia in finale. ...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il 2018 del tennis si è concluso lo scorso 25 novembre con la finale di Coppa Davis, vinta dalla Croazia contro la Francia, ma oltre al risultato sportivo a far discutere è stata la polemica tra i giocatori francesi e l’organizzatore dell’evento,...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il sito di news Daily Beast ha pubblicato un video del 2016 in cui Mick Mulvaney, il funzionario che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha scelto come capo dello staff provvisorio della Casa Bianca in sostituzione di John Kelly,...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Pensate a un film recente con effetti speciali che vi abbiano particolarmente colpito. Proprio da dire wow. È difficile aver visto un intero film senza effetti speciali, perché sono vecchi tanto quanto il cinema e sono ovunque: ma è probabile che oggi ...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

L’America Latina è la regione più violenta al mondo, con i più alti indici di omicidi e impunità. Ogni giorno vengono uccise circa 400 persone – un terzo di tutte quelle uccise nel mondo – e in meno del 20 per cento dei casi viene trovato il...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Ci sono quelli che ogni gennaio aprono un documento Excel, su cui annotano diligentemente quale regalo fare ad ogni amico e parente per il Natale successivo.A ottobre li comprano. E poi ci sono quelli che il pomeriggio del 24...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Nella notte di domenica, alle 4.15, un pullman del gruppo Flixbus proveniente da Genova e diretto a Düsseldorf, in Germania, ha avuto un incidente vicino a Zurigo, in Svizzera: una donna è morta e 44 persone si sono ferite, tre in modo grave. Due...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Lo scorso 7 dicembre una bambina guatemalteca di 7 anni, che meno di due giorni prima aveva attraversato il confine tra il Messico e gli Stati Uniti con suo padre e altri 161 richiedenti asilo, è morta, probabilmente per una sindrome da shock settico. ...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il Lussemburgo vuole rendere gratuiti i mezzi pubblici per tutti i suoi 600 mila cittadini entro il 2020: se ci riuscisse, sarebbe il primo paese al mondo a farlo. In diverse città si è parlato in passato di rendere gratuiti i mezzi pubblici per...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Sabato sera la Juventus ha vinto il 147esimo “derby” torinese, battendo il Torino allo Stadio Olimpico grazie a un calcio di rigore realizzato da Cristiano Ronaldo nel secondo tempo. Non è stata una gran partita, ma la Juventus è comunque riuscita...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Il fotografo brasiliano Felipe Dana ha scattato delle foto – per Associated Press – ad alcuni ragazzi e uomini palestinesi feriti alle gambe negli ultimi mesi mentre protestavano lungo il confine con Israele della Striscia di Gaza,...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Roma-Genoa è il posticipo domenicale della sedicesima giornata del campionato di Serie A. Si gioca stasera alle ore 20.30 allo Stadio Olimpico di Roma. Roma e Genoa sono due squadre in grande difficoltà. Fra campionato e coppe non vincono...

Pubblicato domenica, 16 dicembre 2018 ‐ Il Post

Un articolo pubblicato questa settimana sulla rivista scientifica Royal Society Open Science ipotizza che il pollo da allevamento possa essere considerato come uno dei principali tratti identificativi dell’attuale era geologica, quella...