Le accuse contro lo Spezia Calcio

Pubblicato martedì, 12 febbraio 2019 ‐ Il Post

Lunedì il giudice per le indagini preliminari del Tribunale della Spezia ha interdetto per un anno dalle loro attività Luigi Micheli e Stefano Chisoli, rispettivamente amministratore delegato e presidente dello Spezia Calcio, squadra ligure di Serie B. Le interdizioni sono state motivate dalle presunte violazioni delle leggi in materia di immigrazione nel trasferimento di calciatori minorenni dalla Nigeria all’Italia. La Questura della Spezia ha parlato di un “sistema finalizzato a far giungere e poi permanere in Italia giovani atleti minorenni di nazionalità nigeriana, selezionati in una scuola calcio di Abuja” e “di tesseramenti fittizi in squadre dilettantistiche per ricavare plusvalenze significative”.
Oltre a Micheli e Chisoli sono indagate altre tredici persone, tra le quali il proprietario dello Spezia, Gabriele Volpi, il manager Gianpiero Fiorani e il consigliere Maurizio Felugo, ex pallanuotista e presidente della Pro Recco Waterpolo, altra società ligure di cui Volpi è proprietario.


Le indagini sulle presunte condotte irregolari dello Spezia si collegano alle rivelazioni contenute in alcuni dei milioni di documenti riservati sul calcio professionistico pubblicati negli ultimi tre anni per opera di un informatico portoghese ora in stato di fermo in Ungheria. Già l’anno scorso, in alcuni documenti visionati dal settimanale croato Nacional con l’aiuto dell’Espresso e del giornale olandese NRC Handelsblad, erano state descritte le procedure con cui la federazione croata e la dirigenza della squadra del Rijeka avevano aggirato il regolamento FIFA nel tesseramento di minorenni nigeriani. Le rivelazioni erano costate una multa di 16.000 franchi svizzeri alla federazione e una di 10.000 franchi al Rijeka per la violazione accertata nel trasferimento di un giocatore, Goodness Ohiremen Ayaji.
Le violazioni del Rijeka e della federazione croata sono simili nella pratica a quelle che, secondo le accuse, lo Spezia avrebbe riprodotto in Italia. Fino al 2017 infatti il Rijeka e lo Spezia hanno condiviso la stessa proprietà: la società olandese Stichting Social Sport, a sua volta controllata da una società offshore con sede alle Bahamas riconducibile a Gabriele Volpi. Due anni fa Volpi ha venduto tutte le sue quote del Rijeka, per una cifra mai dichiarata, al croato Damir Miskovic, direttore esecutivo del club sotto la sua gestione, nonché vice presidente della federazione croata e console onorario in Nigeria, paese dove negli ultimi trent’anni ha lavorato come dipendente nelle attività logistiche di Volpi (il cui fatturato viene stimato attorno ai due miliardi di dollari). In Nigeria Volpi e Miskovic hanno fondato una scuola calcio giovanile, il Football College di Abuja, proprio quella dalla quale provengono i giocatori nigeriani fatti arrivare illegalmente in Italia.
Secondo le accuse, i dirigenti dello Spezia Calcio chiedevano all’ambasciata italiana in Nigeria il rilascio di visti temporanei d’ingresso per i ragazzi selezionati dal Football College di Abuja impegnandosi a farli rientrare in patria al termine del permesso concesso, spesso in coincidenza con tornei giovanili. I calciatori selezionati venivano però di fatto portati in Italia e mantenuti dallo Spezia oltre la scadenza del visto in qualità di minori non accompagnati, allo scopo di beneficiare delle tutele previste per i minori che si trovano effettivamente in tale situazione, ovvero l’affidamento con il rilascio di un nuovo permesso di soggiorno. Lo Spezia avrebbe usato questa pratica tra il 2014 e il 2017 per il trasferimento di tredici ragazzi nigeriani. Due di questi giocatori hanno giocato o giocano in Serie A: sono Abdullahi Nura e Umar Sadiq, poi comprati dalla Roma fra il 2015 e il 2016 per circa 5 milioni di euro complessivi. Fra gli indagati ci sono anche i presidenti di piccole squadre locali usate come appoggio per le operazioni di mercato con le quali lo Spezia avrebbe creato delle plusvalenze.

Tag: #Sport #Calcio #GabrieleVolpi #Nigeria #Rijeka #SpeziaCalcio

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Il Post

Lunedì una parte dei media italiani ha dato molto risalto a una polemica – cominciata negli Stati Uniti, ma rimasta molto limitata – sui tweet scritti dall’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e dall’ex segretario di Stato Hillary...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Il Post

Dopo giorni di scontri, il governo potrebbe decidere martedì di trasformare la norma “salva-Roma”, che riduce il debito accumulato dal comune di Roma, in un “salva-tutti”, cioè che fa la stessa cosa con tutti i comuni italiani in dissesto. Il...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Il secondo episodio dell’ultima stagione di Game of Thrones è andato in onda lunedì ed è...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Il Post

Dopo il maltempo di Pasquetta, tra oggi e domani al Sud e sulla Sardegna la situazione dovrebbe migliorare, mentre al Nord continuerà a piovere. Al Nord la giornata comincerà con cielo nuvoloso un po’ dappertutto, e in particolare...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Il Post

Mentre il bilancio dei morti negli attentati di domenica in Sri Lanka è salito a 310, sta emergendo sempre più chiaramente il fallimento dei servizi di intelligence del paese nell’evitare uno dei più gravi attacchi terroristici degli ultimi...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Il Post

Samsung ha rinviato a data da destinarsi la messa in vendita del Galaxy Fold, il suo primo attesto smartphone con schermo pieghevole presentato per la prima volta alla fine dello scorso febbraio. Il rinvio è stato annunciato lunedì 22 aprile, ad alcuni ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Il Post

Eni gas e luce, la società controllata da Eni che si occupa della vendita di gas e luce a famiglie e imprese, ha avviato una call for innovation per cercare “idee innovative” che possano migliorare l’efficienza energetica e la sicurezza...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Il Post

Ieri i giornali non erano usciti, perciò oggi gli attentati in Sri Lanka sono su quasi tutte le prime pagine nazionali: il bilancio dei morti è salito a 310, mentre il governo ha incolpato il semisconosciuto gruppo National Thowheeth Jama’ath. Ci...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Il Post

Questa sera negli Stati Uniti HBO trasmetterà il primo episodio di una nuova serie tv di cui probabilmente si parlerà anche da noi, soprattutto per la storia che racconta. La serie si intitola Gentleman Jack, è ambientata nello Yorkshire...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera in tv non c’è granché da guardare, a meno che non siate dell’umore giusto per riprendere...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Il Post

Ralph Lawler è uno dei più noti telecronisti sportivi degli Stati Unit: dal 1978 ha commentato più di 3mila partite della squadra di basket dei Los Angeles Clippers, che gioca in NBA, la più importante lega di basket americana. Questa sarà la sua...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Il Trono di Spade (Game of Thrones, in originale) ricomincia oggi nella sua versione...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Il Post

Il regime del Brunei, piccolo sultanato sull’isola del Borneo, ha inviato una lettera al Parlamento europeo per difendere l’introduzione della pena di morte per lapidazione per i reati di adulterio e sesso omosessuale, come previsto dalla...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Il Post

Leonardo da Vinci morì il 2 maggio 1519: fra qualche giorno saranno passati 500 anni ed è per questo che in tutto il mondo sono in corso mostre e celebrazioni per ricordare le sue opere artistiche e ingegneristiche. Tra queste c’è una mostra in...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Il Post

Lunedì mattina il governo srilankese ha accusato il gruppo islamista National Thowheeth Jama’ath di avere compiuto gli attentati che domenica, il giorno di Pasqua, hanno ucciso almeno 290 persone in Sri Lanka. Il governo ha detto che il National...