L’Argentina nel rugby è un’Italia che ce l’ha fatta

Pubblicato venerdì, 05 luglio 2019 ‐ Il Post

In attesa della Coppa del Mondo in autunno, l’ultima stagione del rugby professionistico internazionale è stata segnata soprattutto da tre avvenimenti: il Grande Slam del Galles nel torneo Sei Nazioni, l’affermazione dei Saracens di Londra come miglior club europeo del decennio e la prima finale del Super Rugby disputata da una squadra argentina. Sabato, quando in Italia saranno le nove e mezza del mattino, i Jaguares di Buenos Aires affronteranno infatti i Crusaders di Christchurch nella finale del campionato più competitivo al mondo, quello disputato dalle migliori squadre provenienti da Nuova Zelanda, Australia, Sudafrica, Argentina e Giappone.
Quello che rende storica la presenza dei Jaguares nella finale del Super Rugby è che arriva a soli quattro anni dalla fondazione della squadra e dall’allargamento del torneo che nel 2016 incluse il Giappone e l’Argentina. La riforma fu ideata dalla SANZAR, la confederazione che raggruppa le federazioni dei paesi partecipanti al Super Rugby, la quale modificò la struttura del campionato approfittando del buon seguito raggiunto nei due paesi, cogliendo quindi l’opportunità per allargare la propria base commerciale.

L’ingresso dei Sunwolves di Tokyo e dei Jaguares di Buenos Aires, tuttavia, non fu affatto semplice. Sul piano sportivo le due squadre diventarono i primi due club professionistici in paesi in cui tuttora esistono soltanto squadre amatoriali. Sunwolves e Jaguares vennero istituiti come franchigie federali in cui far confluire i migliori giocatori delle due nazionali. Per i Jaguares questo processo fu tutto sommato più semplice: potendo attingere a una base più ampia e con più tradizione rispetto a quella giapponese, la federazione trasferì nella squadra la maggior parte dei giocatori della nazionale. Alcuni si trovavano già in Argentina, altri furono contenti di rientrare dall’estero per giocare nella prima squadra professionistica del loro paese.
I Jaguares giocano le partite casalinghe allo stadio Jose Amalfitani, l’impianto della squadra di calcio del Velez Sarsfield (Marcelo Endelli/Getty Images)
Nel corso degli anni la costituzione dei Jaguares è stata più volte criticata, recentemente anche dall’Australia, per il fatto che la squadra con sede a Buenos Aires costituisca di fatto anche la nazionale argentina, da anni competitiva e attualmente decima nel ranking mondiale (quattro posizioni sopra l’Italia). Il modo in cui sono costituiti i Jaguares, tuttavia, è l’unico che permetta la formazione di un club professionistico argentino, e soprattutto una presenza competitiva in un campionato disputato da dei veri e propri squadroni, come quelli neozelandesi.
L’altro ostacolo è tuttora rappresentato dalle distanze da percorrere. Da quattro anni il Super Rugby è diventato uno dei campionati in cui si viaggia di più in tutto lo sport professionistico. Nel 2016 i calendari furono modificati per ridurre al minimo i viaggi, ma per i Jaguares le trasferte più vicine implicano come minimo l’attraversamento di un oceano, che sia il Pacifico per andare in Nuova Zelanda o l’Atlantico per arrivare in Sudafrica. Nell’ultima stagione gli argentini hanno percorso oltre 10.000 chilometri in viaggio, senza contare gli impegni con la nazionale.
Nonostante tutte le difficoltà, il progetto dei Jaguares si è dimostrato congruo allo stato attuale del rugby argentino, una realtà ancora in fase di crescita ma con giocatori già altamente competitivi, come dimostrano il terzo e il quarto posto ottenuti in Coppa del Mondo nel 2007 e nel 2015. Un caso simile, ma opposto, è rappresentato dall’Italia, legata all’Argentina per i tanti giocatori con doppia cittadinanza che attualmente formano le due nazionali. Una delle maggiori critiche rivolte alla struttura del rugby italiano è infatti che questa non rappresenti lo stato attuale del movimento, come dimostrano le pessime prestazioni internazionali di una delle due franchigie italiane e il livello scadente del campionato.
Nel 2016 i Jaguares conclusero la stagione d’esordio nel Super Rugby alla prima fase con 4 vittorie in 15 partite. Nel 2017 le vittorie furono 7, mentre nel 2018 si arrivò a 9 e alla prima qualificazione ai playoff. Quest’anno, complice il fatto che tante federazioni abbiano pensato soprattuto alla Coppa del Mondo, le vittorie dei Jaguares sono state undici e hanno permesso la qualificazione alla prima storica finale. Di recente il capitano argentino Agustin Creevy ha commentato il percorso fatto della squadra dicendo: «Siamo giunti fino a qui grazie a tutto quello che abbiamo appreso in questi quattro anni. La testa della squadra è molto matura, l’unione fra i giocatori è forte, ci vogliamo molto bene e siamo molto uniti. Non abbiano niente da invidiare a nessuna squadra di Buenos Aires, siamo un club vero e proprio. Ci conosciamo da tanto, viviamo tante cose insieme. Immaginate la quantità di ore che passiamo negli hotel o in viaggio. Ci vediamo più che con le nostre famiglie. C’è confidenza, affetto e cameratismo».
La finale del Super Rugby tra Crusaders e Jaguares si giocherà sabato all’AMI Stadium di Christchurch, in Nuova Zelanda, quando in Italia saranno le 9.35 del mattino. Verrà trasmessa in diretta e in esclusiva da Sky su Sky Sport Arena (canale 204). Gli abbonati potranno seguirla anche in streaming tramite le piattaforme online Sky Go e Now TV. Su Now TV chi non possiede un abbonamento a Sky potrà comunque acquistare la partita pagando 7,99 euro per il pass giornaliero.

Tag: #Sport #Argentina #Crusaders #Jaguares #NuovaZelanda #Rugby #SuperRugby

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...