La storica punizione della miglior squadra di rugby inglese

Pubblicato lunedì, 20 gennaio 2020 ‐ Il Post

Nell’ultimo fine settimana, a pochi giorni dall’inizio del torneo Sei Nazioni, una notizia ha capovolto il mondo del rugby inglese. I Saracens di Londra, squadra campione d’Inghilterra degli ultimi due anni e campione continentale in carica, sono stati matematicamente retrocessi dalla Premiership, la prima divisione del campionato inglese, per aver superato il tetto delle spese imposto dalla lega nelle ultime tre stagioni: una vicenda che nello sport professionistico trova un precedente soltanto nella retrocessione in Serie B della Juventus nel 2006.
Dopo giorni di voci e indiscrezioni, sabato scorso i dirigenti della Premiership hanno confermato la retrocessione d’ufficio dei Saracens, il club europeo più vincente del decennio, quello per cui giocano i più forti rugbisti della nazionale inglese, compreso il capitano. Il caso andava avanti da alcuni mesi e lo scorso novembre si era arrivati alla prima sentenza: 35 punti di penalizzazione in classifica e 5 milioni di sterline di multa per aver avuto un monte ingaggi superiore al limite di 7 milioni di sterline per tre stagioni consecutive (non a caso le più vincenti nella storia del club).

I Saracens inizialmente avevano negato ogni responsabilità e si erano appellati alla sentenza. Il loro ricorso era però stato respinto a novembre e nello stesso mese le sanzioni erano state confermate. Al club londinese erano inoltre stato imposto il rientro nei limiti di spesa entro il 31 gennaio per evitare altre sanzioni. Questo ha portato alle dimissioni ai primi di gennaio del presidente Nigel Wray, l’uomo che negli anni Novanta diede inizio alla scalata del club nel rugby inglese dandogli un decisivo sostegno economico, lo stesso che ora è costato la retrocessione. Secondo la lega, Wray avrebbe aggirato i limiti di spesa offrendo ai migliori giocatori in squadra compensi paralleli agli stipendi dichiarati.
Owen Farrell, capitano dei Saracens e della nazionale inglese (David Rogers/Getty Images)
Nelle ultime settimane il suo successore, Neil Golding, ha cercato una soluzione, ma l’impossibilità di cedere giocatori ad altre squadre, perché infortunati o con stipendi troppo alti, ha portato a una nuova penalizzazione di 35 punti che non potrà evitare la retrocessione anche se la squadra dovesse vincere ogni partita da qui alla fine della stagione. Golding ha commentato la retrocessione dicendo: «Come nuovo presidente dei Saracens riconosco che il club ha commesso errori in passato e mi scuso senza riserve».
Ora i Saracens dovranno terminare la stagione in una situazione paradossale. Sono già retrocessi, ma dovranno disputare altre quattordici ininfluenti partite di campionato. Nella Heineken Champions Cup — la Champions League del rugby europeo — si sono invece qualificati ai quarti di finale e hanno buone probabilità di vincerla di nuovo (per la quarta volta in cinque stagioni, eventualmente). La certezza della retrocessione mette inoltre a rischio il futuro del club, che di certo non si potrà permettere di mantenere la stessa squadra in seconda divisione, a meno che i giocatori non decidano di tagliarsi gli stipendi. Sono a rischio anche le sponsorizzazioni più grosse, come quella di Nike e della compagnia assicurativa Allianz, che dà anche il nome allo stadio.
L’Allianz Park di Barnet, stadio dei Saracens (Henry Browne/Getty Images)
Nel mezzo, poi, ci sarà anche il Sei Nazioni, che l’Inghilterra di Eddie Jones vuole vincere per cancellare la sconfitta subita contro il Sudafrica nella finale di Coppa del Mondo lo scorso novembre. Il capitano Owen Farrell e alcuni dei suoi più noti giocatori come Elliott Daly, i fratelli Vunipola e Maro Itoje giocano tutti con i Saracens. La loro situazione con il club potrebbe avere ripercussioni sulla nazionale, soprattutto se dovessero decidere di rimanere in squadra e giocare in seconda divisione nella prossima stagione. Come se non bastasse, nell’ultima partita di coppa il terza linea Billy Vunipola si è rotto un braccio e salterà sicuramente il Sei Nazioni.
Leggi anche: Le regole del rugby, in dieci minuti

Tag: #Sport #PremiershipRugby #Rugby #Saracens

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

Nella notte si è tenuto a Charleston, in South Carolina (Stati Uniti), l’ultimo confronto televisivo fra i candidati alle primarie del Partito Democratico per scegliere l’avversario di Donald Trump alle elezioni presidenziali del 2020. È stato il...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

Secondo gli ultimi dati ufficiali, in Italia ci sono stati casi di contagio confermati del coronavirus (SARS-CoV-2) in nove regioni italiane, anche se la stragrande maggioranza è in Lombardia (259), Veneto (45) ed Emilia-Romagna (26). Altre...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

Da domenica, almeno 20 persone sono morte a Delhi, la capitale dell’India, negli scontri tra musulmani e induisti iniziati dopo settimane di proteste contro la nuova legge sulla cittadinanza, discriminatoria verso i musulmani. Martedì, nel giorno di...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

L’azienda farmaceutica statunitense Moderna ha terminato lo sviluppo di un primo vaccino sperimentale contro il coronavirus (SARS-CoV-2), a meno di tre mesi di distanza dalla scoperta in Cina delle prime polmoniti causate dalla malattia (COVID-19). La...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

Dopo due mesi di sosta, l’edizione 2019/20 della UEFA Champions League è ripresa la scorsa settimana con le prime partite di andata degli ottavi di finale, che si concluderanno stasera. Fra le sedici squadre europee ancora in corsa nel torneo, tre...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

Lione-Juventus è uno dei due ottavi di finale di andata di UEFA Champions League in programma stasera. Si gioca alle 21 al Parc Olympique di Lione, in Francia, e sarà trasmessa da Sky. La Juventus si presenta alla fase a eliminazione diretta di...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per giovedì dicono che la giornata inizierà bene, con bel tempo dappertutto, e finirà male, con brutto tempo al Centro. In particolare, di mattina sarà sereno ovunque tranne sulla costa pugliese nel Gargano. Di pomeriggio...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi due giorni ci sono stati nuovi contagi da coronavirus (SARS-CoV-2) in diversi paesi europei, e sembra che quasi tutti in un modo o nell’altro siano collegati all’Italia, in particolare alla Lombardia, la regione più colpita finora....

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

Sono sempre le notizie sul nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) a occupare le prime pagine di tutti i giornali di oggi, con l’aggiornamento dei numeri di morti e contagiati in Italia, le misure allo studio per aiutare l’economia delle regioni del nord...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Post

Tienimi Bordone è il podcast quotidiano di Matteo Bordone sul Post. Il titolo si capisce? Metti che non si capisce: è un gioco di parole sul fatto che lui si chiama Bordone, ed è buffo, come quando si dice “tienimi bordone”, che vuol dire ...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Post

Nel regolamento del campionato di NHL – il campionato nordamericano di hockey, il più importante al mondo – c’è una regola che dice che se i portieri titolari e le loro riserve si fanno male giocando, possono essere sostituiti da un “portiere...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Post

Nella mattina di martedì 25 febbraio l’assessore al welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ha definito un “attacco ignobile” le affermazioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che lunedì aveva sollevato dubbi sulla gestione...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Post

Diverse regioni italiane hanno annunciato la chiusura di scuole e università come misura preventiva per evitare la diffusione del coronavirus (SARS-CoV-2), dopo che sono emersi i primi casi di contagio da coronavirus la scorsa settimana. Le regioni...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Post

L’Italia è il terzo paese al mondo per contagi confermati del coronavirus (SARS-CoV-2): secondo gli ultimi dati della Protezione Civile comunicati martedì, i contagi sono in tutto 283, una cifra che considera anche le 7 persone morte e che avevano...