La Nuova Zelanda cambierà la legge sulle armi

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Il Post

Il governo della Nuova Zelanda ha intenzione di riformare la legge sulle armi in seguito all’attentato in due moschee di Christchurch compiuto dal 28enne australiano Brenton Tarrant, in cui sono state uccise 50 persone. Dopo una lunga riunione la prima ministra Jacinda Ardern ha detto che il suo gabinetto «è totalmente unito» sulla questione, ma non ha ancora annunciato una proposta concreta: si prenderà il resto della settimana per discutere i dettagli dopo aver concordato di cambiare la legge «in principio». «Questi non sono territori legislativi semplici. Quindi semplicemente ci prenderemo il tempo per farlo nel modo corretto», ha spiegato. Nel frattempo nove persone ferite sono ancora in condizioni critiche.
Nell’attentato Tarrant ha usato cinque armi da fuoco, inclusi due fucili semiautomatici; Ardern aveva detto che nella sua auto erano stati trovati due ordigni esplosivi e che le armi usate nell’attentato erano state probabilmente modificate per essere ancora più letali. Tarrant aveva acquistato legalmente le armi grazie a una licenza di classe A, ottenuta nel novembre del 2017; per comprare quelle semiautomatiche bisogna possedere una licenza molto più complicata da ottenere, ma modificarle non è particolarmente difficile.

Subito dopo la strage, la prima ministra aveva annunciato di voler mettere fuori legge le armi automatiche e di voler riformare la legge che regola la vendita e il possesso delle armi nel paese. Il tema è stato molto discusso negli ultimi giorni. In Nuova Zelanda è in vigore una legislazione molto flessibile sulle armi, e un numero elevato di cittadini ne possiede: ci sono circa 1,2 milioni di armi da fuoco su una popolazione di 4,6 milioni di persone; sparatorie, attentati e stragi non sono però comuni. Ardern ha anche annunciato un’indagine sugli eventi che hanno portato alla strage, compresi gli spostamenti di Tarrant e il suo uso dei social network; ha infine invitato i proprietari di armi a consegnarle e consigliato a chi ha intenzione di comprarne di attendere l’approvazione della nuova legge.
Lunedì il più grosso sito di aste online neozelandese, TradeMe, ha vietato la compravendita di armi automatiche e dei loro accessori: l’amministratore delegato Jon Macdonald ha detto che l’opinione pubblica è chiaramente cambiata, e che la decisione verrà rivista una volta che la nuova legge sarà approvata. Sempre oggi David Tipple, direttore del rivenditore Gun City, ha confermato di aver venduto 4 armi a Tarrant ma non quelle semiautomatiche usate nell’attentato. Nel frattempo anche l’Associazione della polizia neozelandese ha chiesto di vietare le armi semiautomatiche.
In precedenza la Nuova Zelanda aveva tentato di modificare la legge sul possesso e la vendita di armi – nel 2005, 2012 e 2017 – ma le proposte si erano sempre incagliate a causa dell’opposizione delle lobby delle armi e della caccia, molto diffusa nel paese. Dopo l’attentato però l’opinione pubblica è profondamente cambiata, e anche chi prima si opponeva alla riforma ora la sostiene, come New Zealand First, partito nazionalista e populista: il suo presidente Winston Peters, nonché vice-primo ministro, ha detto che «il nostro mondo è cambiato per sempre, e così faranno le nostre leggi».

Tutto sulle armi in Italia

Tag: #Mondo #Armi #AttentatoChristchurch #BrentonTarrant #JacindaArdern #NuovaZelanda

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...