Knicks e Mets non se la passano bene

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Post

Arrivati a circa metà della stagione NBA, i New York Knicks hanno ottenuto 17 vittorie in 55 partite giocate: il peggior inizio di campionato della loro storia. Sono terzultimi nella loro conference e quasi certamente termineranno la settima stagione consecutiva con più sconfitte che vittorie, naturalmente senza giocare i playoff.
A una mezz’ora di strada dal Madison Square Garden — il palazzetto dove giocano i Knicks, a Manhattan — lo scorso novembre i New York Mets hanno invece concluso uno dei peggiori decenni della loro storia nella Major League Baseball, il campionato di baseball americano. I fallimenti dello sport professionistico newyorkese continuano nel football, dove i poco considerati New York Jets non concludono una stagione vincente da cinque anni e non vedono i playoff dal 2010.

Ed è una cosa strana: come mai le squadre più importanti di una delle città più rilevanti del mondo fanno così fatica?
Un tifoso dei Mets al Yankee Stadium (Getty Images)
Le uniche realtà rilevanti e competitive della capitale economica degli Stati Uniti sono gli Yankees e i Giants, rispettivamente nel baseball e nel football: nemmeno loro vedono però un titolo nazionale dal 2011, anno in cui i Giants vinsero il loro ultimo Super Bowl.
In generale lo sport a New York non se la passa molto bene e le squadre newyorkesi sono generalmente poco considerate a livello nazionale, nonostante si trovino al centro della più grande area economica degli Stati Uniti, talmente grande da mantenere alcune di queste organizzazioni ai posti più alti nelle valutazioni di mercato anche in mancanza di risultati.
È il caso dei Knicks, la cui recente valutazione stimata in 4 miliardi di dollari li rende la quinta organizzazione sportiva al mondo per valore. Allo stesso tempo, però, i Knicks sono ormai considerati una specie di barzelletta.
Oltre ad aver vinto soltanto due titoli, negli anni Settanta, vengono spesso criticati per le loro discutibili scelte dirigenziali. Una delle più recenti risale a un anno fa, quando Kristaps Porzingis, l’unico vero grande talento in squadra (all’epoca infortunato), fu coinvolto in uno scambio con tre giocatori dei Dallas Mavericks, nessuno dei quali ha poi saputo incidere nei Knicks: DeAndre Jordan e Wesley Matthews non sono rimasti a New York nemmeno un anno, mentre Dennis Smith Jr. sì, ma con delle prestazioni ritenute totalmente insufficienti.
Porzingis, che a Dallas sta tornando a giocare ai livelli di un tempo, è andato via da New York perché frustrato dalle continue sconfitte della squadra.
In questo video si vedono due giocatori degli Knicks segnare un canestro nel loro canestro, per errore. Un autocanestro, insomma.
Se da una parte le dimensioni dell’area newyorkese danno grandi opportunità economiche alle sue squadre, dall’altra non rendono le cose facili a nessuno: i costi sono alti, la pressione è costante su tutti, dai giocatori ai dirigenti, e la pazienza è poca.
Le difficoltà di Knicks e Mets vengono dunque amplificate da soluzioni sbagliate o per lo meno poco comprensibili, spesso risposte frettolose a problemi profondi. I tifosi chiedono da tempo le cessioni delle due proprietà, considerate inadeguate anche dalle leghe a cui appartengono: l’attuale dirigenza dei Knicks, per esempio, venne definita in passato come un cattivo esempio di gestione dall’allora commissario della lega David Stern.
Il proprietario dei Knicks è James Dolan, figlio del fondatore della televisione via cavo Cablevision e proprietario della Madison Square Garden Company, società a cui fanno capo le proprietà del Madison Square Garden, dei Knicks e dei New York Rangers di hockey. Sotto la gestione di Dolan, anche i Rangers, una delle squadre fondatrici della National Hockey League, faticarono per molto tempo, salvo poi riprendersi raggiungendo un buon livello di competitività. I Rangers, comunque, non vincono un titolo dal 1994.
James Dolan (Getty Images)
Dopo tante stagioni deludenti, sembrano inevitabili nuovi cambiamenti per lo sport newyorkese, anche perché le leghe professionistiche americane non accettano di buon grado che una città attraente come New York non sia adeguatamente rappresentata.
In NBA la rivoluzione nell’ultimo mercato estivo ha aiutato l’altra squadra di basket di New York, i Brooklyn Nets, a imporsi come squadra più forte della città, grazie all’arrivo di campioni come Kevin Durant e Kyrie Irving, che inizialmente sembravano destinati a giocare proprio nei Knicks.
Nel frattempo la risposta di Dolan alle difficoltà dei Knicks è stata ritenuta ancora una volta deludente. A dicembre ha esonerato l’allenatore David Fitzdale — dopo averlo pubblicamente delegittimato — mentre quest’anno ha licenziato Steve Mills, presidente e suo assistente da lungo tempo. Al suo posto dovrebbe assumere Leon Rose, agente sportivo influente ma senza nessuna esperienza in un ruolo simile.


Stephen A damn near had an aneurism talking about the Knicks LMAO pic.twitter.com/24pv1X65Wl
— Mickstape (@MickstapeShow) November 11, 2019

Nel baseball i Mets hanno problemi simili. L’ambiente rimprovera alla famiglia proprietaria, i Wilpon, scarso interesse per la gestione della squadra, motivo per cui i figli dei due membri più anziani, entrambi ottantenni, vorrebbero vendere la maggioranza al miglior offerente. Di recente, però, la trattativa iniziata con il miliardario Steven A. Cohen (lo stesso Cohen che nel 2013 pagò una multa di oltre 1 miliardo di dollari per insider trading) è fallita a causa delle complicate richieste della famiglia Wilpon, che vorrebbe tenere la presidenza e un ruolo dirigenziale per cinque anni anche dopo la vendita.
Nella confusione del momento, la squadra si sta preparando alla nuova stagione del baseball, che inizia ad aprile, con diversi problemi.
Il contratto del nuovo allenatore, Carlos Beltran, ingaggiato soltanto due mesi fa, è stato annullato a gennaio a causa del suo coinvolgimento nello scandalo dei “segnali rubati” degli Houston Astros, squadra per la quale aveva giocato fino al ritiro nel 2017. In merito alla questione, il direttore generale dei Mets, Brodie Van Wagenen, ha spiegato che Beltran non ha omesso il suo coinvolgimento nei colloqui sostenuti per diventare allenatore dei Mets, aggiungendo che né lui né la proprietà avevano pensato di fargli qualche domanda a riguardo nonostante si stesse già parlando del caso.

Tag: #Sport #NewYork #NewYorkKnicks #NewYorkMets #NewYorkYankees

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...