In Nuova Zelanda non ci sono abbastanza uova

Pubblicato domenica, 21 aprile 2019 ‐ Il Post

In Nuova Zelanda non ci sono abbastanza uova. I motivi sono due, come ha spiegato il sito di Radio New Zealand: le galline ovaiole sono in diminuzione e i neozelandesi che consumano uova sono in aumento. La conseguenza è che nei supermercati ci sono sempre meno uova, con possibili aumenti del loro prezzo.
Nel 2009 ogni neozelandese mangiava in media 200 uova l’anno, ora la media è salita a 226. L’opinione prevalente è che i consumatori di uova siano aumentati perché in questi anni diversi nutrizionisti ne hanno rivalutato il valore, soprattutto a colazione. Dato che la Nuova Zelanda ha circa 5 milioni di abitanti, vuol dire quindi almeno un miliardo di uova all’anno. Michael Brooks, amministratore delegato dell’associazione neozelandese dell’industria del pollame, ha detto: «Mangiamo molte uova in Nuova Zelanda: è un modo poco costoso per assumere proteine».

Le cause della diminuzione delle galline – che a fine 2018 erano almeno 4,2 milioni e che ora sono circa 3,6 milioni – sono più complicate. Nel 2012 furono introdotte nuove regole che imponevano agli allevatori di cambiare entro dieci anni le gabbie in cui facevano crescere le galline. Dal 2022 quindi le semplici gabbie saranno vietate: le galline dovranno essere tenute in colonie, in allevamento a terra o all’aperto. Da qui ad allora le regole cambiano progressivamente anno dopo anno. Per adeguarsi e farsi trovare pronti, molti allevatori hanno dovuto cercare nuove strutture e spazi più grandi in cui far crescere le galline. Chi non ce l’ha fatta ha ridotto il numero di galline allevate o ha cambiato attività. «La terra costa, e costano anche i nuovi sistemi», ha spiegato Brooks, che ha poi aggiunto che è anche difficile per i nuovi agricoltori ottenere i permessi necessari per avviare le loro attività.
Brooks ha aggiunto che ora il numero di galline dovrebbe iniziare a risalire, ma che perché una gallina inizi a produrre uova le ci vogliono almeno cinque mesi di vita e che quindi servirà un po’ di pazienza. In più, Brooks teme che problemi simili possano verificarsi anche nei prossimi anni, perché le regole su come allevare le galline si faranno sempre più stringenti e, allo stesso tempo, il numero di uova consumate all’anno potrebbe aumentare. Ma bisognerà vedere se la maggior parte dei neozelandesi sarà disposta a pagare un prezzo un po’ più alto per mangiare uova che saranno ottenute da allevamenti più spaziosi, e quindi più cari.
Secondo gli ultimi dati disponibili in Nuova Zelanda ci sono circa 165 allevamenti di galline e nel dicembre 2018 circa il 45 per cento delle galline faceva le uova in gabbie tradizionali (quelle che saranno vietate dal 2022), il 25 per cento viveva nelle cosiddette colonie e il restante 30 per cento viveva in allevamenti a terra o all’aperto. Secondo i dati dell’Egg Producers Federation, le vendite di uova fanno guadagnare 286 milioni di dollari neozelandesi, pari a circa 170 milioni di euro. L’85 per cento delle uova è venduto direttamente con il guscio, il restante 15 per cento viene venduto a aziende che ci fanno dolci e altri prodotti alimentari. Le prime galline arrivarono in Nuova Zelanda nel 1773: ce le portò l’esploratore britannico James Cook.

Tag: #Mondo #NuovaZelanda #Uova

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...