Il pappagallo più grande mai scoperto

Pubblicato giovedì, 08 agosto 2019 ‐ Il Post

Analizzando alcuni fossili trovati in Nuova Zelanda, un gruppo di ricercatori ha identificato il pappagallo più grande mai scoperto. Vissuto almeno 16 milioni di anni fa, nel Miocene, l’Heracles inexpectatus pesava quasi 7 chilogrammi ed era alto poco meno di un metro. Era un pappagallo enorme, se confrontato con le 350 specie di questi uccelli oggi esistenti, compresa quella cui appartiene il cacapò (Strigops habroptila), uno dei pappagalli viventi più grandi e nativo proprio della Nuova Zelanda.
I fossili dell’Heracles inexpectatus erano stati scoperti nel 2008 nei pressi di St Bathans, una vecchia città mineraria che si trova ai margini di un lago estinto nell’Isola del Sud, una delle due isole principali che costituiscono la Nuova Zelanda. La zona era nota da tempo per ospitare una grande quantità di fossili del Miocene, sia di animali –come coccodrilli, pipistrelli e decine di specie di uccelli – sia di piante di vario tipo. Tra i numerosi ritrovamenti, furono catalogati anche le ossa che costituivano parte delle zampe (tibiotarso) di un grande uccello.

Per una decina di anni, quei fossili furono mantenuti insieme a quelli di altri uccelli esistenti, presumibilmente grandi aquile vissute in tempi remoti sull’isola. In seguito, incuriosito dalla loro forma, il paleontologo Trevor Worthy (Flinders University, Australia) si mise ad analizzare con più attenzione i reperti, notando che erano piuttosto diversi da quelli attribuiti alle aquile. Si convinse che fossero di una specie di pappagallo ormai estinta e si mise al lavoro con alcuni colleghi per approfondire e verificare la sua ipotesi.
Il tibiotarso fossilizzato fu confrontato con quello di altri uccelli estinti conservati nei musei di storia naturale, e con quelli di alcune specie dei giorni nostri. La ricerca comparata portò Worthy e colleghi a concludere che i loro fossili fossero appartenuti a un uccello dell’ordine dei psittaciformi, quello dei pappagalli.
Conoscendo le misure di parte delle zampe e il probabile ordine di appartenenza, Worthy ha in seguito stimato dimensioni e caratteristiche dell’Heracles inexpectatus, con un discreto grado di approssimazione. Avendo dimensioni così grandi e un corpo tozzo, difficilmente il pappagallo gigante poteva volare.
La figura di un essere umano messa a confronto con le dimensioni di una gazza, a sinistra, e di un Heracles, a destra (Paul Scofield, Canterbury Museum)
Come spiegano nel loro studio pubblicato sulla rivista scientifica Biology letters, i ricercatori ritengono che il pappagallo fosse terricolo e che vivesse quindi negli strati più bassi delle foreste. Probabilmente si nutriva della vegetazione che riusciva a raggiungere dal suolo, come del resto facevano altri uccelli giganti di cui siamo riusciti a ricostruire meglio le abitudini grazie a una maggiore quantità di fossili.
Il clima della Nuova Zelanda nel Miocene era piuttosto diverso dall’attuale e simile a quello delle zone tropicali: l’Heracles inexpectatus poteva quindi fare affidamento su numerose piante da frutto. Mantenersi solamente con piante e frutta non doveva essere comunque semplice per un uccello di quelle dimensioni, quindi non è escluso che si nutrisse anche di piccoli animali.
Worthy e colleghi ora confidano di trovare altri fossili appartenuti a esemplari di Heracles inexpectatus, in modo da farsi un’idea più chiara sulle sue caratteristiche. Se per esempio riuscissero a ritrovare il becco, potrebbero capire dalla sua forma quali fossero le effettive abitudini alimentari di questo ingombrante pappagallo. Il problema è che ci sono comunque spiccate differenze tra i becchi degli uccelli odierni e quelli vissuti milioni di anni fa, quindi i ricercatori dovrebbero trovare fossili di altre parti del corpo per completare il loro studio.
La scoperta dell’Heracles inexpectatus conferma quanto fosse variegata e particolare la fauna della Nuova Zelanda 16 milioni di anni fa circa. Essendo rimasta scollegata dagli altri continenti per molto tempo, la Nuova Zelanda rimase a debita distanza dai grandi mammiferi che si svilupparono in altre parti del mondo. In assenza di predatori e di specie di mammiferi che consumano risorse, gli uccelli arrivati e presenti sull’isola ebbero l’opportunità di prosperare e di diversificarsi in una grande varietà di specie, riflesse ancora oggi nella fauna neozelandese.

Tag: #Scienza #HeraclesInexpectatus #NuovaZelanda #Paleontologia #Pappagalli #PappagalloGigante

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...