Il declino della prima classe

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Post

Le prime classi delle compagnie aeree di tutto il mondo sono in declino. Non sono mai state lussuose e ricche di servizi come oggi, eppure sempre meno persone le scelgono. Secondo i dati di OAG, una società di analisi dei voli di linea, negli ultimi dieci anni la maggior parte delle compagnie aeree offre, su quasi tutte le tratte, sempre meno posti in prima classe. In dieci anni i posti in prima classe sui voli Lufthansa si sono quasi dimezzati e, sempre in dieci anni, i viaggiatori che hanno volato in prima classe da Los Angeles a Londra sono diminuiti del quaranta per cento. Grandi compagnie aeree come Air New Zealand e Turkish Airlines hanno addirittura tolto le prime classi dalla loro offerta.
Ne ha parlato di recente l’Economist, provando a capire perché: la risposta veloce è che molti viaggiatori ricchi e con ruoli importanti ormai scelgono di volare in Business o in Premium Economy o in Economy, e che sempre più viaggiatori ricchissimi o molto famosi scelgono i jet privati (che non sono un bene per l’ambiente).

All’inizio della loro storia, i voli commerciali non avevano classi. Come spiega l’Economist, si può dire che all’inizio i passeggeri volassero tutti in prima classe. L’economy, la classe meno cara e meno comoda, fu introdotta negli anni Cinquanta; negli anni Settanta arrivò la business class, pensata per chi durante il volo doveva lavorare in tranquillità o riposare meglio per poter lavorare appena atterrato. A metà anni Novanta arrivò invece la Premium Economy, una via di mezzo tra l’Economy e la Business Class. Ora non è detto che ogni compagnia abbia queste quattro classi, ma se le ha sono in questo ordine, dalla migliore (e più cara, salvo eccezioni e casi strani) alla peggiore:



  • Prima classe: la migliore, con i migliori servizi in volo e a terra


  • Business Class: pensata, lo dice il nome, per chi viaggia per lavoro


  • Premium Economy: creata di recente, come soluzione intermedia


  • Economy: la classe base, con meno servizi e spazi rispetto alle altre


Negli ultimi decenni ci sono state due chiare tendenze nei voli di linea: alcune compagnie hanno puntato, in particolare sui voli più brevi, su offerte low-cost, togliendo tutti i servizi non essenziali. Allo stesso tempo molte grandi compagnie hanno puntato, in particolare per i voli di diverse ore, su prime classi sempre più lussuose e riservate, in alcune delle quali è anche possibile farsi una doccia. Già nel 2014 Alexandre de Juniac, amministratore delegato di Air France-KLM, disse che la prima classe era «poco più di un espediente di marketing» e che «nessuno ci fa davvero i soldi». L’espediente era questo: se un viaggiatore vede che Emirates, British Airways o Air France hanno dei bellissimi posti in prima classe, è portato a pensare che, di conseguenza, nemmeno l’economy sarà così male. Il viaggiatore associava cioè il lusso della migliore offerta di una compagnia alla qualità del servizio generale di quella stessa compagnia.
Per qualche tempo l’idea ha funzionato. Le prime classi aiutavano le compagnie aeree a marcare la loro differenza dai voli low-cost. In più le prime classi erano offerte di lusso, in un periodo – tra la fine degli anni Novanta e i primi anni del Duemila – in cui il mondo del lusso andava bene. Vuol dire che c’erano persone con molti soldi e che quando queste persone volevano viaggiare non badavano a spese.
Come mai, quindi, l’Economist scrive che «molti analisti prevedono che la prima classe stia per scomparire»? Perché, in breve, è migliorato il servizio nelle altre classi. Ora per esempio è possibile reclinare completamente il sedile, per dormire più o meno comodamente, anche in Business. Come ha detto Greeley Koch, che lavora per la Association of Corporate Travel Executives: «La maggior parte delle aziende pensano che questa opzione in Business sia abbastanza per i loro dipendenti e solo qualche pezzo grosso ha quindi diritto a una prima classe pagata dall’azienda». Chi continua a volare in Premium lo fa perché vuole più privacy e perché gradisce qualche vizio in più e la possibilità di scegliere come gestire il proprio tempo di volo, decidendo per esempio cosa e quando mangiare.
C’è poi la questione dei jet privati. Per chi ha davvero molti soldi, i jet privati sono incredibilmente più pratici, riservati, senza orari di imbarco e partenza. In più si può arrivare in molti più aeroporti e stanno diminuendo i costi di gestione di questi jet, spesso in condivisione tra più persone. C’è il problema dell’inquinamento: se è vero che un posto in prima classe genera (per servizi offerti e spazio occupato) il doppio dell’inquinamento di un posto in Economy, è anche vero che tanti jet privati che volano semi-vuoti fanno molto più male all’ambiente di un grande volo di linea pieno di gente con le ginocchia schiacciate nei sedili.

Tag: #Mondo #Aerei #PrimaClasse

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Dev’essere il sogno di ogni presentatore delle previsioni del tempo dire “Italia spaccata in due!” e quindi è il momento di realizzare il nostro sogno. Lunedì al Nord sarà brutto, con pioggia in mattinata e molte nuvole nel pomeriggio; lo stesso ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Novak Djokovic e Rafael Nadal giocheranno oggi alle 16 la finale degli Internazionali d’Italia di Roma, quinto Masters 1000 della stagione tennistica internazionale. Djokovic e Nadal sono i primi due tennisti del ranking mondiale e oggi al Foro...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Il Wall Street Journal racconta che la produzione di cashmere sta diventando un problema per l’ambiente, tanto che molte aziende di moda stanno cercando alternative o stanno rinunciando del tutto a usarlo. Il cashmere è una lana pregiata,...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Perfino i negozi che si affacciano sulla Fifth Avenue, la più famosa e prestigiosa via dello shopping di Manhattan, a New York, stanno avendo problemi per via della crescita dell’e-commerce: gli affitti hanno prezzi troppo alti, e negli ultimi anni...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Il presidente della Toscana Enrico Rossi ha detto in un’intervista a Repubblica che intende tornare nel Partito Democratico, che aveva lasciato insieme a Pier Luigi Bersani, Massimo D’Alema e Roberto Speranza per formare il Movimento dei...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

La penultima giornata del campionato di Serie A è iniziata sabato con la vittoria dell’Udinese contro la Spal, grazie alla quale i friulani sono matematicamente salvi. Nel secondo anticipo Genoa e Cagliari hanno pareggiato: il Cagliari è certo della...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Durante la manifestazione della Lega e dell’estrema destra europea che si è tenuta sabato a Milano, Matteo Salvini ha detto due frasi che si sono fatte notare e sono state piuttosto commentate in giro. Nonostante le aggressioni verbali continue su cui ...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, ha deciso di indire elezioni anticipate dopo lo scandalo che ha coinvolto il suo alleato e vicecancelliere Heinz-Christian Strache, leader del partito di estrema destra che forma la coalizione di governo. Il...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

I titoli dei giornali di oggi riflettono inevitabilmente le due principali notizie di ieri: la manifestazione della Lega e di molti partiti europei di estrema destra che si è tenuta a Milano, e l’imbarazzo della Lega e di molti partiti europei di...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Questa sera Rai 1 trasmette la finale dell’Eurovision Song Contest, il più grande concorso musicale del...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Post

Due fenomeni politici che hanno caratterizzato fin qui la campagna elettorale in vista delle elezioni europee – i moltissimi e duri comizi di Matteo Salvini e le contestazioni e proteste che incontra ovunque vada – convergono oggi a Milano, dove la...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Post

La raccolta fotografica bestiale della settimana è un inno alla speranza: c’è la lince scappata da uno zoo che sale furtiva su un albero e la foca che sguazza felice dopo essere stata salvata dai trafficanti di animali e liberata; soprattutto c’è...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Post

Dal 18 maggio al 23 giugno si terrà a Vicenza la quarta edizione di Illustri, il festival dedicato all’illustrazione italiana e internazionale. È allestita in due sedi: nella Basilica Palladiana ci saranno “Illustri”, dedicata a 11 artisti...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Post

Venerdì la Juventus ha comunicato che Massimiliano Allegri non sarà più il suo allenatore. Al termine del campionato, cioè fra una settimana, Allegri lascerà la squadra che ha allenato negli ultimi cinque anni e con la quale ha vinto cinque...

Pubblicato sabato, 18 maggio 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Nella notte tra domenica e lunedì andrà in onda l’ultimo episodio di Game of Thrones:...