Il cashmere fa male all’ambiente

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Il Wall Street Journal racconta che la produzione di cashmere sta diventando un problema per l’ambiente, tanto che molte aziende di moda stanno cercando alternative o stanno rinunciando del tutto a usarlo. Il cashmere è una lana pregiata, dal filato sottile e morbido, realizzata con il pelo invernale delle capre hircus, che vivono negli altipiani e in alcune regione montuose asiatiche, in particolare in Iran, Afghanistan e soprattutto Cina e Mongolia, che forniscono il 90 per cento del cashmere totale in tutto il mondo. Viene ottenuto pettinando a mano gli animali quando mutano pelo, in primavera; da ogni esemplare si ricavano dai 100 ai 200 grammi di lana.
Un tempo il cashmere era una fibra rara e di lusso, ma negli ultimi anni è entrata nel mercato dell’abbigliamento di massa: prezzi più economici significano maggior quantità di lana a disposizione e greggi sempre più numerosi, con milioni di capre che attraversano le steppe in Cina, in Mongolia e al confine tra i due paesi. La conseguenza è uno sfruttamento intensivo del terreno: secondo dati recenti del governo mongolo circa il 60 per cento dei pascoli si è inaridito, con ampie zone trasformate in deserto. Sempre secondo le autorità mongole, nel 2016 il 23 per cento dei pascoli era stato danneggiato gravemente o completamente, il 13 per cento in più del 2014; nello stesso periodo l’estensione dei terreni che avranno bisogno di almeno 10 anni per riprendersi o che potrebbero non farlo mai è aumentata del 5 per cento.

Un altro problema è il maltrattamento delle capre da parte dei mandriani. Di recente l’agguerrita ong ambientalista PETA ha denunciato la crudeltà degli allevamenti in Cina e Mongolia, pubblicando anche un video della pettinatura piuttosto violenta delle capre: lo trovate qui. L’indagine ha spinto l’azienda di moda H&M ad abbandonare entro il 2020 la vendita di prodotti in cashmere. Altre stanno cercando vie alternative, per esempio Stella McCartney e Patagonia non utilizzando più cashmere vergine ma soltanto rigenerato e ottenuto da scarti e ritagli. In Italia Re.Verso è una piattaforma di aziende tessili che recuperano materiali di scarto, compreso il cashmere, e li trasformano in tessuti e filati da riutilizzare.
Altre aziende stanno provando a intervenire direttamente sulla catena di produzione del cashmere, cosa però molto difficile per la quantità di intermediari e perché è complicato controllare che i mandriani abbandonino le pratiche tradizionali, come spiega Giovanni Schneider, direttore esecutivo del Gruppo Schneider, che commercia cashmere dalla Mongolia e collabora con Kering, il gruppo del lusso francese che controlla tra gli altri Gucci. Kering, per esempio, compra cashmere solo dai mandriani che seguono alcune linee guida, come variare periodicamente i pascoli, permettendo alle zone sfruttate di riposare e far crescere nuova erba.
Il mercato del cashmere riguarda da vicino anche l’Italia. La lana raccolta dalla Mongolia attraversa il confine e arriva nelle fabbriche cinesi, dove viene spesso mescolata con quella di pecore cresciute in Cina; qui la lana viene trasformata in vestiti o spedita in Europa e in particolare in Italia, dove viene lavorata e commercializzata in tutto il mondo. L’aumento delle greggi in Asia ha fatto crescere le esportazioni di cashmere dall’Italia, che sono passate da 171 milioni di euro del 2008 a 305 milioni nel 2018, pari al 4 per cento delle esportazioni di tutto l’abbigliamento italiano.

Tag: #Cultura #Ambiente #Cashmere #Moda

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Oggi, venerdì 20 settembre, partirà da Tromsø, in Norvegia, la più grande missione di esplorazione scientifica artica della storia, con un obiettivo molto particolare. A bordo del rompighiaccio tedesco Polarstern, un sacco di scienziati di 19 paesi...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Per avere un nuovo smartphone c’è chi aspetta l’ultimo modello di iPhone, chi di aver messo da parte un po’ di soldi e chi di farselo regalare per un’occasione importante. Ma non sempre l’acquisto di uno smartphone può essere programmato: a...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera in tv ci sono: il programma di Carlo Conti in cui...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Nelle ultime tre settimane gli arrivi via mare di migranti in Italia sono decisamente aumentati: sia rispetto al mese di agosto, quando sono sbarcate circa 1.200 persone, sia rispetto a settembre del 2018, quando ne arrivarono poco più di mille. Secondo ...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

A cosa assomiglia la fine del mondo? Per secoli la risposta a questa domanda è stata competenza esclusiva di profeti, visionari e pittori, ma da quando la tecnologia ha dato agli esseri umani il potere necessario a distruggere il pianeta per come lo...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

C’è parecchia “gente della moda”, tra le persone che valeva la pena fotografare questa settimana, come d’altronde accade ogni settembre, quando una dopo l’altra New York, Londra, Milano e Parigi si riempiono di modelle e ospiti famosi per le...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Gli iPhone 11 e iPhone 11 Pro di Apple possono essere acquistati a partire da oggi, a una decina di giorni di distanza dalla loro presentazione. Come praticamente ogni anno, la maggior parte delle recensioni pubblicate dai principali siti di tecnologia e ...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Una foto aerea che mostra la distanza ravvicinata tra le case e la costa a Kivalina, Alaska. (Joe Raedle/Getty Images) Kivalina è una città dell’Alaska, 120 chilometri sopra al Circolo Polare Artico e abitata da meno di 400 persone: si sviluppa in...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Nelle ultime settimane il dibattito politico francese si è concentrato sulla prossima riforma promessa dal presidente Emmanuel Macron, quella del sistema pensionistico. La nuova legge è stata anticipata a luglio ma sarà presentata soltanto in...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

La Coppa del Mondo di rugby 2019 inizia oggi a Tokyo, quando in Italia saranno le 12.45, con la partita tra Giappone e Russia, preceduta dalla cerimonia inaugurale. Il torneo si disputerà nell’arco di un mese e verrà ospitato da dodici stadi in...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Oggi in tutto il mondo sono in corso manifestazioni di protesta e scioperi degli studenti per chiedere ai governi di intervenire per contrastare il cambiamento climatico e il riscaldamento globale, in vista del summit delle Nazioni Unite sul clima...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Il giornalista Giampaolo Visetti ha raccontato oggi su Repubblica la storia di Greta, la bambina che ha accompagnato il leader della Lega Matteo Salvini in due comizi e che è stata presentata – dai media e dalla Lega – come una delle...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Giovedì è stato trovato un accordo all’interno della proprietà del quotidiano francese Le Monde su una questione di cui si discuteva da circa un anno e che aveva provocato parecchie preoccupazioni tra giornalisti e azionisti. Mathieu...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Secondo quanto scrivono il New York Times e il Washington Post, la denuncia presentata da un dipendente dell’intelligence degli Stati Uniti nei confronti di Donald Trump, accusato di aver fatto una promessa pericolosa e...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per sabato dicono che sarà una giornata prevalentemente serena nella prima metà e prevalentemente nuvolosa nella seconda metà. Di mattina sarà nuvoloso solo sulle isole maggiori e nel Nord-Ovest, poi di pomeriggio anche nel Centro ...