Il cashmere fa male all’ambiente

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Post

Il Wall Street Journal racconta che la produzione di cashmere sta diventando un problema per l’ambiente, tanto che molte aziende di moda stanno cercando alternative o stanno rinunciando del tutto a usarlo. Il cashmere è una lana pregiata, dal filato sottile e morbido, realizzata con il pelo invernale delle capre hircus, che vivono negli altipiani e in alcune regione montuose asiatiche, in particolare in Iran, Afghanistan e soprattutto Cina e Mongolia, che forniscono il 90 per cento del cashmere totale in tutto il mondo. Viene ottenuto pettinando a mano gli animali quando mutano pelo, in primavera; da ogni esemplare si ricavano dai 100 ai 200 grammi di lana.
Un tempo il cashmere era una fibra rara e di lusso, ma negli ultimi anni è entrata nel mercato dell’abbigliamento di massa: prezzi più economici significano maggior quantità di lana a disposizione e greggi sempre più numerosi, con milioni di capre che attraversano le steppe in Cina, in Mongolia e al confine tra i due paesi. La conseguenza è uno sfruttamento intensivo del terreno: secondo dati recenti del governo mongolo circa il 60 per cento dei pascoli si è inaridito, con ampie zone trasformate in deserto. Sempre secondo le autorità mongole, nel 2016 il 23 per cento dei pascoli era stato danneggiato gravemente o completamente, il 13 per cento in più del 2014; nello stesso periodo l’estensione dei terreni che avranno bisogno di almeno 10 anni per riprendersi o che potrebbero non farlo mai è aumentata del 5 per cento.

Un altro problema è il maltrattamento delle capre da parte dei mandriani. Di recente l’agguerrita ong ambientalista PETA ha denunciato la crudeltà degli allevamenti in Cina e Mongolia, pubblicando anche un video della pettinatura piuttosto violenta delle capre: lo trovate qui. L’indagine ha spinto l’azienda di moda H&M ad abbandonare entro il 2020 la vendita di prodotti in cashmere. Altre stanno cercando vie alternative, per esempio Stella McCartney e Patagonia non utilizzando più cashmere vergine ma soltanto rigenerato e ottenuto da scarti e ritagli. In Italia Re.Verso è una piattaforma di aziende tessili che recuperano materiali di scarto, compreso il cashmere, e li trasformano in tessuti e filati da riutilizzare.
Altre aziende stanno provando a intervenire direttamente sulla catena di produzione del cashmere, cosa però molto difficile per la quantità di intermediari e perché è complicato controllare che i mandriani abbandonino le pratiche tradizionali, come spiega Giovanni Schneider, direttore esecutivo del Gruppo Schneider, che commercia cashmere dalla Mongolia e collabora con Kering, il gruppo del lusso francese che controlla tra gli altri Gucci. Kering, per esempio, compra cashmere solo dai mandriani che seguono alcune linee guida, come variare periodicamente i pascoli, permettendo alle zone sfruttate di riposare e far crescere nuova erba.
Il mercato del cashmere riguarda da vicino anche l’Italia. La lana raccolta dalla Mongolia attraversa il confine e arriva nelle fabbriche cinesi, dove viene spesso mescolata con quella di pecore cresciute in Cina; qui la lana viene trasformata in vestiti o spedita in Europa e in particolare in Italia, dove viene lavorata e commercializzata in tutto il mondo. L’aumento delle greggi in Asia ha fatto crescere le esportazioni di cashmere dall’Italia, che sono passate da 171 milioni di euro del 2008 a 305 milioni nel 2018, pari al 4 per cento delle esportazioni di tutto l’abbigliamento italiano.

Tag: #Cultura #Ambiente #Cashmere #Moda

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Post

Lunedì Gonzalo Boye, avvocato dell’ex presidente catalano Carles Puigdemont, è arrivato alla Camera dei deputati a Madrid con l’intenzione di ottenere l’autorizzazione per l’insediamento al Parlamento europeo di Puigdemont, eletto alle europee...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Post

Patrick Shanahan, segretario della Difesa statunitense ad interim, ha detto lunedì che gli Stati Uniti manderanno altri mille soldati in Medio Oriente come risposta «all’atteggiamento ostile delle forze iraniane e dei gruppi loro alleati». La...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Post

Molti giornali dedicano l’apertura al viaggio negli Stati Uniti del leader della Lega Matteo Salvini, che insiste sulla sua proposta per tagliare le tasse mentre il governo si prepara a inviare la sua risposta alle richieste di riduzione del debito per ...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Lunedì l’Iran ha minacciato di violare uno dei punti centrali dell’accordo sul nucleare iraniano firmato nel 2015 da un gruppo ampio di paesi, tra cui diversi stati europei e gli Stati Uniti. Behrouz Kamalvandi, portavoce dell’Organizzazione...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera sui canali Rai trovate un film (Appuntamento al parco),...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

In un documento preparatorio della prossima riunione mondiale dei vescovi, pubblicato oggi, il Vaticano ha citato la possibilità di nominare sacerdoti uomini già sposati, seppure in circostanze rare e molto circoscritte. Il celibato imposto ai...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Questa settimana entreranno nel vivo le trattative per rinnovare le principali cariche istituzionali dell’Unione Europea, iniziate nei giorni successivi alle elezioni europee. Finora sui negoziati sono trapelate pochissime informazioni, e sui...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Da ormai sette anni Lego sta studiando un modo per produrre i suoi mattoncini con la plastica di origine vegetale. È un progetto ambizioso: la società danese lo ha adottato perché la sua storia e il suo immaginario le impongono, in un certo senso, di...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Francesco Totti, ex capitano e dirigente della Roma, ha annunciato lunedì le sue dimissioni da dirigente del club, come anticipato nei giorni scorsi, in una conferenza stampa organizzata nella sede del CONI a Roma e presentata dal giornalista sportivo...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

A 900mila miliardi di chilometri da noi c’è HD 102195b, un pianeta gassoso gigante che per certi versi ricorda Giove, che è invece più vicino, nel nostro sistema solare. Giove ha inoltre il vantaggio di avere un nome meno ostico e più facile da...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Un matrimonio, pattern di tappetini di yoga, record del mondo di palleggiamenti con la testa, facce azzurre di tifosi, Drake che si fa notare alle finali NBA, Alex Marquez dopo aver vinto il Gran Premio di Catalogna di MotoGP e l’esultanza...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Alle elezioni europee del 26 maggio un veneto su due tra quelli che non si sono astenuti ha votato per la Lega. Il partito guidato da Matteo Salvini ha ottenuto il suo record storico, non solo in regione, ma in tutto il paese: in Veneto ha ricevuto il...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Oggi a partire dalle 14 l’ex capitano e attuale dirigente della Roma, Francesco Totti, si presenterà in conferenza stampa presso il Salone d’Onore del CONI. Dovrebbe annunciare la sua intenzione di lasciare lo staff dirigenziale della società, di...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Fra lunedì e giovedì, ai Mondiali femminili in Francia, si giocheranno le partite del terzo e ultimo turno della fase a gironi. Secondo le regole di questa fase del torneo, si qualificano agli ottavi di finale le prime due nazionali di ciascun girone...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Il Post

Fino a pochi anni fa Genius, un sito americano che permette di aggiungere note e commenti ai contenuti di altri siti, voleva cambiare il modo in cui utilizziamo internet. Da qualche tempo i suoi obiettivi si sono ridimensionati, e oggi aspira...