«Hello, brother»

Pubblicato sabato, 16 marzo 2019 ‐ Il Post

«Hello, brother», «buongiorno, fratello», sono state le ultime parole pronunciate dal primo uomo ucciso nell’attentato compiuto venerdì alla moschea Al Noor a Christchurch, in Nuova Zelanda, dal suprematista bianco Brenton Tarrant. Dopo avere salutato, l’uomo – di cui non si conosce ancora l’identità – è stato avvicinato da Tarrant, che gli ha sparato una prima volta con un fucile semiautomatico. Ferito, ha cercato di allontanarsi: Tarrant l’ha raggiunto e gli ha sparato di nuovo, uccidendolo.
Nel giro di pochi secondi nella moschea Al Noor, adiacente a un grande parco a ovest del centro di Christchurch, si è diffuso il terrore. Con passo deciso, Tarrant è entrato nella sala principale della moschea, e poi in un corridoio, continuando a sparare con l’obiettivo di uccidere più persone possibile. Alcune hanno provato a scappare scavalcando le mura dell’edificio, altre hanno tentato di proteggere i figli con i loro corpi, altre ancora si sono nascoste dietro e sotto le auto parcheggiate fuori dalla moschea. Almeno una persona ha aperto la porta della propria casa per ospitare chi stava fuggendo dalla strage. L’intera nazionale di cricket del Bangladesh si è salvata per una causalità: avrebbe dovuto essere alla moschea al momento dell’inizio dell’attacco, ma una conferenza stampa dell’ultimo minuto ne aveva ritardato l’arrivo.

Dopo avere sparato per circa tre minuti, Tarrant è uscito dalla moschea, è andato alla sua auto, ha preso un’altra arma, è tornato dentro e ha riniziato a sparare. Quando è uscito una seconda volta, ha sparato in entrambe le direzioni del marciapiede di fronte alla moschea. Si è avvicinato a una donna ferita vestita di nero che urlava «aiutami, aiutami», e le ha sparato due volte.
La sparatoria alla moschea di Al Noor è iniziata alle 13.40 ora locale di venerdì. È durata sei minuti, durante i quali Tarrant ha ucciso 41 persone. Tutto l’attacco è stato trasmesso in diretta su Facebook, grazie a una telecamera che Tarrant aveva fissato sulla fronte, creando un effetto visivo simile a quello di un videogioco. Il video, che si è diffuso rapidamente sui social network, si è concluso con la fuga di Tarrant in auto mentre dice: «non c’era nemmeno il tempo di prendere la mira, c’erano troppi obiettivi».
Non è chiaro cosa sia successo dopo, perché né la polizia neozelandese né la prima ministra Jacinda Ardern hanno chiarito la precisa dinamica dei fatti. Si sa che più o meno alla stessa ora una persona armata ha sparato al centro islamico di Linwood Avenue, circa 7 chilometri di distanza dalla moschea di Al Noor, poco più di una decina di minuti in macchina, uccidendo otto persone (una è morta in ospedale). Alcuni testimoni hanno raccontato che l’attentatore era a bordo di una motocicletta nera e aveva un casco che gli copriva il volto. Ardern ha detto che tra le persone uccise ci sono anche alcuni bambini. Non si sa se l’autore del secondo attacco sia lo stesso Tarrant o un suo complice. Si sa però che Tarrant è stato arrestato da due poliziotti 36 minuti dopo la prima chiamata di emergenza arrivata alle autorità. Ora è accusato di omicidio, ma nei prossimi giorni, scrivono i giornali neozelandesi, contro di lui si sommeranno nuove accuse.
Finora la polizia neozelandese si è limitata a confermare l’arresto di altre tre persone, oltre a Tarrant: una è stata rilasciata, mentre le altre due sono ancora in carcere e sospettate di essere coinvolte nell’attentato.
La prima ministra Ardern ha detto sabato che durante i due attacchi sono state usate cinque armi da fuoco, incluse due armi semiautomatiche. Ha aggiunto che due ordigni esplosivi sono stati trovati nell’auto di Tarrant, il quale aveva pianificato di uccidere ancora più persone: «Era assolutamente sua intenzione continuare l’attacco» ha detto Ardern. La prima ministra ha inoltre annunciato di voler mettere fuori legge le armi automatiche e di voler riformare la legge che regola la vendita e il possesso delle armi nel paese, un tema di cui si sta parlando molto da ieri.
Nelle ultime ore, inoltre, sono emerse diverse informazioni su Tarrant, 28enne australiano da tempo attivo sui forum online in cui proliferano le idee di estrema destra.
In particolare i media neozelandesi e stranieri si sono concentrati sul lungo manifesto pubblicato da Tarrant su 8chan, sito molto di nicchia conosciuto proprio per i forum di estrema destra. Nel manifesto, Tarrant parla di sé – della sua famiglia, dei numerosi viaggi in Europa, dell’impatto che hanno avuto su di lui gli attentati dell’ISIS negli ultimi anni – usando toni ed espressioni insolite che hanno attirato molte attenzioni: per esempio per l’uso di battute, meme e riferimenti della cosiddetta “alt right” americana. Sabato l’ufficio della prima ministra Ardern ha detto di avere ricevuto il manifesto di Tarrant meno di dieci minuti prima l’inizio dell’attentato: tra i destinatari, c’erano anche altri diversi giornali e politici neozelandesi, tra cui Simon Bridges, leader dell’opposizione, e Trevor Mallard, speaker del Parlamento.

Tag: #Mondo #AttentatoChristchurch #BrentonTarrant #Christchurch #NuovaZelanda

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...