È difficile dimettersi da parlamentare

Pubblicato giovedì, 14 marzo 2019 ‐ Il Post

La Camera dei Deputati ha accolto ieri la richiesta di dimissioni di Guido Crosetto, che da oggi è un ex deputato di Fratelli d’Italia. È stato il terzo voto sulle dimissioni di Crosetto, dopo un primo rinvio lo scorso giugno e il respingimento della richiesta lo scorso ottobre. Crosetto, 55 anni e originario di Cuneo, ha detto che tornerà a svolgere a tempo pieno il ruolo di presidente dell’AIED, l’associazione che riunisce le imprese della difesa e dell’aerospazio, che ricopre dal 2014, e per il momento continuerà a ricoprire l’incarico di coordinatore di Fratelli d’Italia. Ma la storia delle sue dimissioni è interessante ed esemplare per capire quanto sia difficile per un parlamentare abbandonare spontaneamente il suo seggio.
Crosetto ha spiegato la sua intenzione di dimettersi con “ragioni personali” e con la volontà di svolgere il suo lavoro senza essere accusato di portare avanti interessi di parte, anche se nessuna legge rende incompatibile l’incarico di deputato con quello di presidente di un’associazione di categoria. Le sue dimissioni però sono diventate effettive soltanto ieri, a quasi un anno dal suo annuncio, quando la Camera ha accolto le dimissioni con 231 voti a favore. Per un parlamentare italiano, infatti, non è possibile dimettersi per ragioni personali senza un voto favorevole della propria camera di appartenenza.

Se le dimissioni per incompatibilità non richiedono nessun voto, e diventano immediatamente effettive, le dimissioni per ragioni personali devono essere confermate dall’aula con un voto a scrutinio segreto, per evitare che un parlamentare possa dimettersi su ordine del suo partito o perché condizionato dall’esterno (secondo alcuni, però, anche per un riflesso dei colleghi e per il desiderio di proteggersi a vicenda). Anche per questo motivo, la prassi vuole che la richiesta sia motivata, che venga esaminata e poi calendarizzata dalla conferenza dei capigruppo e poi votata in aula, e che nessuno di questi passaggi sia dovuto a chi ha annunciato le sue dimissioni, anzi: capita di frequente che le dimissioni non vengano mai accettate e quindi i parlamentari rimangano tali contro la loro volontà. Scrive OpenPolis:

La XVII legislatura ha testimoniato il caso limite del senatore Vacciano, eletto con il Movimento 5 stelle, che per ben 5 volte ha visto le sue dimissioni rifiutate dall’aula. Altre 9 richieste di dimissioni nella XVII legislatura hanno avuto esito negativo. Parliamo nello specifico di Laura Bignami (dimissioni respinte l’11 giugno del 2014), Cristian Iannuzzi (due volte, la prima il 12 febbraio 2015, la seconda il 27 febbraio 2015), Giovanna Mangili (anche lei due volte, il 3 aprile 2013 e il 17 aprile successivo), Francesco Molinari (dimissioni respinte il 17 febbraio 2015), Maria Mussini (votazione avvenuta l’11 giugno 2014), Ivana Simeoni (il 17 febbraio 2015), e infine Walter Tocci, senatore del Partito democratico, le cui dimissioni sono state respinte il 26 novembre scorso.

Lo scorso ottobre la richiesta di dimissioni di Crosetto era stata respinta dalla maggioranza dei deputati, per via di una consuetudine che prevede di respingere sempre la prima richiesta di un deputato. Dopo la votazione di ieri con cui ha accettato le sue dimissioni, la Camera ha salutato Crosetto con un lungo applauso. Crosetto, visibilmente commosso, ha ringraziato i suoi colleghi e i compagni di partito e ha detto che i lunghi anni trascorsi in Parlamento hanno contribuito a renderlo «una persona migliore». Crosetto è da tempo un politico apprezzato dai colleghi e anche dai suoi avversari, come l’ex sindaco di Torino Piero Fassino, piemontese come lui, secondo cui è stato «un errore privarsi di un collega delle sue capacità».
Crosetto è un politico di lungo corso e di grande esperienza. Nato in una famiglia di imprenditori (oggi è alla guida della società di famiglia), iniziò a fare politica nella Democrazia Cristiana, di cui divenne segretario del movimento giovanile regionale nel 1984. È stato per quasi 15 anni sindaco del piccolo comune di Marene, in provincia di Cuneo e per dieci anni consigliere provinciale della provincia di Cuneo. Nel 2001 è stato eletto alla Camera per la prima volta e ha continuato a essere eletto fino alle elezioni politiche del marzo 2018, con l’unica eccezione della legislatura 2013-2018. Tra il 2008 e il 2011 è stato sottosegretario alla Difesa nel terzo governo Berlusconi (nello stesso periodo sulla sua pagina internet sul sito della Camera era riportata una laurea in Economia e commercio che in realtà non aveva mai ottenuto: successivamente ammise di aver raccontato una bugia).
Entrato in Forza Italia nel 2000, Crosetto ha sempre fatto parte di partiti di centrodestra. Alla fine del 2012 è uscito dal Popolo della Libertà per fondare, insieme a Giorgia Meloni e ad altri dirigenti, Fratelli d’Italia, il partito di destra che lo ha candidato alle ultime elezioni. Dopo un breve periodo di militanza nel partito, nel 2014 ha annunciato la sua intenzione di lasciare la politica e lo stesso anno è stato eletto presidente dell’AIED, l’associazione che rappresenta gli interessi del comparto difesa ed aerospazio.
Guido Crosetto con Giorgia Meloni nel 2012 (Roberto Monaldo / LaPresse)
Alla fine del 2017 Crosetto è tornato a fare politica all’interno di Fratelli d’Italia, diventando coordinatore del partito. Alle elezioni del 4 marzo del 2018 è stato rieletto per la quarta volta. Due mesi dopo le elezioni, a maggio, ha presentato le sue dimissioni dicendo che si trattava di una decisione presa prima delle elezioni e che i vertici del suo partito ne erano informati.

Tag: #Politica #Aiad #Camera #Fdi #FratelliDItalia #GuidoCrosetto #Parlamento

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Google tiene traccia degli acquisti che effettuiamo online, e che comportano la ricezione di una ricevuta nel suo servizio di posta elettronica Gmail. L’intero elenco delle cose acquistate è visibile in una pagina dedicata all’interno delle...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Il valore politico delle elezioni europee di domenica 26 maggio in Austria è stato completamente stravolto da quanto accaduto negli ultimi tre giorni: il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, ha infatti deciso di indire elezioni anticipate dopo lo...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Domenica 19 maggio, migliaia di persone hanno protestato in diverse città della Germania e dell’Austria contro il nazionalismo e i movimenti sovranisti. Lo slogan principale delle manifestazioni è stato “Ein Europa für Alle”, ovvero...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Lazio-Bologna è l’ultima partita della 37ª giornata di Serie A. Si gioca stasera alle 20.30 allo Stadio Olimpico di Roma e sarà trasmessa in esclusiva da Sky. La Lazio ha vinto la Coppa Italia ed è quindi già certa della qualificazione ai gironi...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Volodymyr Zelensky, che oggi si è ufficialmente insediato come nuovo presidente ucraino, ha già convocato le elezioni anticipate, con l’obiettivo di vincere la maggioranza al Parlamento, ancora controllato dalle forze fedeli al suo...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Con la vittoria sul Torino nell’ultima giornata di Serie A, l’Empoli è uscito dalla zona retrocessione, mandando al terzultimo posto il Genoa, che sabato aveva pareggiato in casa contro il Cagliari, matematicamente salvo insieme...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Domenica, l’imprenditore statunitense Robert F. Smith ha annunciato di voler pagare tutti i debiti universitari degli studenti che si sono laureati quest’anno all’università di Morehouse, una storica università di Atlanta, in Georgia, riservata...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Domenica sera si è conclusa la vicenda dei 47 migranti a bordo della nave Sea Watch 3, a cui da giorni veniva impedito di sbarcare su indicazione del governo, in particolare del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Intorno alle 20 tutte le 47...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

La penultima giornata del campionato di Serie A si è disputata nel fine settimana e terminerà stasera con il posticipo Lazio-Bologna. I risultati del weekend non hanno ancora stabilito le ultime due qualificazioni ai gironi di Champions League,...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

È morto Nanni Balestrini, scrittore, poeta e saggista conosciuto per essere stato tra i protagonisti del movimento di avanguardia letteraria Gruppo 63: aveva 83 anni. La notizia è stata data su Facebook dall’editore DeriveApprodi, che negli ultimi...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

La giornata di martedì, al Nord, si porterà ancora gli strascichi del brutto tempo degli ultimi giorni, ma ci sarà qualche miglioramento. Di mattina pioverà solamente nelle regioni del Nord-Est, al confine, mentre di pomeriggio potrebbe esserci...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Alla fine è successo: nella notte tra domenica e lunedì è andato in onda l’ultimo episodio di Game of Thrones, non solo nel senso che è stato il più recente ma anche nel senso che adesso non ce ne saranno più. Non sappiamo cosa...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Come sanno le persone che passano molto tempo su internet, anche i siti che diffondono contenuti diversi dalle notizie, o non solo notizie, attraversano delle mode: ci sono periodi in cui si parla tanto di un particolare prodotto, poi di una dieta, poi...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

Domenica 19 maggio almeno 2 mila persone a Firenze hanno contestato il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che si trovava in città per un comizio elettorale. Salvini avrebbe dovuto iniziare a parlare alle ore 21.00 in Piazza Strozzi per concludere...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Il Post

La penultima giornata del campionato di Serie A è iniziata sabato con la vittoria dell’Udinese contro la Spal e con i pareggi in Genoa-Cagliari e Sassuolo-Roma. In seguito a questi primi tre risultati, Udinese e Cagliari sono salve, il Genoa rischia...