C’è un video dell’attentato in Nuova Zelanda

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Post

Una delle persone che ha partecipato agli attentati alle moschee in Nuova Zelanda, in cui sono state uccise in tutto almeno 49 persone, indossava una telecamera con cui ha trasmesso in diretta su Facebook la strage. Poco prima di iniziare l’attacco, uno degli assalitori – che la polizia ha identificato come un cittadino australiano di 28 anni – ha pubblicato su Twitter e sul forum 8chan un link che rimandava a un lungo manifesto politico con le ragioni dell’attacco. Il post su 8chan includeva anche un link alla pagina Facebook dell’attentatore e c’era scritto che lì, a breve, sarebbe stato trasmesso l’attacco in diretta.
Il video è ripreso con una telecamera sulla fronte dell’assalitore, e mostra l’attacco alla moschea di Al Noor, una delle due colpite. L’attacco è cominciato poco dopo la fine della preghiera del venerdì, quando la moschea era particolarmente affollata. Nel video si vede l’arrivo dell’assalitore in auto, lo si vede entrare nella moschea e sparare contro chiunque incontri con un’arma automatica. Dopo alcuni minuti l’assalitore esce dalla moschea, torna verso la sua auto e prende un’altra arma, poi rientra nella moschea e ricomincia a sparare. Nel video si vedono tantissimi corpi a terra uno sull’altro e i disperati tentativi di fuga di alcune delle persone. Il video si conclude con la fuga dell’assalitore in auto, quando lo si sente dire che «non c’era nemmeno il tempo di prendere la mira, c’erano troppi obiettivi».

Il video – che dura circa 17 minuti – è molto violento e difficile da guardare, e la polizia neozelandese ha chiesto che non venisse diffuso e ripreso da televisioni e giornali. Un portavoce della società di telecomunicazioni neozelandese Spark ha spiegato al New Zealand Herald che il video trasmesso su Facebook è stato ripreso e diffuso originariamente da almeno tre diversi siti, ma intanto copie del video avevano cominciato a girare anche su Facebook, Instagram, Twitter e altri social network.
Le società di telecomunicazioni neozelandesi hanno spiegato che sono al lavoro insieme per cercare di individuare e bloccare i siti che stanno diffondendo il video, mentre Facebook ha detto di aver già eliminato dai sui social network diverse copie del video dell’attacco e di aver bloccato i profili di quello che si crede essere l’assalitore.
La maggior parte di giornali e televisioni in tutto il mondo hanno scelto di non pubblicare il video, con alcune eccezioni. Sky News Australia è stata molto criticata per aver mandato in onda diverse volte una versione del video editata, che non mostrava l’uccisione di nessuno ma mostrava altri momenti dell’attacco. Altri siti di giornali neozelandesi e australiani hanno pubblicato immagini tratte dal video o versioni del video che si interrompevano prima dell’inizio degli spari. Anche alcuni giornali italiani hanno pubblicato versione tronche del video.
Alcuni giornali e televisioni hanno anche ripreso parti del manifesto pubblicato dall’assalitore, che è stato rimosso invece dai social network su cui era stato pubblicato. Una portavoce di Facebook ha aggiunto che la società era al lavoro per rimuovere dai suoi social network anche altri post e video in cui l’attacco veniva lodato. L’assalitore è stato poi arrestato dalla polizia, insieme ad altre tre persone.

Tag: #Mondo #Christchurch #Facebook #NuovaZelanda

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

C’era una volta… a Hollywood, il nuovo e nono film di Quentin Tarantino, è stato presentato ieri al Festival di Cannes, 25 anni dopo che proprio lì fu presentato Pulp Fiction, che poi vinse la Palma d’oro. Potrebbe vincerla...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Steven Patrick Morrissey, cioè Morrisey – come saggiamente decise di farsi chiamare – compie oggi...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

A partire da aprile nella provincia di Sindh, nel distretto di Larkana, in Pakistan, 607 persone sono risultate positive all’HIV, il virus che causa l’AIDS, e di queste 494 erano bambini. Tutto è cominciato a febbraio quando alcuni genitori della...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

La scorsa settimana sono arrivati in Norvegia i rappresentanti dei due schieramenti che da qualche mese stanno competendo per il potere in Venezuela: il regime del presidente Nicolás Maduro da una parte, e l’opposizione guidata da Juan Guaidó...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

Nel 2015 la sonda spaziale New Horizons della NASA ci ha permesso di osservare da vicino Plutone, il pianeta nano del nostro sistema solare che si trova a una distanza tra i 7,5 miliardi e i 4,28 miliardi di chilometri dalla Terra, a seconda delle...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

«”Alice”, le disse con tono ragionevole. “Non lasciarmi. Non te ne andare. Voglio una compagna nella mia vita. Lo sai? Siamo solo all’inizio. Nessuno potrebbe mai amarti come ti amo io. Scegli questo. Scegli l’avventura, Alice....

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

I panni stesi attirano intorno a sé una fascinazione particolare che porta spesso a fotografarli – che si tratti di fotografi professionisti o turisti in cerca di belle immagini da postare su Instagram – probabilmente per il fatto che rappresentano...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

L’Inter ha presentato la sua nuova divisa casalinga, che verrà usata da tutte le squadre – maschili e femminili – nella prossima stagione calcistica. Per il ventunesimo anno consecutivo è realizzata da Nike: l’azienda statunitense si è...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

Nelle prossime settimane quasi tutti i principali operatori di telefonia mobile aumenteranno le tariffe di alcune loro offerte. Queste “rimodulazioni” dei contratti sono una pratica legittima da parte delle compagnie, che hanno già informato o...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

Ieri è circolato online un video girato a bordo di un volo Ryanair che mostra un uomo furioso perché per qualche motivo era riuscito a salire sull’aereo sbagliato: partito da Pisa, l’uomo è atterrato a Bari anche se aveva il biglietto per...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per giovedì sono in linea con quelle dei giorni scorsi: in alcune zone d’Italia sarà brutto tempo, in altre bello e in altre ancora solo nuvoloso. In particolare, di mattina pioverà solo al confine tra Lombardia e Veneto e nelle...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

Il 13 maggio nelle Filippine si è votato per rinnovare metà dei seggi del Senato, la camera che finora aveva bloccato parte delle proposte più controverse del presidente Rodrigo Duterte: sono arrivati i risultati ufficiali e, come anticipato dai...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Il Post

Molti giornali di oggi si occupano in apertura delle discussioni nel governo sul nuovo decreto sulla sicurezza, che il ministero dell’Interno ha modificato per superare i dubbi sulla sua costituzionalità espressi dalla presidenza della Repubblica, e...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Il Post

La commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha respinto i ricorsi sulla bocciatura degli emendamenti per prorogare la convenzione di Radio Radicale con il ministero dello Sviluppo economico, quella che permette all’emittente di trasmettere le...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Il Post

A Cannes oggi 21 maggio è il giorno in cui Quentin Tarantino presenta il suo attesissimo ultimo film, C’era una volta a Hollywood, con protagonisti Brad Pitt e Leonardo DiCaprio, che finora non avevano mai recitato insieme. Del film si parla...