Antonio Tajani dice che forse «ha sbagliato con l’italiano»

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Post

Il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani ha dato un’intervista a Repubblica per scusarsi e spiegare le sue dichiarazioni nostalgiche e giustificazioniste del regime fascista fatte pochi giorni fa al programma radiofonico La Zanzara, quando aveva detto che Mussolini «fino a quando non ha dichiarato guerra al mondo intero seguendo Hitler, fino a quando non s’è fatto promotore delle leggi razziali, e a parte la vicenda drammatica di Matteotti», aveva fatto «delle cose positive».
Nell’intervista a Repubblica, per cercare di rimediare alla situazione, Tajani ha spiegato:

«Ho sbagliato con l’italiano forse. Avrei dovuto dire “per non parlare del delitto Matteotti”. È più forte, suona meglio come condanna. Perché quello è l’omicidio-chiave del fascismo, il momento in cui finisce la democrazia»

Tajani sostiene di non essere «mai stato fascista» e l’intervistatore conferma che infatti da giovane Tajani faceva parte dell’Unione Monarchica Italiana. «Appunto», prosegue Tajani. «E chi ha mandato via Mussolini? Il re». Tajani dimentica che era sempre stato il re a nominare Mussolini capo del governo nel 1922 e a tollerare il suo regime fino all’ultimo momento.
In vari momenti dell’intervista, Tajani si è scusato per le sue parole. «Oggi posso solo chiedere scusa», dice a un certo punto, e domanda all’intervistatore: «Dove ho sbagliato, me lo dica lei?». Incalzato su cosa intendesse con le “cose positive fatte dal fascismo” Tajani spiega: «Lo ripeto, mi riferivo solo alle infrastrutture, alle strade, alle bonifiche, agli impianti sportivi. Non ho mai pensato a azioni positive per le persone, per i cittadini, per i loro diritti».
In un altro momento, l’intervistatore gli domanda:
In certi passaggi sembrava minimizzare. Tipo “Mussolini non era un campione di democrazia”.

«Ecco, appunto. Lo prendevo per il sedere. Così come oggi dico Maduro non è un campione di democrazia. Ma lo so bene che è un dittatore».

Non è la prima volta che Tajani dice cose che suscitano reazioni molto critiche. Lo scorso 11 febbraio, durante una cerimonia alla Foiba di Basovizza nella Giornata del ricordo, Tajani aveva esclamato: «Viva Istria e Dalmazia italiane», due regioni che dalla fine della Seconda guerra mondiale appartengono a Slovenia e Croazia, paesi che hanno immediatamente protestato.
Oltre a essere presidente del Parlamento Europeo, Tajani è un politico romano di lunghissimo corso ed è stato uno dei fondatori ed è attualmente coordinatore di Forza Italia, un partito da sempre accusato di avere un atteggiamento ambiguo e giustificazionista nei confronti del regime fascista. Il suo attuale leader, Silvio Berlusconi, è famoso per non aver mai partecipato ai festeggiamenti del 25 aprile fino al 2009, dopo che aveva trascorso al governo più di sette anni. Il 27 gennaio 2013, giorno della memoria delle vittime dell’Olocausto, Berlusconi disse che, a parte le leggi razziali, «Mussolini fece bene», mentre dieci anni prima, durante il suo secondo governo aveva dichiarato: «Mussolini non ha mai ammazzato nessuno».

Tag: #Virgolette #AntonioTajani #Fascismo #ForzaItalia #SilvioBerlusconi

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Post

Il commissario alla Sanità del Molise Angelo Giustini ha autorizzato l’Azienda sanitaria regionale (ASREM) ad affidare alcuni incarichi a medici in pensione perché nella regione c’è carenza di medici. In Molise capita spesso che non si riescano ad ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Post

Un nuovo farmaco per trattare la depressione post-partum è stato approvato questa settimana dalla Food and Drug Administration, l’agenzia che si occupa di verificare la sicurezza dei farmaci negli Stati Uniti. Il medicinale è il primo del suo genere...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Post

Ci sono due buone notizie sulla giornata di domani: la prima, ovviamente, è che è venerdì. La seconda è che sarà bel tempo quasi in tutta Italia, a parte in Sicilia dove è prevista pioggia soprattutto in provincia di Trapani. Nelle altre regioni,...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Post

Come ormai avrete imparato, ci sono delle notti, come quella tra il 20 e il 21 marzo, in cui la luna appare un po’ più grande del solito. Accade perché il momento in cui si trova più vicina alla Terra nella sua orbita ellittica (perigeo) coincide...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Post

L’autista dell’autobus dirottato e incendiato mercoledì fuori Milano, Ousseynou Sy, era stato condannato per molestie sessuali e aveva ricevuto una sospensione della patente per guida in stato di ebrezza, scrivono i giornali di oggi. I suoi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Post

Johann Sebastian Bach, uno dei più grandi compositori della storia, nacque il 31 marzo 1685 a Eisenach, in Germania. Dato che all’epoca nelle regioni tedesche governate da principi protestanti come la Turingia di Bach si usava ancora il calendario...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Post

La maggior parte dei giornali di oggi si occupa in apertura dell’incendio a San Donato Milanese dell’autobus con a bordo 51 bambini, che è stato dirottato e incendiato dall’autista sembra per protestare contro le morti di migranti nel...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Post

Nella notte tra oggi e domani ci sarà una nuova “superluna” visibile in cielo, dopo quella di poche settimane fa. La Luna apparirà un poco più grande del solito perché il momento in cui si trova più vicina alla Terra nella sua orbita ellittica...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Post

Dal 4 al 6 aprile, al Circolo dei Lettori di Torino, il Post organizza una serie di incontri sull’Europa – un piccolo festival, diciamo – nell’ambito della sezione Konrad, inaugurata la scorsa estate e che da allora è diventata anche un podcast...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Post

Il 20 marzo 1994, 25 anni fa, la giornalista romana Ilaria Alpi e il cineoperatore triestino Miran Hrovatin furono uccisi con una raffica di kalashnikov a poca distanza dall’ambasciata italiana di Mogadiscio, in Somalia. Alpi e Hrovatin erano lì per...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Post

Il parlamento del Kazakistan ha approvato una proposta di legge per cambiare il nome della propria capitale da Astana a Nursultan in onore del suo ex presidente, Nursultan Nazarbayev, dimessosi martedì scorso dopo quasi trent’anni al...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Post

Il 21 luglio 2008 la polizia di Belgrado fermò l’autobus di linea numero 73 mentre percorreva il suo tragitto nella periferia occidentale della capitale serba. A bordo dell’autobus era salito poco prima un uomo anziano dall’aspetto trasandato, con ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Post

A Milano un autista ha dirottato il suo autobus e, dopo un inseguimento da parte dei carabinieri, ha incendiato il mezzo su cui stava trasportando 51 ragazzini: secondo quanto riportano i giornali, avrebbe voluto appiccare il fuoco all’autobus dopo...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Post

Indietro Avanti 1 di Indietro Avanti Stasera tra i programmi notevoli ci sono la seconda parte del documentario sulle accuse di abusi sessuali a ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Post

Come ampiamente atteso, il Senato ha respinto l’autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell’Interno Matteo Salvini per il caso della nave Diciotti. Anche se le votazioni rimarranno aperte fino alle 19, al momento una maggioranza di 232 ...