Anche a Lesbo la situazione è tornata difficile

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i due paesi ma anche sulle isole greche che si trovano vicine alle coste turche. Secondo una ong greca che tiene conto degli sbarchi, negli ultimi giorni sono arrivati via mare dalla Turchia circa 1.200 persone, mentre un bambino di sei anni è morto in un naufragio. La maggior parte di loro sono sbarcati nell’isola greca di Lesbo, in cui si trovano già circa 20mila richiedenti asilo e dove già da qualche tempo erano ricominciate proteste e violenze.
Tutto è iniziato due settimane fa, quando il governo greco aveva annunciato l’intenzione di costruire un nuovo centro per migranti sull’isola. Le condizioni di Moria, l’enorme campo ufficiale dove vivono da anni migliaia di richiedenti asilo, sono da tempo segnalate precarie e ingestibili. Alcuni gruppi di cittadini di Lesbo avevano però interpretato la volontà del governo centrale di costruire un nuovo centro come l’intenzione di aumentare il numero di migranti sull’isola. Fomentati da gruppi di estrema destra, come la sezione locale del partito Alba Dorata, ci sono state diverse proteste, culminate domenica 1 marzo con l’incendio di una struttura dell’agenzia ONU per i rifugiati (i cui responsabili non sono ancora stati identificati).


UNHCR Stage 2 in the north of #Lesvos, that served as a first reception for refugees landing in the north is on fire. It was closed down in the last weeks. An hour before a mob gathered there to attack those on solidarity with #refugeesgr. Video posted here not mine. pic.twitter.com/uJqx87tsAC
— Franziska Grillmeier (@FranziEire) March 1, 2020

Con l’aumento degli sbarchi, che erano stati circa 1.500 in tutto il mese di febbraio verso tutte le isole greche, l’ostilità e le violenze dei gruppi di cittadini alimentate dall’estrema destra sono state indirizzate contro i migranti, le ong che lavorano con loro e i giornalisti.
La giornalista Annalisa Camilli di Internazionale, che da alcuni giorni si trova a Lesbo, ha raccontato che «gruppi di uomini vestiti di nero prendono a sassate gli operatori umanitari e i giornalisti, distruggono le loro macchine prese a noleggio che riconoscono dalla targa, aggrediscono i profughi che si muovono ormai solo in gruppo». Alcune ong stanno sospendendo le proprie attività perché non possono più garantire la sicurezza per i propri operatori.
Sempre nella giornata di domenica, un giornalista del magazine tedesco Spiegel è stato ferito da militanti di estrema destra, mentre un gruppo di persone ha cercato di impedire di sbarcare a una dozzina di migranti appena arrivati con un gommone.

„Take them back where they came from!“ hardcore locals in #Lesvos shout to coast guard as they are towing the embargoed migrant dinghy. They warn they will now go stop them at Mitilini where they are apparently taken pic.twitter.com/yYVzGWwX0c
— Giorgos Christides (@g_christides) March 1, 2020

Le autorità locali non sono riuscite ad accogliere tutti i migranti arrivati negli ultimi giorni, e molti sono stati costretti a dormire per strada o sulla spiaggia. Andrew Connelly, un giornalista freelance che si occupa spesso di immigrazione, ha raccolto la storia di 50 richiedenti asilo afghani arrivati domenica – metà dei quali sono bambini – che hanno dormito sulla spiaggia perché le proteste degli abitanti dell’isola hanno impedito loro di raggiungere Moria.

In northern Lesbos, the shores of Skala Sikamineas, around 50 Afghans, half of them children, arrived here by boat yesterday and slept on the beach last night as ongoing protests by locals outside the Moria camp prevents them from being transferred. pic.twitter.com/JtZzXVCy9D
— Andrew Connelly (@connellyandrew) March 2, 2020

Sembra inoltre che la Guardia costiera greca stia inoltre attaccando i gommoni dei migranti, e riportando alcuni di loro in Turchia. L’ong Alarm Phone ha scritto che negli ultimi tre giorni diverse persone hanno chiamato i loro centralini parlando di «minacce da uomini mascherati e armati, spari verso le imbarcazioni e rifiuto di assistere persone in difficoltà». Ieri il governo turco aveva diffuso un video in cui si vedeva una nave che sembra appartenere alla Guardia costiera greca attaccare un gommone di migranti. Non è chiaro se il video sia recente oppure diffuso solo ora dalle autorità turche per screditare quelle greche. In ogni caso, tutti questi comportamenti sono gravi violazioni dei diritti umani dei migranti coinvolti.
Ieri intanto il governo greco ha sospeso l’esame delle richieste di asilo nel paese – una misura quasi sicuramente illegittima secondo il diritto internazionale, criticata anche dall’ONU – ma non è chiaro se la nuova norma sarà valida anche per le persone che arriveranno a Lesbo in questi giorni, il cui rimpatrio è molto più difficile rispetto a un respingimento alla frontiera.

Tag: #Mondo #Grecia #Immigrazione #Lesbo #Migranti #Turchia

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’India è il paese di cui si occupa il nuovo numero di The Passenger, il libro-magazine della casa editrice Iperborea dedicato ai viaggi, che esce il 4 marzo. Ci sono illustrazioni, infografiche, consigli di romanzi, saggi e canzoni, articoli,...