10 discorsi degli Oscar che sono rimasti

Pubblicato domenica, 09 febbraio 2020 ‐ Il Post

Indietro
Avanti

1
di






Indietro
Avanti



Lunedì mattina sui siti di news di tutto il mondo compariranno i video dei discorsi più originali, commossi, impegnati, sconclusionati o divertenti che si sono visti nella notte degli Oscar, uno degli appuntamenti televisivi più importanti dell’anno. Generalmente tutti gli anni riservano dei momenti notevoli, ma ci sono stati discorsi che sono rimasti a distanza di decenni, e altri che pur essendo recenti ci si può legittimamente aspettare che saranno ricordati a lungo. Quasi tutti contengono ringraziamenti, molti sforano i tempi previsti, uno invece – quello di Joe Pesci nel 1991 – non fa né l’una né l’altra cosa. Noterete una cosa: i frequenti ringraziamenti a Harvey Weinstein, il produttore cinematografico della Miramax accusato anni dopo di violenze sessuali da decine di attrici.
Ben Affleck e Matt Damon nel 1998
Che ci fosse un certo entusiasmo intorno alla loro vittoria, per la sceneggiatura originale di Will Hunting, lo si capì da come lo annunciò Jack Lemmon, insieme a Walter Matthau. Affleck e Damon, che avrebbero poi ottenuto i loro successi più grandi come attori, avevano 25 e 27 anni, e salirono sul palco dicendo: «Ci eravamo detti che perdere avrebbe fatto schifo, ma che vincere avrebbe fatto paura». Poi iniziarono a ringraziare un sacco di gente in evidente stato di sovreccitazione, agitandosi e urlando, risultando assai simpatici e sinceri.
Viola Davis nel 2017
Vinse per Barriere, il film di Danzel Washington, e fece un discorso molto commosso ed emozionato parlando delle storie che vale la pena raccontare e sull’importanza dell’arte, che più che per le parole rimase attaccato per l’intensità. Il conduttore Jimmy Kimmel dopo disse scherzando che aveva appena vinto un Emmy, alludendo al fatto che fosse stato un grande momento di televisione.
Marlon Brando nel 1973
O meglio: Sacheen Littlefeather, una attivista apache che ritirò il premio al posto dell’attore, che lo aveva vinto per Il padrino. Littlefeather spiegò che Brando rifiutava il premio per protesta contro il trattamento dei nativi americani nei film e in televisione e per quello che stava succedendo in quei giorni a Wounded Knee, South Dakota, dove era in corso un’occupazione pacifica di indiani Lakota.
Patricia Arquette nel 2015
Vinse per Boyhood di Richard Linkater, e fece un apprezzato discorso in cui ringraziò «tutte le donne che hanno partorito, tutte le cittadine e le contribuenti di questa nazione: abbiamo combattuto per i diritti di tutti gli altri, adesso è ora di ottenere la parità di retribuzione una volta per tutte, e la parità di diritti per tutte le donne negli Stati Uniti», provocando la reazione entusiasta di Meryl Streep.
Roberto Benigni nel 1999
Da «Robbertooo» in avanti la sappiamo un po’ a memoria. Ma magari non vi ricordate le facce delle reazioni delle star di Hollywood, da Steven Spielberg a Meryl Streep.
Matthew McConaughey nel 2014
Era il momento in cui sembrava che Matthew McConaughey avrebbe potuto vincere un Oscar perfino interpretando uno sgabello. Aveva fatto True Detective riscattando istantaneamente una carriera di commedie romantiche da due soldi, e vinse l’Oscar per Dallas Buyers Club. Poi dopo Interstellar si è un po’ perso, ma ci è rimasto questo stralunato discorso da predicatore dell’Alabama.
Joe Pesci nel 1991
Vinse come migliore attore non protagonista per Quei bravi ragazzi di Martin Scorsese, salì sul palco, sembrò cominciare un discorso sentito e poi disse soltanto: «È un onore, grazie», e se ne andò. Uno dei discorsi più brevi della storia degli Oscar, che offrì una soluzione drastica al problema di riuscire a ringraziare tutti-tutti nel poco tempo a disposizione.
Olivia Colman nel 2019
Vinse per La Favorita e secondariamente vinse per la simpatia e la tenerezza del suo discorso, in cui praticamente si scusò con Glenn Close, che era candidata con lei ed era alla sua settima nomination senza vincere. Poi disse ai suoi figli che le sarebbe piaciuto se fossero stati svegli a vederla in tv, ma che se erano già a dormire avevano fatto il loro dovere. Con tanto di pernacchia finale.
Robin Williams nel 1998
«Questa potrebbe essere la volta che rimango senza parole» esordì Williams, che aveva vinto l’Oscar per il miglior attore non protagonista per Will Hunting. Poi ringraziò Matt Damon e Ben Affleck, che avevano vinto poco prima, dicendo loro che voleva poi vedere i loro documenti per controllarne l’età.
Halle Berry nel 2002
Con la sua interpretazione in Monster’s Ball – L’ombra della vita vinse l’Oscar come migliore attrice protagonista, prima donna afroamericana nella storia. Era emozionatissima e fece un discorso singhiozzante in cui ricordò che era un traguardo «più grande di me», e che lo doveva ad altre grandi attrici nere come Dorothy Dandridge, Lena Horne e Diahann Carroll.

Tag: #Cultura #Cinema #Oscar2020 #OscarStories

Altri articoli pubblicati da Il Post

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera. La prima newsletter, inviata il 15...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I gironi della prossima edizione di UEFA Nations League, il torneo per nazionali di calcio europee introdotto due anni fa per rimpiazzare gran parte delle partite amichevoli, sono stati sorteggiati martedì sera ad Amsterdam. L’Italia di Roberto...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

L’avvio di un nuovo flusso di migranti dalla Turchia verso la Grecia, provocato dalla decisione del governo turco di aprire i confini ai migranti che vogliono arrivare in Europa, ha provocato una situazione molto difficile al confine terrestre fra i...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

La sporcizia sugli schermi di smartphone e tablet è una cosa a cui siamo ormai abituati, almeno da quando si sono diffusi gli schermi touch e le ditate sono diventate inevitabili e incontenibili. Ma non è solo una questione estetica....

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Nei test invernali che la Formula 1 ha da poco concluso a Barcellona, le prestazioni della scuderia inglese Racing Point sono state fra le più sorprendenti. A Barcellona i due piloti della Racing Point, Sergio Perez e Lance Stroll, decimo e quindicesimo ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da quando è iniziata l’epidemia del coronavirus (SARS-CoV-2) in Italia, ci sono state 2.036 persone contagiate. Lo ha reso noto la Protezione Civile nella quotidiana conferenza stampa di aggiornamento di lunedì pomeriggio. Attualmente le persone...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli ultimi giorni migliaia di persone – migranti e richiedenti asilo – che si trovavano in Turchia si sono dirette alla frontiera terrestre con la Grecia, dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva annunciato di aver aperto i confini ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Se non avete difetti della vista, forse non avete mai sentito parlare di “luce blu”. Se invece siete andati di recente dall’ottico a fare o rifare gli occhiali da vista, con buona probabilità il trattamento “anti luce blu” è uno di quelli che ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

In questi giorni, per via della diffusione dei contagi da coronavirus, molte persone passano in casa più tempo del solito. Se siete tra quelle persone e se siete in cerca di passatempi di immediata fruizione, per dedicarvi un po’ alla lettura senza...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Il nuovo decreto del governo per il “contenimento e la gestione” dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus approvato domenica prevede, tra le altre cose, “interventi straordinari di sanificazione dei mezzi” del trasporto pubblico in tutta...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Dopo le polemiche e la confusione nate dalla decisione del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, di rinviare con scarso preavviso sei partite dell’ultima giornata di campionato, il presidente dell’Inter Steven Zhang — uno dei club più...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Da qualche giorno la stampa internazionale parla di un progressivo interesse nei confronti di Twitter da parte del fondo di investimenti Elliott Management, fondato e ancora oggi guidato da Paul Singer, un miliardario americano considerato vicino al...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più ...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

Le previsioni meteo per mercoledì dicono che la giornata inizierà con il sole al Nord-Ovest e in Sardegna, e le nuvole in tutte le altre regioni. In Molise, in Sicilia e intorno alla provincia di Pesaro-Urbino è prevista pioggia. Di pomeriggio il...

Pubblicato martedì, 03 marzo 2020 ‐ Il Post

I casi di coronavirus (SARS-CoV-2) nel mondo sono diventati più di 90mila nelle ultime ore, mentre le morti legate in qualche modo al virus sono 3.123. La maggior parte dei casi è stata registrata in Cina, e in particolare nella provincia di Hubei,...