Trump vuole l'armata spaziale degli Usa, ma gli astronauti si ribellano alla Space Force

Pubblicato venerdì, 10 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Arrivano i nostri, anche nello spazio. Donald Trump si prepara alle guerre stellari: il presidente americano vuole il predominio Usa nello spazio per non perdere la sfida con Russia e Cina in quello che è considerato «il campo di battaglia del futuro». Così tira dritto sul suo progetto di creare una Space Force, una armata spaziale che diventi la sesta branca delle forze armate statunitensi, accanto ad esercito (Army), marina militare (Navy), aeronautica (Air Force), al corpo dei Marine e alla Guardia costiera.



Un piano ambizioso che ha suscitato, come prevedibile, reazioni fra il preoccupato e l'ironico e che però vede già gli stessi astronauti della Nasa schierati su posizioni del tutto critiche.



Scott Kelly, veterano delle missioni spaziali della Nasa e inoltre ex pilota top gun della marina militare Usa, ha detto alla rete tv americana Msnbc: «Per me la domanda numero uno è: stiamo parlando di nuove capacità offensive nello spazio nelle armi spaziali? Alcune di queste cose sono limitate da trattati internazionali sottoscritti dagli Stati Uniti sin dagli anni '60. Quindi non mi è chiaro quale sia lo scopo di questo nuovo ramo dell'esercito che sarà incredibilmente costoso e che aggiungerà burocrazia a un comparto già molto burocratizzato. E la mia grande preoccupazione è che lo spazio è stato finora un ambiente dove possiamo lavorare in modo pacifico con tutte le nazioni del mondo, e cambiarlo senza una ragione chiara a questo punto, come ho detto, è piuttosto difficile da capire».



L'esempio più immediato è la stazione spaziale internazionale, Iss, in nome della quale non è mai mancata la collaborazione fra grandi potenze anche quendo sulla Terra la tensione raggiungeva livelli preoccupanti. Inoltre i costi delle imprese spaziali sono elevatissimi e richiedono l'alleanza fra nazioni: sono in molti a credere che l'uomo sbarcherà su Marte per colonizzarlo  solo quando la missione sarà effettivamente mondiale e non di questo o quello stato.



Il vasto progetto dell'armata spaziale Usa a cui - ha annunciato il vice presidente Mike Pence - sta lavorando il Pentagono e che dovrebbe vedere la luce entro il 2020. Congresso permettendo. E sì, perchè per creare la prima nuova forza armata indipendente dal 1947 serve l'approvazione delle due camere parlamentari. E sono molti gli scettici e i critici del progetto, anche all'interno dell'amministrazione. Tra questi, non è un segreto, lo stesso segretario alla difesa James Mattis, a cui però Trump ha dato una missione ben precisa alla quale difficilmente potrà sottrarsi. Quella del tycoon è una vera e propria chiamata alle armi: «Space Force tutta la vita!», ha twittato per far capire a tutti che il piano si attuerà, con buona pace dei detrattori.



Ma la strada è in salita: la realizzazione di una nuova branca delle forze armate Usa comporterebbe uno sconvolgimento nell'organizzazione del Pentagono, dove soprattutto i vertici della Air Force sono sul piede di guerra per il timore di perdere parte delle proprie prerogative chiave e quindi una consistente fetta di risorse nonchè di uomini. I costi dell'operazione Space Force sono poi considerati da molti esorbitanti ed eccessivi rispetto ad altre priorità: secondo i calcoli del Pentagono la cifra da spendere ammonterebbe ad almeno 8 miliardi di dollari in cinque anni. Ma Trump non ne vuole sapere e ha ordinato di andare avanti.



Vuole i suoi cavalieri dello spazio con una loro uniforme, un loro quartier generale, dei loro specifici armamenti e guidati da una catena di comando indipendente. Il piano prevede anche l'acquisto di nuovi satelliti di ultima generazione e lo sviluppo di nuove tecnologie per prepararsi a future guerre nello spazio. Tutti ambiti in cui Mosca e Pechino negli ultimi anni avrebbero compiuto grandi progressi: e per il tycoon che l'America resti indietro su questo terreno è inaccettabile.



E rafforzare l'organizzazione esistente non basta. Così - come ha illustrato Pence - i primi passi per arrivare a una vera 'Us Space Forcè saranno compiuti già quest'anno, con la creazione entro la fine del 2018 di uno 'Space Command' che avrà risorse dedicate e che sarà guidato da un generale a quattro stelle che dovrà rispondere al Pentagono. Avrà il compito di vigilare sulla difesa dello spazio come il 'Pacific Command' vigilia sulla sicurezza dell'Oceano. Sarà istituita anche la figura del sottosegretario alla Difesa per lo spazio che dipenderà direttamente dal capo del Pentagono. Entro il 2020 poi la nascita del nuovo corpo, in attesa di riprendere anche la corsa alla conquista dello spazio ferma dai tempi del programma dello Shuttle della Nasa.

Tag: #PrimoPiano

Altri articoli pubblicati da Il Messaggero

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita in molte regioni centro-meridionali. Lo affermano molti utentI sui social network. La scossa, intorno alle 23.50, è stata percepita chiaramente a Campobasso, come sulla costa...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Un rapporto diffuso oggi dalla Corte Suprema della Pennsylvania sugli abusi sessuali nella Chiesa cattolica accusa oltre 300 sacerdoti e descrive «una sistematica» azione di insabbiamento da parte dei vertici ecclesiastici nell'arco di 70 ...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Denise Marie Woodrum, 51enne suora del Missouri seguace delle Adoratrici del Sangue di Cristo, era sicura che nessuno avrebbe mai minimamente sospettato di lei e che il passaggio della dogana all'aeroporto di Sydney sarebbe stato un gioco da ragazzi. ...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

«Alla base della proposta di legge firmata da me e dal capogruppo M5s c'è il principio per cui si fa un ricalcolo delle pensioni oltre i 4000 euro netti, senza fare espropri proletari o penalizzare chi è andato in pensione prima....

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Al bando iPhone e iPad in Turchia. Il presidente Recep Tayyip Erdogan minaccia di boicottare l'elettronica made in Usa, in primis i prodotti della Apple, come contrattacco dopo i dazi sull'acciaio e sull'alluminio turchi imposti da...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

A Payson, nello Utah, che Duane Youd fosse un tipo litigioso e rancoroso lo sapevano tutti, soprattutto la polizia che nelle ultime settimane lo aveva arrestato due volte per violenze domestiche. Nessuno, però, avrebbe mai immaginato che le sue...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

I due uomini camminavano mano nella mano sabato sera davanti all'Arena di Verona e il loro atteggiamento avrebbe "infastidito" un gruppetto di giovani ventenni che, dopo gli insulti, è passato alle mani, colpendo uno dei due uomini con uno...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Tutto il mondo della musica è in grande apprensione per le condizioni di salute di Aretha Franklin. La regina del soul, infatti, sarebbe in fin di vita e nelle scorse ore era anche stata diffusa...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Molti i genovesi famosi che sui social hanno espresso dolore per la tragedia del ponte crollato oggi. LEGGI ANCHE Genova, crolla il ponte Morandi sull'A10: 35 morti. Salvini: voglio nomi e cognomi dei...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Ancora nessuna traccia di Paddy Moriarty, un uomo di 70 anni che è scomparso lo scorso 16 dicembre dalla piccola città di Larimmah in Australia. L'ultima volta che è stato visto era in un bar a bere otto birre. Con lui...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

È passato sul ponte Morandi, crollato oggi a Genova, pochi minuti prima della tragedia. Il calciatore del Genoa e della Nazionale italiana Mimmo Criscito ha attraversato il ponte mentre si stava recando al campo di allenamento a Pegli....

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Discriminata perché transessuale. E così, per una studentessa transessuale, la ricerca di una stanza da affittare a Palermo è diventata una vera e propria impresa. A denunciare la vicenda su Facebook è Daniela ...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Stava facendo le consegne mattutine nei vari punti vendita della zona. Andava piano, perchè il tratto è trafficato: anche per questo è riuscito a frenare il conducente del furgone dei supermercati Basko, rimasto fermo sull'orlo...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Sul ponte crollato a Genova c'era anche Davide Capello, portiere e bandiera del Legino. Il giocatore era a bordo della sua auto al momento della tragedia e ha fatto un volo di 80 metri uscendo miracolosamente illeso dalle...

Pubblicato martedì, 14 agosto 2018 ‐ Il Messaggero

Una donna è stata trovata morta in un albergo a Santa Cristina in Val Gardena. Stando alle prime informazioni la donna di Parma è stata trovata da una donna delle pulizie nella sua camera priva di vita. Sembra che si tratti di omicidio. Il...