Scuole e Soros, la guerra santa di papa Francesco alla ricchezza

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Giornale.it

Non è solo una curiosa coincidenza che il blitz del "cardinale elettricista" Konrad Krajewski, che ha ridato la luce a un palazzo occupato abusivamente nel centro di Roma, sia avvenuto all'indomani della convocazione da parte del Papa dell'incontro mondiale di giovani economisti e imprenditori che si terrà ad Assisi dal 26 al 28 marzo 2020. Entrambi i fatti si collocano in una strategia economica che papa Francesco sta disegnando fin dal suo insediamento in Vaticano: l'interesse per i poveri, la loro liberazione, non la intende in senso spirituale ma economico e politico. "Avete i piedi nel fango e le mani nella carne. Odorate di quartiere, di popolo, di lotta! Vogliamo che si ascolti la vostra voce", disse nel primo incontro sul tema "Terra, casa, lavoro" svoltosi nell'ottobre 2014 rivolgendosi a coloro che "vivono sulla propria pelle la disuguaglianza e l'esclusione". Si trattava in maggior parte di movimenti latinoamericani (ma anche il milanese Centro sociale Leoncavallo), pochissimi cattolici, ma tutti impegnati per la cosiddetta giustizia sociale.L'anno successivo l'incontro si è ripetuto in Bolivia, organizzato congiuntamente da Vaticano e presidente boliviano Evo Morales, leader sindacalista e indigeno verso cui il Papa ha dimostrato grande amicizia, parte di quella lega dei presidenti sudamericani che promuovono il "socialismo del XXI secolo", creata dall'ex presidente venezuelano Hugo Chavez. E nel terzo incontro mondiale dei "movimenti popolari", ancora in Vaticano nel novembre 2016, papa Francesco sottolineava un altro aspetto della sua "dottrina economica": "C'è un terrorismo di base che deriva dal controllo globale del denaro sulla terra e minaccia l'intera umanità". Da qui deriverebbero poi tutti gli altri terrorismi, perché "nessun popolo, nessuna religione è terrorista". Il problema per papa Francesco è il denaro, dunque, il profitto messo al primo posto nella scala dei valori che, secondo lui, sarebbe l'essenza del capitalismo: "Questa economia che uccide", frase che ama ripetere spesso, tanto da aver dato il titolo a un suo libro che raccoglie gli interventi in materia. Da qui il lavoro per costruire un nuovo pensiero economico. In questi anni ha dato grande impulso a una sua creazione dei tempi in cui era arcivescovo di Buenos Aires, ovvero Scholas Occurrentes, scuole di quartiere, per costruire ponti tra le scuole di Buenos Aires. "Siamo convinti ha spiegato lo stesso papa Francesco - che i giovani hanno bisogno di comunicare tra loro e di tre pilastri fondamentali: istruzione, sport e cultura".Oggi queste scuole sono messe al centro del progetto economico di papa Francesco. L'annuncio dell'incontro mondiale dei giovani economisti ad Assisi è venuto infatti in occasione dell'incontro in Vaticano tra il Papa, i responsabili di Scholas Occurrentes e due economisti di fama mondiale come Joseph Stiglitz, ex capo economista alla Banca Mondiale e premio Nobel nel 2001, e Robert Johnson, presidente dell'Inet, Istituto per il nuovo pensiero economico, nonché allievo di George Soros oltre che di Stiglitz, per i dare impulso a livello globale a un'"economia sociale di mercato" che "guardi al futuro con la voce dei più giovani". Insomma sono le ormai consuete parole d'ordine del globalismo contemporaneo, anche se si presenta come una critica della globalizzazione. Cosa c'entra san Francesco con tutto questo, visto che non a caso è stata scelta Assisi come sede dell'incontro? Simbolicamente si può pensare all'attenzione per i poveri, ma l'economia medievale di cui diversi francescani sono stati protagonisti è molto più di questo. Addirittura molti studi trovano proprio in questo periodo e nel concetto di proprietà privata e di responsabilità personale, elaborato dagli economisti cattolici dell'epoca, le radici del capitalismo. Ironia della storia.

Altri articoli pubblicati da Il Giornale.it

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

La citazione più azzeccata la trova Carlo Calenda: il Pd? È come "Il giorno della marmotta", il celeberrimo film in cui la giornata di Bill Murray ricominciava ogni mattina da capo e sempre uguale.Proprio come accade in casa dem, dove la guerriglia...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Donald Tusk, presidente polacco del Consiglio europeo, è stato in questi giorni indagato da una commissione parlamentare d"inchiesta del suo Paese.Il vertice dell"istituzione Ue incaricata di definire le priorità e gli indirizzi politici comunitari è...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

"Grave vulnus" (Giuseppe Conte). "Gigantesca questione morale" (Luca Poniz). "Fatti gravissimi, mercimonio di incarichi" (Antonio Roberti). E via di questo passo.Qualunque altra istituzione sommersa dai giudizi che le sono piombati addosso in questi...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Un automobilista di 46 anni ha guidato in autostrada contromano per circa sei chilometri per fare ritorno in Autogrill, convinto di aver dimenticato il portafogli. Fortunatamente è stato poi fermato dalla Polizia stradale di Alessandria Ovest. Gli...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Una giustizia meno trafficona. E meno asservita alla logica delle correnti. Per questo anche un insospettabile come Giovanni Falcone predicava, nel deserto della sinistra, la separazione delle carriere. I pubblici ministeri da una parte, i giudici...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Negli ultimi giorni si parla moltissimo delle vicende amorose di Giulia De Lellis. La bellissima influencer pare abbia cominciato una frequentazione con il pilota di MotoGp Andrea Iannone. Nonostante nella sua vita forse sia presente un altro uomo,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Gli Stati Uniti annunciano l'invio di mille soldati in Medio Oriente come risposta alle tensioni nel Golfo Persico e l'attacco alle petroliere nel Golfo dell'Oman. A darne notizia, il segretario alla Difesa Patrick Shanahan. Secondo il capo della Difesa...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Sarri, quand'era presidente, non era possibile ingaggiarlo: "Aveva già fatto le sue scelte, non si poteva fare". Arrivò invece Montella. E dal Milan, per rispetto ed educazione "da quando siamo usciti preferiamo non interferire con le nostre opinioni". ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

I protagonisti di una domenica di metà giugno sono stati due: Maurizio Sarri e Federico Chiesa. Il primo ha firmato un triennale con la Juventus, il secondo ha firmato una doppietta nell'esordio dell'Under 21 all'Europeo di categoria. Entrambe le storie ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Nuovo soggetto politico o patto di non belligeranza con la Lega, magari federazione o partito unico? Il dilemma che agita Forza Italia nasce da segnali contrastanti che prima hanno prefigurato una svolta con coordinatori nazionali eletti come quelli...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

N emmeno una lacrimuccia ma una voglia matta di spiegare, rispondere per un tempo infinito alle domande e poi quella chiosa ("andrò a vedere qualche partita in curva sud") che negli Usa deve aver avuto il sapore di una minaccia. Questo è stato l'ultimo ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Ottanta minuti, quasi il tempo di una partita, nei quali Francesco Totti non ha lesinato parole e veleni. Svelando il piano di "detottizzazione" e "deromanizzazione" del club ("un pensiero fisso di molti") in atto da 8 anni e mettendo in piazza tutti i...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Sarà difficile per il governo ignorare il pressing sul salario minimo che sta arrivando dal mondo della produzione al gran completo. La proposta del Movimento 5 Stelle di portare per legge la retribuzione lorda minima a 9 euro all'ora ha incassato dei...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Vabbé, più che la televisione dei sovranisti pare la tv dello Zecchino d'oro. Ieri è cominciata la stagione estiva della Rai versione giallo-verde, più verde che gialla. È anche il primo palinsesto con programmi e conduttori completamente scelti...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Coincidenza poco fortunata. Proprio mentre il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, sta mettendo a punto le tabelle per convincere Bruxelles a rinunciare alla procedura d'infrazione e nelle stesse ore in cui il premier Giuseppe Conte prepara la lettera...