Il suo ambientalismo fa rima con socialismo

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Giornale.it

Perché una ragazzina svedese di sedici anni è diventata un fenomeno globale rispolverando l'ambientalismo apocalittico senza aggiungere nulla al già detto? Di sicuro ha toccato un nervo scoperto della società, ma quale esattamente? Il riscaldamento globale non eccita gli animi. No, in Greta deve esserci qualcosa di più.La bambina autistica (sindrome di Asperger) che prende a schiaffoni i grandi della Terra. Affascinante ma non basta. Infatti sui media girano episodi degni delle medievali Vite dei Santi. Greta che sciopera ogni venerdì seduta davanti al Parlamento svedese. Greta che tocca (letteralmente) i cuori (...)(...) dei deputati. Miracolo! Subito si convertono alla confraternita di Santa Greta da Stoccolma. Santa Greta accolta da Francesco, il papa dalla coscienza verde. Santa Greta che non tocca la carne ma teneramente si fa fotografare in treno con il cibo spazzatura, come tutti gli adolescenti. La protesta di Santa Greta che diventa virale, studenti di tutto il mondo in sciopero al venerdì, grazie a un uso accorto dei social network. Santa Greta versione predicatrice che parla ovunque si prendano decisioni sul futuro del Pianeta: Onu, Davos, parlamenti assortiti. Santa Greta che però non vola in aereo perché non vuole inquinare troppo. Santa Greta che sventa le teorie complottiste sui suoi finanziatori: è stata avvicinata a una start up verde proprietà di un esperto di marketing; accusata di essere uno spot vivente per le pubblicazioni della madre; passata ai raggi X per vedere se nel portafogli avesse soldi del magnate Soros, di istituzioni politiche anti-sovraniste. E, ultimo miracolo, Santa Greta sulla copertina di Time.Prima di proseguire, due precisazioni indispensabili. Un uomo di destra non può non avere una coscienza ecologista. Si deve conservare, in primo luogo, la natura. Il problema è reale. Però analisi e soluzioni giuste non sono quelle proposte da Greta. Secondo. Non c'è alcun complotto. L'approccio apocalittico è gradito ad ambienti industriali e politici che agiscono in piena luce. Non è sicuro che gli interessi di questi ambienti coincidano con quelli delle masse in preda alla crisi economica. Si capisce però che Greta non mancherà mai di fondi da spendere al servizio della causa.Una possibile spiegazione del "caso Greta" è rintracciabile nel libro La nostra casa è in fiamme (Mondadori, pagg. 228, euro 16) al quale ha lavorato l'intera famiglia Thunberg: Greta, la sorella, il padre e soprattutto la madre Malena, cantante molto nota in Svezia. La teoria esposta è la seguente: ciascuno deve dare il suo contributo ma il riscaldamento globale si vince soltanto con l'intervento della politica. Tocca alla politica ridurre le emissioni, incentivare la green economy, rinunciare alla crescita, scegliere lo sviluppo sostenibile e infine creare una società più giusta fondata sull'uguaglianza, non solo nell'opulento Occidente o in Cina, ma anche e soprattutto nei Paesi che cercano di uscire dalla arretratezza. Voilà, il socialismo in salsa globalista è servito. La politica ovviamente brinda. Toccherà a chi governa chiedere sacrifici e redistribuire la ricchezza agitando lo spauracchio dell'apocalisse imminente. Non a caso la sinistra statunitense di Alexandria Ocasio-Cortez propone un New Deal verde. La Camera dei Comuni inglese ha approvato lo stato d'emergenza climatica con l'obiettivo di ridurre a zero le emissioni. Analogo provvedimento, voluto dal Partito democratico, giace nel Senato italiano in attesa di valutazione. Il Movimento 5 stelle, all'inizio, aveva una offerta politica ecologista, poi si è perso nelle mille battaglie contro la creazione di infrastrutture: e vai di No Tav, No Tap, No Inceneritori, No Qualunque Cosa.Anche le aziende stappano lo spumante: toccherà a loro rifornirci di nuove automobili, ad esempio, usufruendo magari di incentivi fiscali per convertire la produzione (e i consumi) in senso green. Nelle speranze di politici e capitani d'industria, questo cambiamento fornirà la spinta per uscire dalla grave crisi economica che incombe sul mondo occidentale dal 2008. Le istituzioni sovranazionali esultano e sperano di acquisire finalmente un ruolo incisivo mangiandosi altre fette succulente di sovranità degli Stati tradizionali. Greta è dunque un perfetto prodotto mainstream e funzionale al sistema che critica. Non deve stupire che giri il mondo in tournée spettacolari. Non deve stupire che importanti aziende nel settore dei trasporti abbiano annunciato di orientare la produzione in senso ecologico. Se proprio volete un'immagine simbolo di questo periodo, date un'occhiata ai rendering dei progetti di restauro della cattedrale di Notre-Dame bruciata Parigi: piante ovunque.Il socialismo cambia continuamente pelle. Prima vennero gli operai. Andò male al punto che nelle fabbriche del nord passarono tutti a destra. Poi esplose la questione dei diritti con battaglie partite bene e finite male a causa del ridicolo politicamente corretto. Quindi venne l'immigrazione incontrollata: ha messo in fuga gli ultimi elettori. Il sussulto finale è stato per l'Unione europea, istituzione che scalda solo i cuori di chi la maledice. Ora tocca all'ambientalismo apocalittico.

Altri articoli pubblicati da Il Giornale.it

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

Fatelo sapere ai titolisti di Repubblica e ai tifosi del patto d'acciaio M5s-Pd. "MaZinga", crasi creativa dai nomi dei due leader Di Maio e Zingaretti, era perfetto... solo che era già stato prenotato. In tempi non sospetti, sei mesi fa o giù di lì,...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

C'è una definizione di conflitto militare fornita da Carl von Clausewitz (1780-1831) che è diventata molto celebre: "La guerra non è che la continuazione della politica con altri mezzi". Soprattutto per quanto riguarda i conflitti moderni si potrebbe...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

"Tutta colpa di Salvini": se il governo cade è responsabilità del ministro dell'Interno, se il Pd rischia di andare all'esecutivo coi 5 stelle, idem. Insomma, lo sport preferito dei politici sembra essere diventato quello di prendere il leader della...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

La Signora vince. La rivoluzione può aspettare. In campo e fuori. Perché con Maurizio Sarri costretto sul divano dalla polmonite, Giovanni Martusciello si siede sulla panchina della Juventus in camicia bianca e cravatta. Alla giacca rinuncia per...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

Il primo giorno di scuola è sempre un'emozione. Anche se sei un professionista con anni di carriera alle spalle. C'è chi fa il freddo e nasconde i suoi sentimenti. C'è chi invece come Giampaolo sceglie di essere vero e senza filtri. "È un sogno per...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

"Paolo, dove vuoi jocare?". Nils Liedholm, allenatore del Milan presieduto da Giussy Farina a quel tempo già a corto di moneta, era fatto così. Capacissimo di chiedere lui, con quel po' po' di carriera alle spalle, a un ragazzino di appena 16 anni e...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

No al Conte bis. Nicola Zingaretti è stato categorico: è necessario un governo di "discontinuità", una svolta rispetto a quello uscente a partire dal nome del presidente del Consiglio. Ma anche dell'impronta che politica che l'esecutivo deve avere....

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

La metamorfosi è avvenuta. I 5 stelle non sono più i 5 stelle. O, meglio, non sono più quello che si spacciavano di essere, ma che con buona probabilità non sono mai stati. In questi giorni confusi e accaldati Di Maio e soci stanno smontando, bullone ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

La Fiorentina di Vincenzo Montella gioca bene per circa mezz'ora contro il Napoli di Carlo Ancelotti ma perde al termine di un match davvero emozionante e ricco di occasioni da gol e di reti. A spuntarla sono stati per 4-3 gli azzurri grazie alla...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

Davanti alla lapide che ricorda la strage di 28 prigionieri di guerra italiani dei partigiani di Tito pascola un caprone. La bestia divora i pochi fili d'erba rimasti nel campo del ricordo, dove lo scorso maggio sono stati riesumati i corpi dei militari...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

"Sono molto preoccupato, come italiano, come leader politico e anche come imprenditore, per la piega assunta dalla crisi di governo". Così sul suo profilo Facebook il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi commenta l'ultima fase politica....

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

"Salvini ha chiesto pieni poteri ma rispetto a 15 giorni fa adesso è anche in un angolo, quasi ko". Matteo Renzi, con un tweet, entra di nuovo a gamba tesa nelle delicatissime fasi della trattativa per un governo targato Pd-M5S.Anche stavolta la...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

La Juventus parte bene e guadagna i primi tre punti della nuova stagione Serie A. I bianconeri esordiscono con il piede giusto nonostante l'assenza in panchina di Maurizio Sarri, fermato da una polmonite. Al momento dell'ufficialità delle formazioni...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

Agli insulti pesanti ora corrisponde una bella querela. Ad annunciarlo è stata Giorgia Meloni sul proprio profilo Facebook. Stufa dei costanti attacchi subiti, il leader di Fratelli d'Italia ha annunciato che querelerà Raimondo Etro: "Questo individuo...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Il Giornale.it

Giuseppe Conte chiude ogni spiraglio. "La stagione politica con la Lega è chiusa". Il premier dimissionario lo dice dal G7 di Biarritz. In merito all'ipotesi di un Conte bis poi spiega: "Io non credo che sia una questione di persone. È una questione di ...