I "nipotini" di Iroso e la Nato. Ecco i muli post tecnologici

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Giornale.it

I vantaggi di un mulo nell'era post tecnologica. Fatica e lavoro. Sono passati diversi anni da quando i trattori e i macchinari hanno mandato gli animali in pensione. Fotografie in bianco e nero, carichi enormi sulle spalle. Così come le truppe alpine, vecchio ricordo, separate dai muli, compagni d'armi e di avventura per oltre un secolo. La modernizzazione delle tecniche di combattimento in montagna avevano portato - un po' a malincuore - al congedo dei muli. E invece no. Le strade sterrate in alta montagna, le zone impervie dell'Afghanistan, del Kosovo. Qui ci arrivi al massimo in motocicletta, ma i carichi dove li metti? Certo, ci sarebbero gli elicotteri, ma con il mal tempo neanche a parlarne. Ecco perchè la Nato ha deciso di richiamare i muli messi in panchina. Alleati d'eccezione che l'Alleanza Atlantica ha deciso di richiamare alle armi. Bisogna mandare forniture e cibo ai soldati nelle zone impervie. Dare loro sostegno. E lo possono fare i muli. La zona in cui sono chiamati ad operare è aspra e numerosi villaggi sono tagliati fuori dagli assi di comunicazione e gli abitanti si arrangiano lavorando la poca terra fertile che possiedono e con la pastorizia. Non c'è elettricità, non esistono strade, fogne, acqua corrente. I bambini non vanno a scuola, perché è troppo lontano, ed anche ammalarsi è un lusso poiché non ci sono medici condotti e il presidio sanitario più vicino è a 30 chilometri da percorrere a dorso di mulo. Gli ultimi arrivano da Murcia, in Spagna che già dieci anni fa sono stati comprati dall'Esercito tedesco come appoggio alla sua Brigata di fanteria da montagna. Uno dei principali compiti di questa brigata è portare viveri e materiali alle truppe in luoghi di difficile accesso. E questi animali volenterosi ci riescono benissimo. Fino a centoventi chili da caricare sulle spalle. E il massimo della discrezione. Altro che l'arrivo in elicottero dove il nemico può facilmente sentirti arrivare.E così, la vita di Antonio Reverte, un allevatore di muli di Murcia, ad esempio, come racconta El Pais è cambiata negli ultimi anni. Già dal 2009 quando l'Esercito tedesco ha comprato dei muli dal suo allevamento. "Mi è dispiaciuto doverli salutare, ha raccontato. E sinceramente pensavo di non vederli più. Poi la sorpresa: in un video della Nato eccoli lì. Trattati benissimo, coccolati, arruolati". E il video racconta bene l'affezione e il rispetto dei militari verso questi animali che in zone di guerra sono diventati preziosi alleati. C'è un soldato che racconta: "Durante il lungo tragitto scopri le doti di questi animali incredibili: la forza e la resistenza. Ma non solo, sono docili, intelligentissimi, che se tratti bene diventano davvero compagni che ti salvano la vita".Le cime dell'Afghanistan - paese il cui territorio è per oltre tre quarti montuoso, con picchi che superano i 7000 metri - hanno visto anche Alpini e muli lavorare insieme. Poco tempo fa poi, ad aprile, gli alpini hanno pianto Iroso, l'ultimo mulo-alpino sopravvissuto a naja e macello. "Iroso è lassù, forte e vitale come un tempo, a sfidare di nuovo un sentiero impervio, perché Iroso non è morto, è andato avanti su quel sentiero", ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia visibilmente commosso. E quello a Iroso è stato un addio al mito. Aveva 40 anni, equivalenti a 120 per un uomo, che erano stati festeggiati nel gennaio scorso dalle "penne nere" e dai proprietari, che lo avevano preso all'asta quando l'Esercito pensionò i muli per passare ai mezzi cingolati. Per Iroso c'era stata una festa di compleanno con tanto di alza bandiera e fanfara in stile adunata alpina, a Cappella Maggiore (Treviso), dove viveva. Iroso, numero di matricola 212 scolpito sullo zoccolo e in forza alla disciolta Brigata Cadore, era ormai quasi cieco e acciaccato dal peso degli anni. Altri eroi oggi seguono le orme di Iroso.

Altri articoli pubblicati da Il Giornale.it

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Il caldo è asfissiante, così come il cattivo odore che penetra nelle narici appena messo il piede fuori dall"automobile. Lo spettacolo che si presenta agli occhi di chi tutti i giorni percorre l"asse mediano Nola-Villa Literno, che congiunge le due...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Per alcuni siamo entrati nel secolo asiatico; altri ritengono che la Cina supererà presto gli Stati Uniti diventando la prima potenza in assoluto. Queste due affermazioni sono tra loro collegate perché a guidare la locomotiva Asia è proprio la Cina, e ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Decongestionare i Pronto soccorso, intervenire sulla drammatica carenza di personale, garantire parità di accesso a tutti i cittadini alle prestazioni essenziali. Il Servizio sanitario nazionale è in emergenza ma i provvedimenti messi in campo dal...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Ci sono il sandalo del Cile e l'ulivo di Sant'Elena. Ma anche il cosiddetto fiore-cadavere, il riso selvatico texano, l'orchidea sotterranea e l'albero medusa. Sono le piante ormai estinte, o quelle entrate nella lista rossa stilata dall'Iucn, che...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

La citazione più azzeccata la trova Carlo Calenda: il Pd? È come "Il giorno della marmotta", il celeberrimo film in cui la giornata di Bill Murray ricominciava ogni mattina da capo e sempre uguale.Proprio come accade in casa dem, dove la guerriglia...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Donald Tusk, presidente polacco del Consiglio europeo, è stato in questi giorni indagato da una commissione parlamentare d"inchiesta del suo Paese.Il vertice dell"istituzione Ue incaricata di definire le priorità e gli indirizzi politici comunitari è...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

"Grave vulnus" (Giuseppe Conte). "Gigantesca questione morale" (Luca Poniz). "Fatti gravissimi, mercimonio di incarichi" (Antonio Roberti). E via di questo passo.Qualunque altra istituzione sommersa dai giudizi che le sono piombati addosso in questi...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Un automobilista di 46 anni ha guidato in autostrada contromano per circa sei chilometri per fare ritorno in Autogrill, convinto di aver dimenticato il portafogli. Fortunatamente è stato poi fermato dalla Polizia stradale di Alessandria Ovest. Gli...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Una giustizia meno trafficona. E meno asservita alla logica delle correnti. Per questo anche un insospettabile come Giovanni Falcone predicava, nel deserto della sinistra, la separazione delle carriere. I pubblici ministeri da una parte, i giudici...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Negli ultimi giorni si parla moltissimo delle vicende amorose di Giulia De Lellis. La bellissima influencer pare abbia cominciato una frequentazione con il pilota di MotoGp Andrea Iannone. Nonostante nella sua vita forse sia presente un altro uomo,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Gli Stati Uniti annunciano l'invio di mille soldati in Medio Oriente come risposta alle tensioni nel Golfo Persico e l'attacco alle petroliere nel Golfo dell'Oman. A darne notizia, il segretario alla Difesa Patrick Shanahan. Secondo il capo della Difesa...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Sarri, quand'era presidente, non era possibile ingaggiarlo: "Aveva già fatto le sue scelte, non si poteva fare". Arrivò invece Montella. E dal Milan, per rispetto ed educazione "da quando siamo usciti preferiamo non interferire con le nostre opinioni". ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

I protagonisti di una domenica di metà giugno sono stati due: Maurizio Sarri e Federico Chiesa. Il primo ha firmato un triennale con la Juventus, il secondo ha firmato una doppietta nell'esordio dell'Under 21 all'Europeo di categoria. Entrambe le storie ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Nuovo soggetto politico o patto di non belligeranza con la Lega, magari federazione o partito unico? Il dilemma che agita Forza Italia nasce da segnali contrastanti che prima hanno prefigurato una svolta con coordinatori nazionali eletti come quelli...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

N emmeno una lacrimuccia ma una voglia matta di spiegare, rispondere per un tempo infinito alle domande e poi quella chiosa ("andrò a vedere qualche partita in curva sud") che negli Usa deve aver avuto il sapore di una minaccia. Questo è stato l'ultimo ...