I "nipotini" di Iroso e la Nato. Ecco i muli post tecnologici

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Il Giornale.it

I vantaggi di un mulo nell'era post tecnologica. Fatica e lavoro. Sono passati diversi anni da quando i trattori e i macchinari hanno mandato gli animali in pensione. Fotografie in bianco e nero, carichi enormi sulle spalle. Così come le truppe alpine, vecchio ricordo, separate dai muli, compagni d'armi e di avventura per oltre un secolo. La modernizzazione delle tecniche di combattimento in montagna avevano portato - un po' a malincuore - al congedo dei muli. E invece no. Le strade sterrate in alta montagna, le zone impervie dell'Afghanistan, del Kosovo. Qui ci arrivi al massimo in motocicletta, ma i carichi dove li metti? Certo, ci sarebbero gli elicotteri, ma con il mal tempo neanche a parlarne. Ecco perchè la Nato ha deciso di richiamare i muli messi in panchina. Alleati d'eccezione che l'Alleanza Atlantica ha deciso di richiamare alle armi. Bisogna mandare forniture e cibo ai soldati nelle zone impervie. Dare loro sostegno. E lo possono fare i muli. La zona in cui sono chiamati ad operare è aspra e numerosi villaggi sono tagliati fuori dagli assi di comunicazione e gli abitanti si arrangiano lavorando la poca terra fertile che possiedono e con la pastorizia. Non c'è elettricità, non esistono strade, fogne, acqua corrente. I bambini non vanno a scuola, perché è troppo lontano, ed anche ammalarsi è un lusso poiché non ci sono medici condotti e il presidio sanitario più vicino è a 30 chilometri da percorrere a dorso di mulo. Gli ultimi arrivano da Murcia, in Spagna che già dieci anni fa sono stati comprati dall'Esercito tedesco come appoggio alla sua Brigata di fanteria da montagna. Uno dei principali compiti di questa brigata è portare viveri e materiali alle truppe in luoghi di difficile accesso. E questi animali volenterosi ci riescono benissimo. Fino a centoventi chili da caricare sulle spalle. E il massimo della discrezione. Altro che l'arrivo in elicottero dove il nemico può facilmente sentirti arrivare.E così, la vita di Antonio Reverte, un allevatore di muli di Murcia, ad esempio, come racconta El Pais è cambiata negli ultimi anni. Già dal 2009 quando l'Esercito tedesco ha comprato dei muli dal suo allevamento. "Mi è dispiaciuto doverli salutare, ha raccontato. E sinceramente pensavo di non vederli più. Poi la sorpresa: in un video della Nato eccoli lì. Trattati benissimo, coccolati, arruolati". E il video racconta bene l'affezione e il rispetto dei militari verso questi animali che in zone di guerra sono diventati preziosi alleati. C'è un soldato che racconta: "Durante il lungo tragitto scopri le doti di questi animali incredibili: la forza e la resistenza. Ma non solo, sono docili, intelligentissimi, che se tratti bene diventano davvero compagni che ti salvano la vita".Le cime dell'Afghanistan - paese il cui territorio è per oltre tre quarti montuoso, con picchi che superano i 7000 metri - hanno visto anche Alpini e muli lavorare insieme. Poco tempo fa poi, ad aprile, gli alpini hanno pianto Iroso, l'ultimo mulo-alpino sopravvissuto a naja e macello. "Iroso è lassù, forte e vitale come un tempo, a sfidare di nuovo un sentiero impervio, perché Iroso non è morto, è andato avanti su quel sentiero", ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia visibilmente commosso. E quello a Iroso è stato un addio al mito. Aveva 40 anni, equivalenti a 120 per un uomo, che erano stati festeggiati nel gennaio scorso dalle "penne nere" e dai proprietari, che lo avevano preso all'asta quando l'Esercito pensionò i muli per passare ai mezzi cingolati. Per Iroso c'era stata una festa di compleanno con tanto di alza bandiera e fanfara in stile adunata alpina, a Cappella Maggiore (Treviso), dove viveva. Iroso, numero di matricola 212 scolpito sullo zoccolo e in forza alla disciolta Brigata Cadore, era ormai quasi cieco e acciaccato dal peso degli anni. Altri eroi oggi seguono le orme di Iroso.

Altri articoli pubblicati da Il Giornale.it

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Un'ondata di storie da raccontare, decine di richieste d'aiuto, qualche lacrima di rabbia ma, sopratutto un'unica speranza, quella che venga fatta giustizia. Si anima così, questa mattina, via del Pratello, la strada su cui affaccia la sede del...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Fate attenzione, se avete un iPhone e usate WhatsApp. Perché? Perché un ricercatore informatico ha scoperto che l'opzione "Elimina per tutti" su un messaggio inviato per sbaglio in una chat di gruppo in realtà non cancella affatto quello che voi...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

"Io un voltagabbana del genere non l'ho mai conosciuto nella vita". Matteo Salvini si scaglia così, dal palco di Atreju, contro il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il leader della Lega sta partecipando alla festa di Fratelli d'Italia all'Isola...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

L'esplosione si è verificata intorno alle 15.45, in una fabbrica di Trezzano sul Naviglio, in viale Edison. In base alle prime ipotesi, a scoppiare sarebbe stato un serbatoio di gpl all'interno della ditta "Tree of Light", stabilimento che si occupa...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Mussolini "visita i lavori di sistemazione del Monte Soratte". Così titolò il Popolo d'Italia il 15 ottobre del 1940. Era un depistaggio. Quei "lavori di sistemazione" erano in realtà le opere di scavo di uno dei luoghi più segreti del regime: il...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Trovare un rimedio per bloccare l'emorragia e coinvolgere tempestivamente tutti i cardinali e vescovi a capo dei dicasteri vaticani. Sono ancora una volta le finanze d'oltretevere a turbare la quiete della residenza Santa Marta, il quartier generale di...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Nel 1916 Lenin scrisse un libretto dal titolo che diceva tutto: L'imperialismo fase suprema del capitalismo. Le cose sono andate diversamente. Converrebbe che qualcuno, dopo un secolo, lo parafrasasse così: l'ambientalismo fase suprema del comunismo....

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Un nuovo caso di Dengue ha messo in allarme Firenze. Per questo motivo, i tecnici dell'Igiene pubblica e nutrizione del dipartimento della Prevenzione si attiveranno, già da domani mattina, a partire dalle 8, per le operazioni di disinfestazione nella...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Gli italiani credono poco, molto poco, al Conte-bis. Secondo l'ultimo sondaggio di Euromedia Research, infatti, la fiducia nel governo giallorosso non arriva neppure al 30%: la direttrice dell'istituto demoscopico parla, appunto, di un dato tra il 28 e...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Verrà sottoposto a perizia psichiatrica il 21enne nigeriano che lo scorso 29 aprile fu dichiarato in arresto dopo aver molestato sessualmente due donne nel centro storico di Lecce. Salvato dal linciaggio della folla, lo straniero oppose resistenza al...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

La compagnia aerea statunitense American Airlines ha cancellato un volo perché l'equipaggio di un aereo "non si sentiva a suo agio" a causa della presenza a bordo di due uomini musulmani che si erano salutati prima dell'imbarco. È successo...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

CONTROL LA TRAMA Ecco un titolo (Digital Bros) che ha catalizzato l'attenzione fin dalla prima conferenza stampa di presentazione. Control è infatti un gunplay di stampo classico che introduce alcune varianti narrative notevoli. La storia è abbastanza ...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Sono stati finalmente incriminati a Reggio Calabria i due stranieri accusati di aver aggredito e rapinato un 48enne italiano durante lo scorso 20 marzo.A dare esecuzione al provvedimento della locale Procura della Repubblica sono stati i carabinieri del...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

"Queste scarpe sono ciò che mi servono per il nuovo anno". A dirlo è un ragazzino, che corre a perdifiato nel corridoio di una scuola, in uno spot ideato apposta per l'inizio dell'anno scolastico. Il video è stato realizzato dalle famiglie dei bambini ...

Pubblicato venerdì, 20 settembre 2019 ‐ Il Giornale.it

Una settimana dopo gli attacchi aerei a due impianti della compagnia petrolifera Aramco in Arabia Saudita, ecco profilarsi per i consumatori italiani una vera e propria stangata. Mentre l'azienda ha aperto le proprie porte ai media per mostrare i danni...