Alpinismo estremo, Daniele Nardi a caccia dell'impresa storica sul Nanga Parbat

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ Il Giornale.it

Daniele Nardi, esperto alpinista nostrano classe '76, in questi giorni sta tentando un'impresa mai riuscita a nessuno: scalare il Nanga Parbat seguendo un percorso fino ad ora inviolato, quello cioè che porta ad attraversare e a superare lo sperone Mummery, una impressionante parete verticale ghiacciata di più di mille metri che richiede, soprattutto in pieno inverno, uno sforzo a dir poco titanico.Nardi è a capo di una spedizione di quattro persone che in questi giorni in Pakistan sta scalando il Nanga Parbat, la nona montagna più alta del mondo, la cui vetta si trova a oltre 8.000 metri; insieme a lui in questa epica avventura ci sono l'inglese Tom Ballard (ottimo scalatore e fortissimo arrampicatore) e due alpinisti locali molto preparati e abituati alle temperature d'alta quota, i pakistani Rahmat Ullah Baig e Karim Hayat.La squadra in queste ore si trova praticamente ai piedi del "mostro" e sta valutando come affrontare la parte della missione più pericolosa e impegnativa. L'italiano nato a Sezze descrive il Mummery come una sua ossessione ed è probabilmente l'unico scopo di questa spedizione estrema, più importante persino del raggiungimento della vetta stessa.Albert Frederick Mummery fu un precursore, un alpinista coraggioso e instancabile; fu il primo a organizzare una scalata di un ottomila e scelse proprio il Nanga Parbat, "la montagna nuda" conosciuta anche come la "mangiauomini" per questo suo battesimo del fuoco. Ma qualcosa andò storto, i tempi non erano ancora maturi per scalate di tale difficoltà, le attrezzature non erano adeguate e le tecniche mancavano di qualche perfezionamento. Era l'estate del 1895 quando Mummery scomparve nel nulla insieme a parte della sua squadra mentre si trovava proprio nel tratto più complesso dell'arrampicata. Lo sperone prende il nome proprio dal pioniere inglese deceduto durante la sua più grande e temeraria impresa alpinistica.

Altri articoli pubblicati da Il Giornale.it

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Sul Comune sventola bandiera gay. Sia chiaro, benissimo che chi vuole sabato sfili per concludere la dieci giorni dedicata all'orgoglio omosex. E altrettanto bene battersi per la difesa dei diritti di chiunque. Se poi lo si facesse in giacca e cravatta o ...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Ieri sera a Bari ha preso il via il tour di Biagio Antonacci e Laura Pausini negli stadi e tra i tanti spettatori ce ne erano due particolari: Loredana Lecciso e Albano Carrisi, insieme.A rivelarci tutto è la stessa Lecciso che ha postato un paio di...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

"Antonio, fa caldo" recitava in un celebre spot tormentone Luisa Ranieri, sexy in sottoveste. E di caldo ne sta facendo parecchio in tutta Europa, tanto che centinaia di scuole saranno chiuse oggi e domani in Francia per temperature che raggiungeranno -...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

La sensazione è generale ed è diffusa in tutti i Palazzi della politica: anche nei momenti di maggiore tensione Matteo Salvini tenta di preservare il personaggio con cui ha stipulato l'alleanza di governo, cioè Giggino Di Maio. Un atteggiamento...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Il sospetto, più che fondato, è che la gigantesca impasse in cui è finito il governo negli ultimi giorni dipenda solo in parte dallo scontro ormai permanente tra Lega e M5s. Certo, su alcuni dossier chiave come l'autonomia regionale o la revoca delle...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Nelle grandi città le "librerie alternative" rappresentano una realtà collaudata. Pur se di nicchia.Il mercato da sfogliare è infatti per oltre l'80% della biblio-distribuzione nelle mani dei megastore della lettura; di fatto la piccola libreria di...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

L'ordine del giorno del Consiglio dei ministri è fitto. Ma per mancanza di intese la riunione viene svuotata di tutte le questioni pesanti e spinose. A una a una le portate principali vengono tolte dal menu. La questione dell'autonomia, o meglio del...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Eric Trump, terzogenito dell"inquilino della Casa Bianca nonché vicepresidente della Trump Foundation, è stato ultimamente vittima di un"aggressione in un rinomato locale di Chicago.Ieri, martedì 26 giugno, intorno alle 20:30, il figlio del tycoon,...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Durante le ore della crisi sugli immigrati della nave Ong Sea Watch 3, prendendo spunto dalla notizia del giorno, un parlamentare grillino dice: "Ormai ci sono due Movimenti, non mi sorprenderei se qualcuno cominciasse a parlare di una scissione".Quella...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

La Sea Watch 3 è al centro delle recenti questioni relative all'immigrazione verso l'Italia: la "capitana" Carola Rackete verso le 14.00 di ieri ha annunciato di aver varcato i confini delle acque territoriali italiane. Pronte sono state le reazioni da...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Siccome era da un po' di tempo che Toninelli e la Castelli, campioni indiscussi di gaffe e figuracce, non regalavano qualche perla, ci ha pensato Barbara Lezzi a ristabilire la media. La Lezzi, perito aziendale impiegata presso Orolforniture Sas di Lecce ...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

"Yes". A volte un "sì" diventa il più importante dei "no". Grace lo pronunciò con un filo di voce. Stanca. Preoccupata. Non era abituata ai copioni senza un finale già scritto. La truccatrice aveva impiegato un'ora per nasconderle le occhiaie. La...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Nè "operazioni gattopardesche", dice Giovanni Toti, nè "resa dei conti interna", completa Mara Carfagna. Uniti dentro Forza Italia per buttare giù un governo "che fa male al Paese", conclude Silvio Berlusconi. A Roma per presiedere la prima riunione...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

Le femministe nostrane finiscono nel pallone. Per un giorno chissenefrega degli immigrati sulla Sea Watch, delle fabbriche che chiudono, dell'economia che non riparte, dei problemi del Paese. Eh sì, perché i follower languono, lo strapotere di Salvini...

Pubblicato giovedì, 27 giugno 2019 ‐ Il Giornale.it

P ensare di spendere l"espressione "Rinascimento Dark", con riferimento alle terre d"Ungheria, Valacchia e Transilvania, potrebbe avere il sapore dell"azzardo. Se non altro per quella che è la prima parte della definizione. Senza tenere inutili lezioni, ...