Sulla libertà religiosa l’Italia dov’è?

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Italia assente, non pervenuta al tavolo. Pochi giorni fa il segretario di stato americano, Mike Pompeo, ha ufficialmente reso pubblica l’alleanza di 27 paesi che si propone di affrontare il tema delle persecuzioni religiose nel mondo e di ribadire un principio semplice, ma sempre più minacciato: il diritto di libertà religiosa non è un ideale dei paesi occidentali, ma la pietra angolare su cui costruire il rispetto dei diritti civili in tutte le società. Oltre agli Stati Uniti questo è l’elenco dei paesi che hanno aderito: Albania, Austria, Bosnia Erzegovina, Brasile, Bulgaria, Colombia, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Gambia, Georgia, Grecia, Ungheria, Israele, Kosovo, Lituania, Lettonia, Malta, Olanda, Polonia, Senegal, Slovacchia, Togo, Ucraina e Regno Unito. In un comunicato congiunto del 5 febbraio, i governi di Polonia e Stati Uniti hanno annunciato che il prossimo Ministerial Meeting to Advance Religious Freedom si terrà a Varsavia dal 14 al 16 luglio di quest’anno.

 
E l’Italia? Il paese che, rispetto ad altri, avrebbe un vantaggio assoluto nella diplomazia religiosa, non fosse altro per il capitale umano e sociale sviluppato nel corso di millenni? Perché non è presente nella coalizione dei 27 volenterosi? Davvero questo paese non ha nulla da dire nemmeno su un tema, quello della libertà religiosa, in cui vanta un’expertise difficilmente raggiungibile da altri paesi? Fonti del Dipartimento di stato statunitense confermano al Foglio che il governo italiano era stato invitato a far parte dell’Alleanza, ma dalla Farnesina hanno fatto sapere di non essere pronti a dare la propria disponibilità. Inoltre, sottolineano dal Dipartimento di stato, la Farnesina ha criticato la previsione di possibili sanzioni contro i paesi che violano il diritto di libertà religiosa contenuta nella Dichiarazione di princìpi pubblicata il 5 febbraio. La Dichiarazione elenca inoltre le aree di priorità d’intervento dell’alleanza, tra cui le leggi sulla blasfemia, l’assistenza alle persone imprigionate a causa della loro fede religiosa, il diniego di registrazione e concessione della personalità giuridica nei confronti di gruppi religiosi e non religiosi. Nemmeno il chiarimento fornito dai diplomatici statunitensi, che hanno evidenziato come quella delle sanzioni fosse solo un’opzione e non un automatismo, è servito a convincere gli italiani.

 
Negli anni passati, nonostante le poche risorse impegnate sul tema, l’Italia si è sempre contraddistinta per un ruolo attivo e chiaro sul tema delle persecuzioni religiose, spesso giocando di sponda anche con la Santa Sede. Abbiamo ancora davanti le immagini della liberazione di Meriam Ibrahim, la giovane condannata a morte in Sudan per essersi convertita al cristianesimo poi liberata e atterrata in Italia su un volo della Presidenza del Consiglio. L’Italia non ha lesinato sforzi nemmeno nelle sedi internazionali, dalle Nazioni Unite all’Unione europea. Oggi, invece, Luigi Di Maio decide che il nostro paese non sarà protagonista della principale iniziativa internazionale sul tema. Una decisione dettata da quali argomenti? Mancanza d’interesse? Pressioni da parte di governi protagonisti di violazioni sistematiche dei diritti delle minoranze, che siano musulmane o cristiane? C’entrano qualcosa le critiche esplicite che Mike Pompeo ha rivolto al Partito comunista cinese, ringraziando al contempo i paesi che hanno aderito all’iniziativa “nonostante le pressioni cinesi”?

 
Farebbe bene il ministro degli Esteri a offrire delle spiegazioni, così come sarebbe interessante comprendere la posizione della Santa Sede. A oggi non possiamo che registrare l’unico dato oggettivo: l’Italia è assente non giustificata.

Tag: #Cristiani #LibertàReligiosa #LuigiDiMaio

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...