Socialisti, liberali e popolari insieme alla ricerca di idee per l’Europa

Pubblicato giovedì, 11 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Roma. Decidere da che parte stare, a volte si deve. Oggi, a Palazzo Wedekind, alle ore 9.30 è suonato il campanello d’inizio di una “maratona oratoria” che, nella battaglia tra sovranismo e globalismo, ha scelto la metà campo da occupare. “Nuova Europa contro Vecchia Europa”, s’intitola così il manifesto europeista sottoscritto da Fabrizio Cicchitto, Ferdinando Adornato e Sandro Gozi, tre ex parlamentari, tre profili diversi che mescolano insieme tinte socialiste, liberali e popolari. Tra i keynote speaker, figurano Marco Minniti, Renato Brunetta, Angelo Panebianco, Marco Bentivogli, Giuliano Cazzola. Un universo culturale e politico variegato che riflette sull’impossibile mediazione tra sovranismo e globalismo, e sulla necessità di un “patto trasversale di tutte le energie europeiste e repubblicane’’. D’accordo, i promotori non sono novizi della politica, e la vittoria populista è l’altra faccia del fallimento delle forze politiche tradizionali.
 
Per Fabrizio Cicchitto, presidente dell’associazione Riformismo e libertà, “Pd e Forza Italia dovrebbero fondersi in un unico contenitore ma è probabile che non lo faranno e siamo nel disastro. I paradigmi sono cambiati, il ritorno del nazionalismo comporta il superamento di centrodestra e centrosinistra, i sovranisti lo hanno capito prima degli altri”. Cicchitto è stato in Parlamento per sette legislature, ha ricoperto ruoli di primo piano: un po’ di autocritica? “Del malcontento verso l’Europa devono rispondere principalmente coloro che l’hanno costruita in questi anni: eccesso di rigorismo e mancanza di solidarietà hanno incentivato l’ascesa sovranista. Moscovici e Juncker sono ottimi sparring partner per Salvini e Di Maio, se non esistessero bisognerebbe inventarli”.

 
Nel manifesto c’è l’appello a prendere le distanze dal putinismo per avanzare nell’integrazione europea, a partire dalla difesa comune. “La dimensione internazionale dei sovranisti è Putin. All’epoca del vertice di Pratica di Mare nel 2002, il presidente russo era debole ed emarginato, aveva tutto l’interesse a rientrare nel salotto buono della politica mondiale. Silvio Berlusconi, che ancora oggi manifesta verso di lui amicizia e fiducia, sottovaluta che adesso la situazione è diversa, gli equilibri sono profondamente mutati, alla Casa Bianca c’è Trump e Putin incarna un progetto imperialista che passa per la devastazione dell’Unione europea”. Da dove dovrebbe partire una “nuova Europa federale”? “Bisogna mettere mano all’elezione popolare diretta del presidente della Commissione, serve un Esercito europeo finanziato con i fondi nazionali delle singole politiche di difesa”.

 
Per Sandro Gozi, già sottosegretario alla presidenza del Consiglio nei governi Renzi e Gentiloni, “con il voto del 4 marzo è crollato un intero sistema. Di fronte al polo nazional-populista dobbiamo costruire un’alternativa politica radicale andando oltre il Pd. Anche Forza Italia dovrebbe prenderne atto anziché invitare, a giorni alterni, Salvini a non essere… Salvini. Non invidio la posizione di Antonio Tajani. Ci serve un’Europa che protegge, con un coraggioso piano d’investimenti sociali, per offrire opportunità ai giovani, servono politiche di sicurezza e difesa comuni. Un’Europa sovrana insomma”. Per Ferdinando Adornato, ex parlamentare di lungo corso e presidente della Fondazione Liberal, “i sostenitori della società aperta e della società solidale, storicamente avversari, si debbano riscoprire alleati contro i fautori della società autarchica, nazionalista e pauperista”. Serve un nuovo simbolo? “Sì, serve un nuovo polo, un federatore”.
 
Ha in mente un nome? “Mario Draghi incarna le ragioni per cui l’Italia ha tutto l’interesse a restare nell’Ue e nell’eurozona. Il prossimo anno potrebbe pensarci”. Questa Europa non scalda i cuori però. “Io ho sbagliato poco, sono tra quelli che da quasi vent’anni sostengono la necessità delle riforme perché la democrazia italiana non può reggere senza cambiamenti istituzionali profondi. Sull’Europa il discorso non è diverso: deve fare autocritica una classe politica che non ha avuto la forza di realizzare alcun cambiamento, ed è stata spazzata via dall’onda sovranista”.

Tag: #Politica #Europa

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

C'era quella dietro la vicenda del master in America (tarocco) di Rocco Casalino. Che lui sosteneva essere del nostro Luciano Capone. Poi quella – forse di Boeri, dicevano – che ha manomesso la relazione tecnica del “decreto dignità”...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Bruxelles respingerà la Manovra dell’Italia, ha detto Guenther Oettinger, il commissario Ue per il Bilancio, precisando di parlare a “titolo personale perché ancora non è stata presa alcuna decisione”. Il premier...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Roma. C’è la Lega che sulla Tav rassicura i grillini; e però c’è anche la Lega, la stessa, che sulla Tav rassicura aziende e imprese. Una Lega bifronte, che se da un lato chiede di sospendere gli appalti...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Mimmo Lucano, il sindaco di Riace cui il Tribunale della Libertà di Reggio Calabria ha revocato gli arresti domiciliari, non è il Ghibellin Fuggiasco. Anche se forse così è sembrato a Roberto Saviano che gli ha prontamente inviato, come fosse un...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Il commissario Ue Oettinger dice che la manovra avrà bisogno di modifiche, che ci sono delle difficoltà e che si chiederanno chiarimenti a Roma.   Il tutto mentre i calcoli fatti bene, le precisazioni, gli eventuali cambiamenti, le considerazioni...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

L'assurdità è una striscia sottile, un territorio di tutti e di nessuno, un filo teso – in questo caso – tra una pista ciclabile e una strada. E a sentire certe cose sale una nostalgia bislacca nel rileggere Dino Buzzati quando al termine del Giro...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

"Se loro vorranno fare il gasdotto in Puglia con l'esercito, noi ci metteremo il nostro di esercito" sbraitava Beppe Grillo. "Con il M5s al governo la Tap la blocchiamo in due settimane", gli faceva eco Alessandro Di Battista. "Un'opera che non presenta...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Non è stato dato sufficiente risalto alla protesta contro il sindaco di Reggio Calabria che invece è (per usare una parola difficile) paradigmatica dell’attuale rapporto fra cittadini e potere, anzi ne è (per usarne una ancora più difficile)...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Settimane a dare contro alla Ragioneria generale dello stato perché i “tecnici” facevano - come sempre - le pulci ai decreti prima di “bollinarli”. Ma alla fine, a tradire Matteo Salvini e il suo provvedimento-simbolo sulla Sicurezza è stato il ...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

L'Italia è il paese più euroscettico del continente, secondo l'ultima rilevazione dell'Eurobarometro. Tuttavia, la fiducia nella moneta unica rimane alta, il 65 per cento degli italiani si dichiarano a favore...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Questa mattina un ordigno riempito di proiettili è esploso nella mensa dell'istituto del Politecnico di Kerch, in Crimea. Secondo i primi rapporti dei soccorritori sarebbero almeno 18 i morti e una cinquantina i feriti. Ma il bilancio...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Dopo due settimane di polemiche e scontri con l'opposizione ieri (16 ottobre ndr)  è stato annunciato a Parigi il rimpasto di governo. Il terzo dall’inizio del quinquennio di Emmanuel Macron. Il premier Edouard Philippe...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Roma. Il ceo di Google, Sundar Pichai, ha parlato per la prima volta in pubblico di Dragonfly – il progetto segreto per esportare in Cina una versione censurata del motore di ricerca che ha generato enormi polemiche nelle...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Roma. “Più che propaganda, mi pare si tratti di mancanza di consapevolezza”. Nel suo studio luminoso, al settimo piano, Maurizio Del Conte allarga le braccia: “Quando gli esponenti del governo parlano di reddito di...

Pubblicato mercoledì, 17 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Roma. Come si spiega la crescita della Lega nelle (ex) regioni rosse? Con la disaffezione verso la vecchia classe dirigente, certo, ma c’è anche altro. A questa domanda danno una prima risposta due ricercatori, Moreno Mancosu ...