Socialisti, liberali e popolari insieme alla ricerca di idee per l’Europa

Pubblicato giovedì, 11 ottobre 2018 ‐ Il Foglio

Roma. Decidere da che parte stare, a volte si deve. Oggi, a Palazzo Wedekind, alle ore 9.30 è suonato il campanello d’inizio di una “maratona oratoria” che, nella battaglia tra sovranismo e globalismo, ha scelto la metà campo da occupare. “Nuova Europa contro Vecchia Europa”, s’intitola così il manifesto europeista sottoscritto da Fabrizio Cicchitto, Ferdinando Adornato e Sandro Gozi, tre ex parlamentari, tre profili diversi che mescolano insieme tinte socialiste, liberali e popolari. Tra i keynote speaker, figurano Marco Minniti, Renato Brunetta, Angelo Panebianco, Marco Bentivogli, Giuliano Cazzola. Un universo culturale e politico variegato che riflette sull’impossibile mediazione tra sovranismo e globalismo, e sulla necessità di un “patto trasversale di tutte le energie europeiste e repubblicane’’. D’accordo, i promotori non sono novizi della politica, e la vittoria populista è l’altra faccia del fallimento delle forze politiche tradizionali.
 
Per Fabrizio Cicchitto, presidente dell’associazione Riformismo e libertà, “Pd e Forza Italia dovrebbero fondersi in un unico contenitore ma è probabile che non lo faranno e siamo nel disastro. I paradigmi sono cambiati, il ritorno del nazionalismo comporta il superamento di centrodestra e centrosinistra, i sovranisti lo hanno capito prima degli altri”. Cicchitto è stato in Parlamento per sette legislature, ha ricoperto ruoli di primo piano: un po’ di autocritica? “Del malcontento verso l’Europa devono rispondere principalmente coloro che l’hanno costruita in questi anni: eccesso di rigorismo e mancanza di solidarietà hanno incentivato l’ascesa sovranista. Moscovici e Juncker sono ottimi sparring partner per Salvini e Di Maio, se non esistessero bisognerebbe inventarli”.

 
Nel manifesto c’è l’appello a prendere le distanze dal putinismo per avanzare nell’integrazione europea, a partire dalla difesa comune. “La dimensione internazionale dei sovranisti è Putin. All’epoca del vertice di Pratica di Mare nel 2002, il presidente russo era debole ed emarginato, aveva tutto l’interesse a rientrare nel salotto buono della politica mondiale. Silvio Berlusconi, che ancora oggi manifesta verso di lui amicizia e fiducia, sottovaluta che adesso la situazione è diversa, gli equilibri sono profondamente mutati, alla Casa Bianca c’è Trump e Putin incarna un progetto imperialista che passa per la devastazione dell’Unione europea”. Da dove dovrebbe partire una “nuova Europa federale”? “Bisogna mettere mano all’elezione popolare diretta del presidente della Commissione, serve un Esercito europeo finanziato con i fondi nazionali delle singole politiche di difesa”.

 
Per Sandro Gozi, già sottosegretario alla presidenza del Consiglio nei governi Renzi e Gentiloni, “con il voto del 4 marzo è crollato un intero sistema. Di fronte al polo nazional-populista dobbiamo costruire un’alternativa politica radicale andando oltre il Pd. Anche Forza Italia dovrebbe prenderne atto anziché invitare, a giorni alterni, Salvini a non essere… Salvini. Non invidio la posizione di Antonio Tajani. Ci serve un’Europa che protegge, con un coraggioso piano d’investimenti sociali, per offrire opportunità ai giovani, servono politiche di sicurezza e difesa comuni. Un’Europa sovrana insomma”. Per Ferdinando Adornato, ex parlamentare di lungo corso e presidente della Fondazione Liberal, “i sostenitori della società aperta e della società solidale, storicamente avversari, si debbano riscoprire alleati contro i fautori della società autarchica, nazionalista e pauperista”. Serve un nuovo simbolo? “Sì, serve un nuovo polo, un federatore”.
 
Ha in mente un nome? “Mario Draghi incarna le ragioni per cui l’Italia ha tutto l’interesse a restare nell’Ue e nell’eurozona. Il prossimo anno potrebbe pensarci”. Questa Europa non scalda i cuori però. “Io ho sbagliato poco, sono tra quelli che da quasi vent’anni sostengono la necessità delle riforme perché la democrazia italiana non può reggere senza cambiamenti istituzionali profondi. Sull’Europa il discorso non è diverso: deve fare autocritica una classe politica che non ha avuto la forza di realizzare alcun cambiamento, ed è stata spazzata via dall’onda sovranista”.

Tag: #Politica #Europa

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

DALL'ITALIA     “I ministri incontrano le imprese. Ma i fatti si fanno al Mise”, ha detto il vicepremier Luigi Di Maio a proposito del vertice di domenica scorsa tra Matteo Salvini e quindici rappresentanti del ceto...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Roma. Il ritiro di Marco Minniti ha scompaginato i piani dei renziani, che avevano puntato su di lui per riprendersi la guida del Pd. Domani, martedì, alle ore 13, nella Sala Berlinguer, i “renziani per Minniti” decideranno che cosa fare....

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Un morto e 1.526 feriti è il risultato della calca che il 3 giugno 2017 a piazza San Carlo di Torino si scatena tra la folla che assiste alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, per effetto dello spray al peperoncino lanciato da una...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

È la stagione dei flop. In tempi di recessione economica, sessuale e culturale sembra che pur di non guardare la televisione ci siamo trovati tutti un hobby. Da quando esiste l’auditel è uno scontro all’ultimo telecomando....

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Parlare di cose italiane non è semplice, per la nebbia che avvolge le decisioni pubbliche (lo ha raccontato bene oggi Sabino Cassese sul Corriere della Sera), quindi partiamo dalle cose di due paesi europei. Uniti dall'irruzione populista sulla scena...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Il diavolo ha messo lo zampino nel cambiamento climatico, stando a ciò che ha detto a Unomattina il capo di gabinetto del ministero della Famiglia, Cristiano Ceresani, e ovviamente i social si sono scatenati, come si usa dire in questi casi. Se non che...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

"Una battaglia di buon senso". L'aveva definita semplicemente così, perché era "l'unica cosa da fare, l'unica cosa intelligente da fare". Per Fazio Fabbrini chiudere il centro storico di Siena ai mezzi a motore era semplicemente una...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

"La certezza del falso è abbondantemente provata, quanto meno sulla base di elementi indiziari gravi, precisi e concordanti. E' stato ritenuto inutile, quindi, disporre una consulenza tecnica, tanto più che i costi di questa non potrebbero essere...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Professor Sabino Cassese, che cosa insegna la secessione britannica dall’Unione?   Sono molte le lezioni che possono trarsi da questa triste vicenda. La prima è quella che riguarda il metodo, la procedura. Nel paese che per primo ...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

L'antisemitismo è cresciuto in Europa negli ultimi cinque anni, secondo un censimento dell'Agenzia europea dei diritti fondamentali. Sono state intervistate oltre 16.300 persone nei 12 paesi (Austria, Belgio, Danimarca, Francia,...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Ieri, al termine della partita contro la Pistoiese, il tecnico della Carrarese, Silvio Baldini, ha attaccato con estrema durezza l’amministrazione comunale di Carrara, guidata dal grillino Francesco De Pasquale. Proprio il sindaco aveva accusato la...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Ve le ricordate le Garlic Girl? Forse no. Perché i Giochi olimpici invernali di Pyeongchang, cioè l’ultima edizione, quella che si è svolta a febbraio in Corea del sud, quasi al confine con il Nord, verranno ricordati per questioni molto più...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Il meglio della Baviera riunito in un unico club calcistico. È questo il piano del Bayern Monaco, che punta a “cambiare auto”, passando da Audi a Bmw. Detta così potrebbe sembrare un semplice avvicendarsi di due brand automobilistici nel paniere...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Si è concluso lo sgombero dell'ex fabbrica Penicillina a Roma dove avevano trovato un rifugio circa 300 persone dopo lo sgombero di metà novembre del Baobab. Stamattina le forze dell'ordine hanno fatto irruzione e cacciato le circa 40 persone, almeno...

Pubblicato lunedì, 10 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Milano. Ci sono almeno quattro buone ragioni per cui i mercati finanziari hanno imboccato oggi la strada in discesa e tre sono da attribuirsi alla percezione di rischi geopolitici da parte degli investitori: l'uscita caotica della Gran Bretagna...