Roma-Milano in bicicletta

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette anche per il “dopo”: Milano ha deciso di essere sempre più verde, e puntare sulle biciclette. Negozi di bici presi d’assalto grazie al bonus – vale fino a 500 euro per il 60 per cento dell’acquisto non solo di bici ma anche di hoverboard o segway, o per l’acquisto di abbonamenti a servizi di mobilità condivisa. Anche, vasto uso di “urbanistica tattica”, cioè pittata: dunque via a grandi ciclabili; dal centro a Sesto San Giovanni, la prima nuova strada dedicata alle bici parte da San Babila e arriva a Sesto Marelli, attraversando corso Venezia, corso Buenos Aires e viale Monza. In corso Venezia auto in sosta spostate al centro della carreggiata e ciclabile ai lati, così come in Buenos Aires.

  
Ma anche a Roma, gran fermento biciclettaro, con pitture sull’asfalto appena un po’ più malmesso. “Abbiamo dato il via ai lavori nel quartiere Eur per la realizzazione del primo itinerario” avvisa Virginia Raggi spiegando che la “nuova ciclabile dell’Eur partirà da piazzale Cina e si snoderà su un percorso di 3,8 chilometri, proseguendo su viale della Grande Muraglia, via Fiume Bianco e viale dell’Oceano Indiano, per poi arrivare fino a viale Egeo”. Si proseguirà “in tempi rapidi” con il prolungamento della pista già esistente su via Tuscolana, da piazza Cinecittà a Largo Brindisi, e la nuova corsia da piazza dei Giureconsulti fino a Porta Cavalleggeri. E ancora, prolungamento della ciclabile su via Nomentana, fino a piazza della Repubblica, e i nuovi itinerari da piazza Pio XI a Colli Portuensi e da Fonte Laurentina a viale Cristoforo Colombo”. Insomma, i romani, che hanno dato prova di civiltà durante il lockdown, ne usciranno migliori e nordici rispettando le ciclabili dipinte, o aumenterà il tasso già micidiale dei morti per auto? Intanto chissà quanto rosica Marino, il sindaco ciclista con le sue squadriglie di vigili dai polpacci prodigiosi che sognava una Roma come Amsterdam.

   
Intanto, mentre tutto il mondo studia misure per salvare bar e ristoranti, e si ingegna su come portare “in strada” e “outdoor” tavoli e tavolini, a Roma come al solito ci si è già pensato da un bel po’. “Stiamo lavorando per ampliare fino al 35 per cento la concessione di suolo pubblico per gli esercizi commerciali”, ha detto Virginia Raggi. Sacrosanto per i poveri baristi-ristoratori, un po’ meno per il centro storico che prevedibilmente diventerà un presepio vivente di buttadentro e tavolini di pizza al taglio. Misura provvisoria, però: e si è certi che al finire dell’emergenza verrà utilizzato ogni mezzo per tornare al prima (anche coi droni usati così efficacemente nella caccia al runner). Intanto, tra Roma e Milano, anche incredibili “livelle” amministrative: Beppe Sala che prima del Covid era una specie di supereroe ne esce stropicciato, pare un po’ annaspare coi suoi “Buongiorno Milano da palazzo Marino!”. Era abituato a troppa positività, si capisce, non era pronto al disastro. Forse non si ricandida, addirittura. La Raggi, testimonial del disastro perenne, esce invece dal lockdown inopinatamente rinfrancata. Riposata, più elegante, con Roma risparmiata dall’epidemia, qualche strada addirittura asfaltata (soprattutto sul suo Facebook), elettori che commentano “lasciamola lavorare, è stato duro l’inizio ma dopo soli quattro anni ha ingranato”, dice qualcuno. Fino al paragone un po’ ardito – “lasciamola lavorare, bloccarla ora sarebbe come se Giulio II avesse impedito improvvisamente a Michelangelo di terminare la decorazione della volta della Cappella Sistina”. Visione mistica dell’ex capogruppo M5s in comune Paolo Ferrara, forse provato psicologicamente dalla fase 1. Ma c’è chi minaccia persino una candidatura del Dibba: e anche la Raggi michelangiolesca diventa improvvisamente un’ipotesi plausibile.

Tag: #Milano #Roma #Mobilità #Biciclette

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Milano. La macchina fotografica è uno strumento semplice: tutti possono usarla, ma la vera sfida consiste nel creare attraverso di essa quella combinazione tra verità e bellezza chiamata arte. È una ricerca soprattutto spirituale prima che...