Restituito il patrimonio a Ciancio. Un altro schiaffo all’antimafia chiodata

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa penseranno di questo verdetto i cosiddetti magistrati coraggiosi, quelli che confondono le prove con i sospetti e vedono, dietro ogni fortuna, losche collusioni con boss e picciotti di Cosa nostra, intrighi morbosi col potere politico e ogni sorta di nefandezza. Mario Ciancio, 87 anni, editore del quotidiano La Sicilia, uomo ricco di famiglia e azionista principale della Gazzetta del Mezzogiorno, con redazione a Bari e radicamento in tutta la Puglia, è stato assolto ieri dall’accusa infamante di avere favorito i più laidi padrini di Catania e della Sicilia orientale, di avere messo il suo giornale al servizio delle cosche, e di avere indirettamente favorito gli affari di un malacarne come Nitto Santapaola, l’uomo che aveva fiancheggiato da Catania la scalata sanguinaria di Totò Riina e dei corleonesi ai vertici della Cupola.
 
La sentenza è stata pronunciata ieri pomeriggio, dopo una lunga camera di consiglio, dalla Corte di appello presieduta da Dorotea Quartararo, e avvia alla chiusura un calvario che per quasi quindici anni tiene Mario Ciancio appeso al palo della gogna. Un palo piantato non in uno, ma in due processi: da un lato il procedimento penale per concorso esterno che si trascina ancora tra un giudice per le indagini preliminari che smentiva ogni ipotesi di colpevolezza e un capo dell’ufficio che ricorreva in Cassazione pur di affermare la tesi opposta; e dall’altro lato la misura di prevenzione, un provvedimento fondato su un indizio di “pericolosità sociale” con il quale il 20 settembre del 2018 la procura antimafia ha pensato bene di dare a Ciancio il colpo mortale: gli ha sequestrato La Sicilia, due televisioni private, i conti correnti e ogni altra partecipazione azionaria per un valore di oltre 150 milioni di euro. Di fatto abbatteva un impero. Ma incideva anche, e in malo modo, su un altro pilastro delle libertà civili: per la prima volta infatti l’antimafia metteva sotto sequestro un giornale, con tutti i suoi redattori; defenestrava un direttore e trasferiva la responsabilità editoriale nelle mani di due amministratori giudiziari. Ieri però, come si diceva, la Corte d’appello ha accolto il ricorso di Ciancio e ha demolito l’intero castello di carte e faldoni, di sospetti e teoremi. Ha affermato l’assoluta mancanza di pericolosità sociale; ha specificato che “non può ritenersi provata l’esistenza di alcun attivo e consapevole contributo da Ciancio in favore di Cosa nostra”; e ha disposto l’immediata restituzione, all’imprenditore e alla sua famiglia, di tutti i beni sequestrati. Uno schiaffo clamoroso per la lunga filiera di inquirenti e inquisitori che per oltre quindici anni hanno tentato con ogni mezzo di tenere in piedi la litania delle accuse. Ma anche per tutta quell’antimafia chiodata che ha fatto da corona alla cultura del sospetto ed è arrivata al punto di criminalizzare non solo Ciancio ma anche i giornalisti che negli anni roventi delle guerre di mafia si sono trovati invece esposti in prima fila. I giudici della Corte d’appello restituiscono l’onore all’editore e al direttore de La Sicilia, ma anche all’intera redazione, alla quale hanno riconosciuto indipendenza e linearità di comportamenti. Non solo. Ritengono che Ciancio sia stato vittima e non complice delle spregiudicate cosche catanesi. E per dimostrarlo fanno a pezzi tutti gli attrezzi di scena con i quali i pubblici ministeri allungano a dismisura la liturgia teatrale dei processi di mafia. Vengono smentiti e ritenuti inattendibili numerosi pentiti, in particolar modo quelli che da trent’anni a questa parte girano per le aule dei tribunali, a volte non ricordano quello che hanno detto prima e spesso finiscono per contraddirsi.
 
I giudici, primi fra tutti quelli delle corti d’appello, non ne possono più. E un’altra traccia molto pesante del loro fastidio si ritrova anche e soprattutto nella sentenza che, dopo venticinque anni, ha assolto l’ex ministro democristiano Calogero Mannino, accusato di essere stato addirittura un protagonista della fantomatica trattativa tra alcuni uomini dello Stato e i più spietati capi della cupola mafiosa. Forse è venuto il momento di avviare una riflessione seria su come viene amministrata in Sicilia l’emergenza mafiosa. Su come vengono amministrati i sequestri.

Tag: #MarioCiancio #Giustizia #Mafia #AlfonsoBonafede #Antimafia #LaSicilia #Sicilia

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....