Restare a casa non è solo un consiglio. Dopo le leggi arrivano le multe

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa al termine del Cdm ha spiegato le nuove disposizioni che "riordinano un po' la disciplina anche dei provvedimenti adottati in questa fase emergenziale".
   
I rapporti tra governo e Parlamento e tra governo e regioni
Conte ha ricordato che "il nostro assetto ordinamentale non prevedeva un'emergenza di questo tipo. Per cui sin dall'inizio abbiamo adottato un decreto legge che poi con i successivi, e ormai famosi, Dpcm ha permesso di adottare specifiche misure, tenendo conto dell'andamento dell'epidemia. Lo strumento del decreto del presidente del Consiglio è flessibile, e ci consente di dosare le misure di contenimento, mitigazione rischio e diffusione contagio. Con questo decreto legge abbiamo regolamentato più puntualmente e in modo trasparente i rapporti tra attività del governo e del Parlamento. Ogni iniziativa del governo viene trasmessa ai presidenti delle Camere e abbiamo previsto che il presidente del Consiglio o il ministro delegato vada a riferire ogni 15 giorni sulle misure adottate al Parlamento, in modo che quest'ultimo possa seguire continuamente e conoscere le misure adottate e gli strumenti di reazione posti in essere dal governo per contenere la diffusione del virus".
 
"Un altro aspetto significativo", continua il premier, è il fatto che siano stati "regolamentati i rapporti tra gli interventi del governo e le regioni. Lasciamo che i presidenti di regione o delle province autonome possano adottare, nell'ambito esclusivo delle proprie competenze, misure anche più severe e restrittive. Rimane però la funzione di coordinamento e di omogeneità assicurata dagli interventi governativi su tutto il territorio". 
 
Le sanzioni: multe fino a 3.000 euro
"Infine, abbiamo introdotto una multa", aggiunge Conte. Chi non rispetta le misure di contenimento "è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 a euro 3.000".
 
Il 31 luglio? Data della fine dell'emergenza globale, non della chiusura
"Si è creata discussione - ha detto poi il premier - sul fatto che l'emergenza sarebbe stata prorogata fino al 31 luglio 2020: nulla di vero, assolutamente no. A fine gennaio abbiamo deliberato lo stato di emergenza nazionale, un attimo dopo che l'Oms ha decretato l'emergenza un'epidemia globale. L'emergenza è stata dichiarata fino al 31 luglio. Non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino a quella data. Lo spazio dell'emergenza è fino al 31 luglio ma ci auguriamo prestissimo a allentare la morsa, anzi a superarla e speriamo che prima di quella ipotetica scadenza possiamo tornare alle nostre abitudini o anche a un migliore stile di vita. In questa occasione stiamo riflettendo sulla nostra vita e la nostra scala di valori: è l'occasione per fare riflessioni che di solito non siamo abituati a fare nel nostro frenetico tran tran quotidiano".

Tag: #GiuseppeConte #Coronavirus

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....