Quanto costa l’inevitabilità?

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Bernie Sanders ha aumentato i comizi e le pubblicità, c’è bisogno di farsi vedere e di farsi conoscere perché la Carolina del sud, fino a poco tempo fa stato inaccessibile, ora è un obiettivo raggiungibile: ogni cosa è diventata possibile per il Sanders pigliatutto che aspetta al varco del SuperTuesday – il 3 marzo – il milionario Bloomberg. Il 27 ci sono le primarie democratiche in Carolina del sud, dove Joe Biden, sopravvissuto al Nevada (è arrivato secondo dopo Sanders) è primo nei sondaggi, ma il margine di vantaggio va diminuendo in modo inversamente proporzionale alla inevitabilità di Sanders. Mentre il fronte moderato si spezzetta senza trovare un candidato rappresentativo tra Biden e Pete Buttigieg (Amy Klobuchar sembra ormai in coda, le pressioni per un suo ritiro sono sempre di più), mentre lo spettro di Mike Bloomberg incombe, risorsa ultima e terrore ultimo allo stesso tempo, Sanders trova varchi nuovi, o se li prende a forza, convinto com’è di dover combattere complotti orditi dal suo stesso partito, che farebbe qualsiasi cosa piuttosto che vederselo come candidato contro Donald Trump a novembre.

   
Il senatore del Vermont, inviso all’establishment del Partito democratico, ha l’onore di avere contro di sé i “neverSanders”, un gruppo di politici e commentatori che spiega quanto sia pericoloso affidare la campagna per la Casa Bianca a uno come Sanders, radicalissimo e polarizzante, inadatto per creare quella grande coalizione progressista che potrebbe sconfiggere Trump. La Carolina del sud è considerata un test importante perché la popolazione di questo stato è più variegata rispetto ai primi appuntamenti elettorali (che erano in stati sostanzialmente bianchi) e finora s’è detto che un moderato come Biden in questi contesti funziona meglio. Sanders vuole sfidare questa convinzione, sente il tocco magico dell’inevitabilità e vuole giocarselo tutto ora, per sbugiardare chi dice che uno come lui, nel sud dell’America, non ha speranze.

 
La Carolina del sud è l’assaggio per il SuperTuesday, il test dei confini della campagna di Sanders e anche l’ultimo appuntamento prima dell’arrivo di Bloomberg, un angolo sospeso carico di significati: o almeno così vuole la campagna di Sanders, che ormai parla apertamente dei complotti democratici contro di lui, e diventa l’inevitabile antisistema, un paradigma non proprio originale ma di buon successo. I “neverSanders” sono per lo più democratici, sperano in un’inversione dell’onda positiva di Sanders, ma allo stesso tempo pensavano di arrivare a questo punto con qualche certezza in più. Invece no, e così i “neverSanders” si appiattiscono sempre più su i pro Bloomberg col naso turato, immagine orripilante di un partito che non ha saputo creare in quattro anni un’alternativa credibile (e unita) a Trump. I sandersiani – capitanati da Alexandria Ocasio-Cortez, la star del Congresso che ha fondato un comitato politico, Courage to change, che è già un tesoretto di soldi e di influenza – non devono nemmeno sforzarsi troppo per trovare argomenti contro Bloomberg, persino dire élite, per uno come l’ex sindaco di New York, è riduttivo, di élite come Bloomberg c’è quasi soltanto lui.

   
Così si fanno calcoli sull’inevitabilità, che non è sempre un buon affare (ricorderete chi era l’inevitabile del 2016), mentre ci ritroviamo quasi a sorridere, in questa guerra civile a sinistra che ha ben poco di divertente, per i continui sospiri degli altri “never”, i “neverTrump”, i repubblicani che non si sono ancora adattati al loro presidente (sono pochissimi ancorché esausti) che dicono: ma Bloomberg non poteva candidarsi alle primarie repubblicane?

Tag: #BernieSanders #MichaelBloomberg

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...