Perché Salvini sulla nave “Mare Jonio” scavalca lo stato di diritto

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Roma. A gennaio, l’ASGI, Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, aveva inutilmente cercato tracce del provvedimento di chiusura dei porti decantato da Matteo Salvini. Stavolta il salvataggio effettuato dalla nave Mare Jonio è l’occasione per l’emanazione di una “direttiva” del ministero dell’Interno “per il coordinamento unificato dell’attività di sorveglianza delle frontiere marittime”.
 
Ancora una volta nessuna chiusura dei porti, come osservava ieri Luigi Manconi su Twitter. “Almeno però al posto di un post su Facebook abbiamo un atto ufficiale, cioè qualcosa di cui parlare”, dice al Foglio Francesca De Vittor, ricercatrice di diritto internazionale alla Università Cattolica di Milano. “Un primo aspetto grave da rilevare è che prescinde dagli obblighi di rispetto dei diritti dell’uomo che l’Italia, come altri stati, è tenuta a osservare, e che non sono nemmeno menzionati. Peraltro alcune affermazioni della direttiva, anche in materia di diritto del mare e di obbligo di soccorso in mare, non sono compatibili con il diritto internazionale applicabile”.

 
La direttiva infatti presuppone che i migranti soccorsi in mare possano essere portati in Libia, ma sottolinea De Vittor “un soccorso in mare si conclude, per espressa previsione delle norme applicabili, solo con lo sbarco in un porto sicuro e la Libia, dove i migranti subiscono violazioni gravissime dei diritti umani fondamentali, non può essere considerata tale”. Nel caso particolare della Mare Jonio “va precisato che è una nave battente bandiera italiana che attualmente si trova in acque territoriali italiane. Questo significa che è sotto la giurisdizione italiana e che le persone a bordo hanno diritto al rispetto della Convenzione europea dei diritti dell’uomo”.

 
Ci sono peraltro dei precedenti. Nel 2012 l’Italia è stata condannata nella causa Hirsi Jamaa e altri contro Italia, per aver riportato in Libia dei migranti soccorsi in acque internazionali senza consentire loro di presentare domanda di asilo. Un’altra questione discutibile, contenuta nella direttiva Salvini, riguarda i pericoli che i migranti a bordo della Nave Jonio comporterebbero per il paese. Nella direttiva si legge: “Non può… non essere ritenuto … che il passaggio della nave soccorritrice nelle acque territoriali italiane sia lesivo del buon ordine e la sicurezza dello Stato italiano, in quanto finalizzato a introdurre migranti irregolari, in violazione delle leggi vigenti in materia di immigrazione, privi altresì di documenti di identità e provenienti in parte da paesi stranieri a rischio terrorismo”. Dice De Vittor: “Se c’è il sospetto, che a bordo della nave ci siano delle persone pericolose, allo sbarco quelle persone saranno identificate e si adotteranno le misure individuali opportune. Qui invece l’operazione è giuridicamente assurda: si afferma in pratica che poiché provengo da un paese pericoloso sono una persona pericolosa. Non posso essere considerata una persona pericolosa in ragione della mia provenienza. Se fosse così, salterebbe lo stato di diritto. E’ come se qualcuno sostenesse che chi viene dalla Sicilia è in automatico un mafioso, e tutti vedono l’assurdità di una tale affermazione”. 

Tag: #NaveJonio #Immigrazione #Migranti #Lampedusa #MatteoSalvini

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. "Due sono i mezzi con cui una struttura storica può conservare o riacquistare la propria vitalità per il presente e per il futuro. Uno è violento e viene dall’esterno (…). Il secondo è spirituale e viene dall’interno (…)....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Sono passati quasi quarant’anni dal primo incontro tra Gay Talese e Gerald Foos, il vecchio proprietario del Manor House Motel, e cioè il voyeur più famoso del mondo. Foos, che ebbe una lunga relazione confessionale con Talese che...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

La prima ad annunciarmelo è stata la professoressa di Matematica, ai colloqui con i genitori. Mi ha guardato con la faccia delle cattive notizie, e ha detto: poi c’è anche questo problema. Pronunciava: problema, ma i suoi occhi dicevano: sciagura. Ho ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

A metà marzo, proprio mentre un addetto dell'Ufficio Decoro di Roma cancellava la storica scritta “Vota Garibaldi” da un muro della Garbatella, la sindaca Virginia Raggi festeggiava con un video l'arrivo da Israele di una flottiglia di autobus...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

L'ex premier della Slovenia, Alojz Peterle, durante la plenaria del Parlamento europeo, ieri ha tenuto un discorso conclusivo prima delle elezioni Europee. "Grazie per questi cinque anni di unità nella diversità. Buona Pasqua!", ha detto Peterle....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Da una parte il confine tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda, dall’altra il fiume Foyle che divide in due la città. Nella periferia del quartiere operaio di Bogside, in fondo a Lone Moor Road, la casa del Derry City, il Ryan ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Nelle ultime settimane, quotidiani e magazine sono pieni di pagine di pubblicità di aziende che professano la loro attenzione all’ambiente, compresi i grandi gruppi energetici. Non è solo l’effetto ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Al direttore - Presidente Conte, in queste settimane Lei è impegnato – insieme al ministro Moavero – a cercare di evitare che la crisi libica volga al peggio. Una crisi che si trascina da anni senza che la comunità internazionale sia riuscita...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Italia: rischio nuova crisi bancaria per instabilità politica e finanziaria Londra, 19 apr - (Agenzia Nova) - Il settimanale britannico "The Economst" analizza oggi i possibili rischi che l'instabilità politica dell'Italia ed il precario...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Stanotte a Londonderry, nell’Irlanda del nord, una giornalista di 29 anni anni è stata uccisa durante gli scontri tra manifestanti e polizia. Secondo le autorità, l’assassinio di Lyra McKee, questo è il nome della reporter, è un “atto...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Il New York Times Magazine aveva ieri un lungo saggio su Ruth Wilson Gilmore, una donna impegnata da trent’anni all’abolizione della prigione. L’abolizionismo della galera ha una lunga e illustre storia, ignorata dai più, intoccati dal pensiero...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Se è possibile essere cristiani e querelare Costanza Miriano, essere cristiani e spronare una fanatica ambientalista a proseguire nel suo fanatismo, essere cristiani e prodigarsi per l’islamizzazione d’Europa, essere cristiani e vegani o anche solo...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Ma sai che se invece la Raggi? Boh. E’ solo un dubbio, però. Le mollichine per spiegare il bilancio a Salvini, a Salvini che gli sventola i topacci per spiegargli che deve sloggiare da Roma, non sono sembrati grandi segnali di comunicazione politica....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Giuliano da Empoli ha passato gli ultimi mesi a studiare “gli ingegneri del caos”, come da titolo del suo nuovo libro che uscirà in Italia per Marsilio il prossimo 2 maggio. Il libro, molto bene accolto in Francia dove l’autore...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Gentile Rihanna, vi amo da sempre (cioè dal 2006). Sono stato a diversi vostri concerti. Sono i più belli.   Sono un disoccupato di Jesi. Ho 39 anni. Come lavoro progettavo seggiovie pur non essendo laureato. Ma ho imparato da ballerino.   ...