Perché Salvini sulla nave “Mare Jonio” scavalca lo stato di diritto

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Roma. A gennaio, l’ASGI, Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, aveva inutilmente cercato tracce del provvedimento di chiusura dei porti decantato da Matteo Salvini. Stavolta il salvataggio effettuato dalla nave Mare Jonio è l’occasione per l’emanazione di una “direttiva” del ministero dell’Interno “per il coordinamento unificato dell’attività di sorveglianza delle frontiere marittime”.
 
Ancora una volta nessuna chiusura dei porti, come osservava ieri Luigi Manconi su Twitter. “Almeno però al posto di un post su Facebook abbiamo un atto ufficiale, cioè qualcosa di cui parlare”, dice al Foglio Francesca De Vittor, ricercatrice di diritto internazionale alla Università Cattolica di Milano. “Un primo aspetto grave da rilevare è che prescinde dagli obblighi di rispetto dei diritti dell’uomo che l’Italia, come altri stati, è tenuta a osservare, e che non sono nemmeno menzionati. Peraltro alcune affermazioni della direttiva, anche in materia di diritto del mare e di obbligo di soccorso in mare, non sono compatibili con il diritto internazionale applicabile”.

 
La direttiva infatti presuppone che i migranti soccorsi in mare possano essere portati in Libia, ma sottolinea De Vittor “un soccorso in mare si conclude, per espressa previsione delle norme applicabili, solo con lo sbarco in un porto sicuro e la Libia, dove i migranti subiscono violazioni gravissime dei diritti umani fondamentali, non può essere considerata tale”. Nel caso particolare della Mare Jonio “va precisato che è una nave battente bandiera italiana che attualmente si trova in acque territoriali italiane. Questo significa che è sotto la giurisdizione italiana e che le persone a bordo hanno diritto al rispetto della Convenzione europea dei diritti dell’uomo”.

 
Ci sono peraltro dei precedenti. Nel 2012 l’Italia è stata condannata nella causa Hirsi Jamaa e altri contro Italia, per aver riportato in Libia dei migranti soccorsi in acque internazionali senza consentire loro di presentare domanda di asilo. Un’altra questione discutibile, contenuta nella direttiva Salvini, riguarda i pericoli che i migranti a bordo della Nave Jonio comporterebbero per il paese. Nella direttiva si legge: “Non può… non essere ritenuto … che il passaggio della nave soccorritrice nelle acque territoriali italiane sia lesivo del buon ordine e la sicurezza dello Stato italiano, in quanto finalizzato a introdurre migranti irregolari, in violazione delle leggi vigenti in materia di immigrazione, privi altresì di documenti di identità e provenienti in parte da paesi stranieri a rischio terrorismo”. Dice De Vittor: “Se c’è il sospetto, che a bordo della nave ci siano delle persone pericolose, allo sbarco quelle persone saranno identificate e si adotteranno le misure individuali opportune. Qui invece l’operazione è giuridicamente assurda: si afferma in pratica che poiché provengo da un paese pericoloso sono una persona pericolosa. Non posso essere considerata una persona pericolosa in ragione della mia provenienza. Se fosse così, salterebbe lo stato di diritto. E’ come se qualcuno sostenesse che chi viene dalla Sicilia è in automatico un mafioso, e tutti vedono l’assurdità di una tale affermazione”. 

Tag: #NaveJonio #Immigrazione #Migranti #Lampedusa #MatteoSalvini

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

DALL'ITALIA   I minibot sono uno strumento “pericoloso, illegale e non necessario”. Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, a margine di un incontro con gli investitori a Londra, ha smentito...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

“Il linguaggio è spesso lo specchio dell’anima”, dice il gip Piergiorgio Morosini nel corso di un convegno palermitano sulla separazione delle carriere. La toga di Md, che fino a nove mesi fa sedeva nel plenum del ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Trump contro Draghi, usando la parola che adesso il presidente americano usa più spesso: unfair. Si è fissato, ora è tutto unfair per lui, il mondo lo tratta in modo unfair, gli altri paesi sono concorrenti unfair e così via. Il motivo della lite,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Ad aspettare questo giorno erano in 54mila: da oggi e fino al 20 giugno alla Fiera di Roma si terranno i test per gli aspiranti navigator che si contenderanno il compito di orientare gli assegnatari del Reddito di cittadinanza verso un posto di...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

La notizia della ricercatrice universitaria di Torino che ha ottenuto finanziamenti col crowdfunding su Facebook è buona per lei ma non altrettanto per l’università. Sia perché sottoporre la ricerca al giudizio popolare (e il versamento di un obolo...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Parigi. Ancora lì, nella penombra dell’Ufficio anticorruzione della polizia giudiziaria di Nanterre, il luogo della resa dei conti, della fine di un’epoca, della parabola triste della sarkozia che non luccica più e vede le sue pedine...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un anno fa Albert Rivera, il leader del partito spagnolo Ciudadanos era considerato da tutti l’interlocutore privilegiato di Emmanuel Macron in Europa. Giovani, centristi, europeisti, portatori della retorica del superamento della divisione...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Le indagini della polizia francese sull'assegnazione della Coppa del mondo 2022 al Qatar – avvenuta il 2 dicembre 2010, nella sede della Fifa a Zurigo – avrebbero portato al fermo dell'ex presidente dell'Uefa dal 2007 al 2015,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un ulteriore allentamento della politica monetaria da parte della Bce è possibile in assenza di miglioramenti del quadro economico. E' in sostanza l'indicazione emersa dal discorso di Mario Draghi al forum dei banchieri in corso a Sintra, in...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Italia-Usa: Salvini, paese vuole diventare il partner più stretto di Trump in Europa New York, 18 giu - (Agenzia Nova) - In un momento di “fragilità” nell’Unione europea, l’Italia punta a diventare il primo e più...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il Guardian di questa settimana in uno speciale la chiama “cancel culture”. “I tweet che condannano, gli editori che cancellano o alterano i libri e chiedono agli autori di scusarsi, gli autori che pensano che sia rischioso persino...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Domenica al posto della statua che non c’è, a commemorare il vuoto di un personaggio storico da “eroe nazionale” declassato a “nemico”, non c’era nessuno. I pochi che hanno deciso di commemorare Imre Nagy erano a pochi passi ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Professor Cassese, Salvini ha dichiarato (31 marzo 2018): “I nostri confini ce li controlleremo noi”; un anno dopo (marzo 2019): “Per questo gli italiani mi pagano lo stipendio: per difendere i confini e la sicurezza del mio paese”; infine,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il prossimo, in ordine di tempo, pare sarà quello in Emilia-Romagna. “Essendo una fase di transizione – sospira Guglielmo Golinelli, deputato bolognese della Lega – è inevitabile ricorrere a soluzioni non convenzionali”. Che, nel ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Al caro, meraviglioso Angelo Panebianco, mi sento di fare un’obiezione. Ieri nel Corriere scriveva cose alle quali non si può non essere sensibili. Fate, sosteneva, un’opposizione credibile a Salvini e compagnia. Non siategli, per...