Perché i mercati s'interrogano sulle mosse della Fed

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Fino ad alcuni mesi fa la data del 20 marzo era segnata sul calendario degli investitori come quella in cui la Federal Reserve, sotto la guida di Jerome Powell, avrebbe potuto decidere il primo rialzo dei tassi d'interesse nel 2019 (il livello attuale è del 2,5 per cento contro zero per cento della Bce).Ma dopo gli interventi diretti e inediti della Casa Bianca sui temi di politica monetaria e la conseguente decisione presa da Powell di adottare la linea della “pazienza”, questa data ha assunto un altro significato. Dalla riunione di stasera i mercati non si aspettano sorprese, la Fed lascerà quasi certamente invariato il costo del denaro, ma l'appuntamento è ugualmente atteso con un certo nervosismo per due motivi. Il primo è che Powell dovrà dire qual è il limite della “pazienza”, che tradotto in parole povere vuol dire far capire agli investitori se quest'anno si chiude a tassi invariati oppure se, come pensano diversi analisti, c'è da aspettarsi un rialzo dopo l'estate. L'indicazione di una possibile finestra per un cambio di passo è connessa alle valutazioni che potranno scaturire dalle nuove stime di crescita dell'economia americana, che sta dando segnali di indebolimento anche se i dati sono ancora molto positivi.

Il secondo motivo per cui il meeting di stasera è importante è che i mercati attendono informazioni su come procederà il Quantitative Tightening, una misura che è l'esatto opposto del Quantitative easing e che è stata messa in campo nel 2017 dalla banca centrale americana per ridurre il suo bilancio e avviare una normalizzazione della politica monetaria (l'azione consiste nel graduale riacquisto di titoli finanziari sul mercato, il che ha come effetto una riduzione della liquidità). Se la Fed dovesse mantenere invariato il ritmo degli acquisti, pur mantenendo i tassi invariati,i mercati potrebbero prenderla come una cattiva notizia, che potrebbe replicare lo scenario di dicembre quando in poche settimane l'indice S&P perse circa 500 punti e le vendite di Wall Street trascinarono al ribasso anche i listini europei. Insomma, Powell allenterà la corda o no? E' più importante la stabilità dei mercati oppure l'obiettivo di alleggerire il bilancio della banca centrale? A queste domande si attende una risposta stasera. 
 
Nell'attesa, le Borse europee sono tutte piatte o negative (l'indice Ftse Mib di Piazza Affari si muove poco sopra la parità) con il tema Brexit che continua a dominare. La data teorica dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea si avvicina (29 marzo), mentre governo e Parlamento proseguono su una linea caotica che non facilita i negoziati per “un'uscita ordinata” come vorrebbe il primo ministro Theresa May. L'ultima novità è che nella lettera che invierà oggi al presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, la May non chiederà una “proroga lunga”. Stando a fonti di Downing Street citate dalla Bbc, la premier dovrebbe chiedere un rinvio breve, circa tre mesi. Un argomento che dovrebbe essere al centro del summit dei leader europei di giovedì, chiamati a esaminare e a dare il via libera alla richiesta di Londra. 

Tag: #Fed #TassiDInteresse #PiazzaAffari #Brexit #BorseEuropee

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

DALL'ITALIA    Chiara Appendino licenzia il vicesindaco Guido Montanari. “La decisione è una conseguenza delle sue frasi inqualificabili sul Salone dell’auto”, ha scritto su Facebook il sindaco di Torino: “Non...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Alle 17 e 45 arriva il tweet di congratulazioni della Bce al comitato del cricket inglese e gallese per la vittoria nella coppa del mondo. C’è un simpatico (anche se comporta il salto del Galles) gioco di parole...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Interessante a Torino il grillismo che implode. La vicenda evidente è nota, con la sindaca Appendino che oggi ha detto di voler revocare le deleghe al suo vicesindaco Montanari. La contrapposizione, ma nel mondo 5 stelle le cose non sono mai chiare,...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Il vento decide la decima tappa del Tour de France 2019, la Saint-Flour-Albi, 218km, vinta allo sprint da Wout Van Aert. Il belga ha battuto al fotofinish Elia Viviani. Solo una trentina di corridori ...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Pescasseroli (L’Aquila) Le violente tempeste di pioggia e di grandine dei giorni scorsi non hanno fermato l’Abruzzo che ha deciso di ripartire dal suo cuore più verde – il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise - uno dei luoghi...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Perché fa notizia un parroco che predica il Vangelo sui social? A leggere i lanci d’agenzia pare che motivo di stupore debba essere la disinvoltura con cui a Norcia don Davide se la cava meglio di me nel pubblicare materiale su...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Manca meno di un mese al debutto in Premier League, ma non c’è ancora traccia di un allenatore. E nemmeno di un acquisto sul mercato. L’estate del Newcastle United è inverosimile, non fosse altro perché l’8 agosto chiude la...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Ci sono state proteste e tensioni durante lo sgombero dell'ex istituto agrario Don Calabria in via Cardinal Capranica, a Primavalle, nella periferia nord di Roma. Dopo l'ex Penicillina e via Carlo...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Domenica era stata una nota di precisazione. Un comunicato che, dice oggi il premier Giuseppe Conte, era stato anticipato al vicepremier Matteo Salvini. Una gentilezza istituzionale che, però, non cambia la sostanza dei ...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

“Proverò a dimenticare”. Ha detto così Roger Federer subito dopo aver perso la finale di Wimbledon, un’altra finale contro Novak Djokovic, il numero uno del mondo che si è riconfermato il...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Era l’8 di agosto del 1969, c’era il sole a Londra. I quattro ragazzi di Liverpool avevano dieci minuti per quello scatto. Di più non si poteva, disse il poliziotto che fermò il traffico in Abbey Road. Attraversarono la strada sei volte, dando a...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Ogni lunedì sul Foglio l’Innamorato fisso risponde ai vostri dubbi e alle vostre domande sull’amore e su tanti altri argomenti, sempre belli, dice lui. Scrivete a cuorefisso@ilfoglio.it.     Ciao, ho conosciuto una bella ragazza ...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

La scadenza è fissata per oggi, ma il giorno in cui le carte sul futuro di Alitalia saranno scoperte potrebbe essere rimandato ancora una volta. Alle 18 di ieri, termine stabilito per manifestare il proprio interesse a partecipare al...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

“La nostra è un’epoca di paradossi” ha scritto sul Times lo storico inglese Niall Ferguson. “Per esempio, nonostante internet abbia conferito potere a immense reti sociali facilmente accessibili, la politica britannica continua a essere dominata ...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Il Foglio

Compagnia di bandiera sì, o compagnia di bandiera no? Le discussioni su Alitalia e sul suo ruolo strategico per il turismo del nostro paese sono iniziate quasi dieci anni fa, quando il governo Berlusconi era di fronte...