Perché i mercati s'interrogano sulle mosse della Fed

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Fino ad alcuni mesi fa la data del 20 marzo era segnata sul calendario degli investitori come quella in cui la Federal Reserve, sotto la guida di Jerome Powell, avrebbe potuto decidere il primo rialzo dei tassi d'interesse nel 2019 (il livello attuale è del 2,5 per cento contro zero per cento della Bce).Ma dopo gli interventi diretti e inediti della Casa Bianca sui temi di politica monetaria e la conseguente decisione presa da Powell di adottare la linea della “pazienza”, questa data ha assunto un altro significato. Dalla riunione di stasera i mercati non si aspettano sorprese, la Fed lascerà quasi certamente invariato il costo del denaro, ma l'appuntamento è ugualmente atteso con un certo nervosismo per due motivi. Il primo è che Powell dovrà dire qual è il limite della “pazienza”, che tradotto in parole povere vuol dire far capire agli investitori se quest'anno si chiude a tassi invariati oppure se, come pensano diversi analisti, c'è da aspettarsi un rialzo dopo l'estate. L'indicazione di una possibile finestra per un cambio di passo è connessa alle valutazioni che potranno scaturire dalle nuove stime di crescita dell'economia americana, che sta dando segnali di indebolimento anche se i dati sono ancora molto positivi.

Il secondo motivo per cui il meeting di stasera è importante è che i mercati attendono informazioni su come procederà il Quantitative Tightening, una misura che è l'esatto opposto del Quantitative easing e che è stata messa in campo nel 2017 dalla banca centrale americana per ridurre il suo bilancio e avviare una normalizzazione della politica monetaria (l'azione consiste nel graduale riacquisto di titoli finanziari sul mercato, il che ha come effetto una riduzione della liquidità). Se la Fed dovesse mantenere invariato il ritmo degli acquisti, pur mantenendo i tassi invariati,i mercati potrebbero prenderla come una cattiva notizia, che potrebbe replicare lo scenario di dicembre quando in poche settimane l'indice S&P perse circa 500 punti e le vendite di Wall Street trascinarono al ribasso anche i listini europei. Insomma, Powell allenterà la corda o no? E' più importante la stabilità dei mercati oppure l'obiettivo di alleggerire il bilancio della banca centrale? A queste domande si attende una risposta stasera. 
 
Nell'attesa, le Borse europee sono tutte piatte o negative (l'indice Ftse Mib di Piazza Affari si muove poco sopra la parità) con il tema Brexit che continua a dominare. La data teorica dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea si avvicina (29 marzo), mentre governo e Parlamento proseguono su una linea caotica che non facilita i negoziati per “un'uscita ordinata” come vorrebbe il primo ministro Theresa May. L'ultima novità è che nella lettera che invierà oggi al presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, la May non chiederà una “proroga lunga”. Stando a fonti di Downing Street citate dalla Bbc, la premier dovrebbe chiedere un rinvio breve, circa tre mesi. Un argomento che dovrebbe essere al centro del summit dei leader europei di giovedì, chiamati a esaminare e a dare il via libera alla richiesta di Londra. 

Tag: #Fed #TassiDInteresse #PiazzaAffari #Brexit #BorseEuropee

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Le parole giuste per il nostro 25 aprile...     ...e i cortei.      Il solito, ripetitivo, problema di chi non capisce per cosa sta sfilando...     ...e gli incongrui,...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

[Pubblichiamo il testo dell’orazione tenuta dal rettore dell’Università di Pavia Fabio Rugge in occasione della cerimonia ufficiale del 25 aprile. Nei giorni scorsi la scelta dell'oratore era stato al centro di alcune...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Dopo l'incendio che ha distrutto la guglia e il tetto di Notre Dame, il primo ministro francese Edouard Philippe ha annunciato che sarà organizzato un concorso internazionale di architettura per la ricostruzione della cattedrale. L'obiettivo è “dare ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Buonasera, sono un lupo grigio; anzi, sono il lupo milanese ripescato dalla Darsena e preso in cura dai veterinari dopo che, stremato, i flutti mi avevano trascinato dal parco del Ticino al centro della metropoli. Ci tengo a ringraziarvi per i grandi...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

[Questo articolo è stato pubblicato sul Foglio del 25 maggio 2004]   “Siamo comunque grati agli americani per averci liberato, col concorso dei partigiani”. Curiosamente in un centro sinistra che spara contro Bush per la ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Matteo Salvini l'aveva definito grossolanamente un derby fra fascisti e antifascisti. “Il 25 aprile ci saranno i cortei, i partigiani e i contro-partigiani e i rossi e i neri e i verdi e i gialli. Siamo nel 2019 e mi...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

“Onore al coraggio della Brigata ebraica”, ha detto il filosofo francese Bernard-Henri Lévy al cimitero del Commonwealth durante la manifestazione della Comunità ebraica. “Grazie ai suoi caduti e al loro eroismo per aver dimostrato che...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Il 25 aprile del 1719, l’editore William Taylor espone nella vetrina della sua libreria di Londra “at the ship of Pater Noster Row”, cioè al limitare di quello che, fino a tutti gli anni Venti del Novecento, è stato il cuore...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Il 25 aprile 1945 è il giorno in cui il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (Clnai) proclamò l'insurrezione generale in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti. Quella data segna, insomma,...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, prima di recarsi a Vittorio Veneto, ha reso omaggio al Monumento del Milite Ignoto all'Altare della Patria per le celebrazioni del 25 aprile, Festa della Liberazione. Il Capo dello Stato, accompagnato...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. “Da Tsipras a Macron” è lo slogan con cui Nicola Zingaretti ha lanciato le cosiddette “liste aperte” del Pd per le elezioni europee. In attesa di capire dove stia lo spirito macroniano e se effettivamente possa nascere...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

"La vita non imita l’arte, imita la cattiva televisione". Parola di Woody Allen, che però sentenziava in materia di vita privata, non di politica. Voleva dire: non importa quanto siete spiriti elevati, oppure quanto credete di esserlo. Non importa...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Marco Furfaro, coordinatore nazionale di Futura, l’associazione fondata da Laura Boldrini, è da poche settimane nella Direzione nazionale del Pd. Trentotto anni, viene da sinistra, nel...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

La campagna per mantenere in vita Radio Radicale contro la stupidità e il rancore sordo dei gialloverdi al governo procede al meglio, si avverte un po’ di affanno tra le file dei censori, piccole crepe sembrano aprirsi e la determinazione con cui gli...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Al direttore - Conte: su Mussolini deciderò. Giuseppe De Filippi     Al direttore - Sull’autopsia di Imane Fadil, la proroga che formalmente non c’è considerando la smentita del pm al Manette ...