“Parasite” chi?

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Film contemplativi, alla Berlinale 2020. Tanto contemplativi che il film di Giorgio Diritti sul pittore matto Ligabue pareva un film d’azione (“Volevo nascondermi” doveva uscire in sala questo giovedì, rimandato per coronavirus assieme a “Si vive una volta sola” di Carlo Verdone e “Tornare” di Cristina Comencini). La lentezza come marchio artistico piaceva a Carlo Chatrian quando dirigeva il festival di Locarno. A Berlino non ha cambiato idea: resiste arroccato nella cittadella cinefila. Che importa se tutto intorno il cinema e i festival stanno cambiando? Un film coreano dotato di trama e colpi di scena che trionfa agli Oscar – e piace agli spettatori dopo esser piaciuto ai critici – dovrebbe essere un segno. Se l’intenzione non è la lenta morte del cinema e dei festival.
 
Come se non fosse successo nulla. In concorso – con tutti gli onori che si devono (ma per quanto tempo ancora? Non c’è la prescrizione) al regista che nel 1992 girò “Il cattivo tenente” – c’è “Siberia” di Abel Ferrara. “Un troll”, scrive Wendy Ide su “Screen International”: immagini tanto sconnesse sembrano voler provocare una reazione violenta nello spettatore (eppure, incredibile a dirsi, nell’italica periferia dell’impero resistono irriducibili fan).

 
Parlando di uomini (e non di caverne, mostriciattoli nudi, padri redivivi, deliri cosmici) c’era “Le sel des larmes” di Philippe Garrel, ultimo sopravvissuto della nouvelle vague, quindi osannato qualsiasi cosa faccia. Di solito, la storia di un giovanotto incerto tra due o tre fidanzate. “Lacrime amare” – proponiamo questo titolo a chi volesse distribuirlo in Italia, per conservare il sapore di melodramma – non fa eccezione. Se non per il mestiere del rubacuori: non il solito intellettuale bensì un falegname che vive in provincia, e a Parigi frequenta una celebre scuola di arti applicate. Il sogno di suo padre, falegname pure lui. Le ragazze fanno da contorno, e non si capisce perché cadano immediatamente ai suoi piedi: non è bello, non è simpatico, è piuttosto goffo. Epoca incerta, fotografia in bianco e nero.

 
Parlando di donne, sempre in concorso, c’era “Undine” di Christian Petzold, regista tedesco che alla Berlinale ha sempre un posto assicurato (ogni festival ha i suoi soliti noti). Una ragazza bionda viene lasciata dal fidanzato, e reagisce male: “Se te ne vai mi uccido”, gli dice al tavolino del bar. Poi va a lavorare, fa la guida al museo e racconta ai visitatori lo sviluppo urbanistico di Berlino. Torna al bar, e il fedifrago se n’è andato. “Undine” – è il nome della ragazza, avremmo dovuto capire che c’entrava un po’ di folklore nordico – trova subito un altro corteggiatore. Segno del destino: un acquario con pesci e un piccolo palombaro si rompe e li travolge. L’idillio continua, e lui – scopriamo – fa proprio il saldatore subacqueo. Parrebbe vero amore, e anche una versione della “Sirenetta” per intellettuali: serve un bacio vero per restare sulla terra, se no devi tornare sottacqua con la pinna, le gambe spariscono. Con un sovrappiù di crudeltà: la ragazza torna dal primo amore, ben ri-fidanzato in una casa con piscina, e lo annega. Poi attira sottacqua anche il secondo, o almeno ci prova perché il film grazie al cielo finisce.

 
Parlando di mucche, c’era “First Cow” di Kelly Reichardt, regista che ama il west e la frontiera, purché al rallentatore. Qui abbiamo un cuoco senza lavoro e un cinese vagabondo, strana coppia nell’Oregon del 1820. Un inglese possiede la prima mucca del circondario e loro mettono su una piccola impresa, con il latte rubato. Vale come critica allo spietato capitalismo, quindi molti applausi.

Tag: #FestivalDiBerlino #AbelFerrara #GiorgioDiritti #PhilippeGarrel

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...