Notre-Dame secondo Macron

Pubblicato lunedì, 24 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Restaurare o innovare? Da quando il terribile incendio ha devastato la cattedrale di Notre-Dame lo scorso aprile, i francesi si sono divisi in due gruppi”, scrive Pauline Bock sul Guardian. “C’è chi vuole fare tornare la cattedrale alla sua vecchia gloria, e chi invece condivide la linea del presidente Emmanuel Macron, che ha promesso di ‘ricostruire Notre-Dame per renderla ancora più bella di prima entro cinque anni’”.
 
Il restauro della cattedrale è la metafora dello scontro in atto tra chi, come Macron, vuole trasformare la Francia in una “start-up nation” e il resto dei cittadini che non vogliono averci nulla a che fare. Ben 1.169 architetti e accademici hanno scritto una lettera aperta a Macron consigliandogli di aspettare e di non procedere al suo piano per il restauro. “Prendiamo il tempo per fare una diagnosi”, hanno scritto nella lettera al presidente: “Ascolta gli esperti, riconosci le loro competenze e, sì, fissa una scadenza ambiziosa per un restauro esemplare”. Al centro del dibattito c’è la ricostruzione della guglia – costruita nel 1859 e alta 93 metri – che è precipitata a causa dell’incendio. I sondaggi indicano che la metà della popolazione vuole restaurare la cattedrale come era prima dell’incendio, e dopo gli annunci di Macron è comparso un hashtag sui social media: #TouchePasàNotreDame (non toccate Notre-Dame). E’ intervenuto nel dibattito anche il nipote di Viollet-le-Duc, l’architetto che ha costruito la cattedrale: “E’ un dibattito affascinante tra il vecchio e il nuovo. E’ un peccato che Viollet-le-Duc non possa partecipare, sarebbe stato molto interessato”. Il dibattito mostra che l’approccio zelante ed entusiasta di Macron non piace a molti francesi. In architettura e in politica, Macron è ossessionato con l’innovazione: il più giovane presidente francese non vuole semplicemente ricostruire la cattedrale – la vuole rendere migliore. In politica, Macron ha la reputazione di darsi grandi obiettivi (come la liberalizzazione di gran parte dell’economia francese), senza preoccuparsi troppo dei dettagli. Questo può finire per dare vita a delle lunghe proteste come quelle dei gilet gialli. Macron spera che la nuova Notre-Dame sia il simbolo della Francia moderna. La ricostruzione cauta e graduale della cattedrale potrebbe essere una grande opportunità per il paese. “Molti monumenti hanno bisogno di essere restaurati – spiega Pauline Bock – Notre-Dame potrebbe aprire un dibattito più ampio su come proteggere i siti storici francesi. Il progetto di Macron, fatto di grandi bandi e scadenze impossibili, mette in risalto le sue scarse abilità organizzative. Se vogliamo guardare il lato positivo almeno Notre-Dame non verrà ribattezzata dopo le famiglie e aziende che hanno donato i soldi per la ricostruzione: non ci sarà nessuna cattedrale Notre-Dame de L’Oréal. Almeno non ora”.

Tag: #Notre-dame #IncendioNotreDame #EmmanuelMacron

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Pubblichiamo il testo integrale della lettera inviata dal dirigente scolastico, Domenico Squillace, agli studenti del liceo Scientifico Alessandro Volta di Milano   “La peste che il tribunale...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Mancano tre giorni al voto in South Carolina e meno di una settimana al Super Tuesday, che assegnerà i delegati di 15 stati. Due scadenze vicine e importanti che, in teoria, avrebbero dovuto mettere alle strette i candidati democratici...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

C’è un virus anche più grave del simpatico corona, se non altro perché circola tra le opere d’arte e resiste da decenni, non c’è zona rossa che tenga: è il virus della tigna denominata “giù le mani dai miei quadri o mi dimetto”....

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. La paura di un nemico invisibile, ma forse nascosto dietro il volto delle persone. La vita che cambia e la reazione: allarmarsi o minimizzare? E la somma di queste reazioni restituisce l’immagine di una folla spaventata, ma anche pronta...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Antonio Socci è il mio apocalittico di fiducia. E questo, fra Peste e Ceneri, è proprio il momento di leggerlo. Lui sul tema è preparatissimo, mica come me che mi sono perso fra profumi e balocchi, bottiglie e tabarri, e un libro apologetico non...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Che cosa leggeva la Madonna? Sapete che nelle raffigurazioni di Maria, e specialmente nelle Annunciazioni, compare un libro (o più d’uno): tenuto in mano per leggerlo, o chiuso con un dito a tenere il segno, o posato su un leggìo. In ...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Film contemplativi, alla Berlinale 2020. Tanto contemplativi che il film di Giorgio Diritti sul pittore matto Ligabue pareva un film d’azione (“Volevo nascondermi” doveva uscire in sala questo giovedì, rimandato per coronavirus assieme a “Si...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

La marcia trionfale dei trojan, che dalla cittadella della mafia e del terrorismo vanno ora alla conquista di altri reati, con il Parlamento che chiama alla ritirata le guarnigioni a presidio del diritto, ci fa capire che non più di professionisti...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Si prega di far riferimento.      L'impressione è che specialmente la Lombardia la prenda un po' sul politico/personale, per ovvie ragioni salviniane. Nelle Marche invece la questione è elettorale. Basta con le iniziative non concordate, dice...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Il “grande allarme” sulla diffusione del nuovo coronavirus deve essere “ridimensionato” anche se “non è da sottovalutare”, dice Walter Ricciardi, componente del Comitato esecutivo dell'Oms e da ieri consigliere del ministro ...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Buonasera, sono una sofisticata forma di intelligenza artificiale. Macché, sto esagerando e mi sto dando delle arie: in realtà sono soltanto un Telepass. Come sapete, il mio compito è svolgere il lavoro abitualmente riservato all’uomo:...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Uno degli effetti collaterali, certo non il più rilevante, ma in ogni caso significativo, dell’epidemia di coronavirus ormai diffusa in alcune regioni italiane è l’aumento di prezzo di alcuni beni, come le mascherine o alcuni...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

La temperatura sul termometro (absit inuiria verbis) della situazione politico-mediatica italiana potrebbe essere determinata attraverso i seguenti fattori, fatti di ieri. Per non farci mancare nulla, c’è stato un terremoto 4.4 a Rende (Cosenza) ma...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. “Perché questa pandemia fa paura e non dovrebbe farne? Perché ognuno di noi pensa che potrebbe ammalarsi gravemente, ma se guardiamo a Codogno o a Vo’ Euganeo, a fronte di alcuni pazienti molto anziani, e con altre...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

All’alba, la macchina viene a prenderti sotto casa. Fringe benefit non disprezzabile, per un’impiegata assunta da cinque settimane. E’ ancora buio quando la ragazza entra in ufficio, accende il computer, prepara il caffè, rifornisce il frigorifero ...