Non serve l’estremismo per condannare la tentata strage di San Donato

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Stamattina Ousseynou Sy, autista delle Autovie di Crema, ha dirottato l'autobus che stava guidando con 51 ragazzi a bordo, li ha minacciati, legati e poi ha tentato di dar fuoco al veicolo. La prontezza di spirito di uno studente, che ha chiamato i carabinieri, ha consentito alle forze dell’ordine di fermare il criminale e di salvare i ragazzi. L’uomo, un italiano di origine senegalese, aveva precedenti penali pesanti, guida in stato di ebbrezza e abuso sessuale su minore. Eppure guidava un autobus da quindici anni, e questo è il primo interrogativo che pone la vicenda. I reati che ha commesso sono gravissimi, tentata strage, sequestro di persona, incendio e resistenza. A questi la procura di Milano, competente perché il fatto si è svolto a San Donato, ha aggiunto l’aggravante di terrorismo, anche se gli stessi procuratori hanno escluso legami con l'Isis.
 


L'autobus in fiamme sulla Paullese
 
L’autista farneticava di voler “fermare le morti nel Mediterraneo” e certamente i suoi atti hanno creato panico nella popolazione, il che giustifica di per sé l’aggravante terroristica. Però nella concezione comune il terrorismo si esprime nell’ambito di una iniziativa politica sostenuta con azioni violente, mentre in questo caso la violenza c’è ed è estrema ma la connessione politica, allo stato delle informazioni, non appare chiara. L’Italia finora non è stata colpita (dopo gli anni di piombo naturalmente) da atti terroristici come quelli che hanno insanguinato tante città d’Europa, capire se c’è un filone terroristico che agisce anche da noi è un problema vitale per la sicurezza e a questi interrogativi bisognerà trovare risposte convincenti, lasciando perdere le inevitabili ma fuorvianti polemiche sull’origine straniera del criminale o sulla provocazione rappresentata dalle morti nel Mediterraneo (delle quali peraltro non è responsabile l’Italia e tanto meno i bambini cremaschi in gita).

  


I bambini a bordo scendono dall'autobus poco prima che sia dato alle fiamme  
 
Quando una vicenda suscita emozione è difficile sottrarsi alla tentazione di strumentalizzarla a sostegno delle tesi che si ritengono giuste, anche se hanno solo connessioni aleatorie o suggestive. Capiterà anche questa volta, ma chi preferisce sempre affrontare i problemi veri con razionalità e impegno, come hanno fatto gli ammirevoli carabinieri che hanno salvato i ragazzi, spetta il compito di contrastare le esasperazioni per insistere nella ricerca delle risposte vere alle domande serie. Ma trasformare questa vicenda in una crociata contro gli stranieri significa fare il contrario di quello che serve all'Italia sul tema della sicurezza. Contro l'estremismo non serve cavalcare l'estremismo: servono meno tweet, più serietà.

Tag: #Terrorismo #Immigrazione #SanDonatoMilanese

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. "Due sono i mezzi con cui una struttura storica può conservare o riacquistare la propria vitalità per il presente e per il futuro. Uno è violento e viene dall’esterno (…). Il secondo è spirituale e viene dall’interno (…)....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Sono passati quasi quarant’anni dal primo incontro tra Gay Talese e Gerald Foos, il vecchio proprietario del Manor House Motel, e cioè il voyeur più famoso del mondo. Foos, che ebbe una lunga relazione confessionale con Talese che...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

La prima ad annunciarmelo è stata la professoressa di Matematica, ai colloqui con i genitori. Mi ha guardato con la faccia delle cattive notizie, e ha detto: poi c’è anche questo problema. Pronunciava: problema, ma i suoi occhi dicevano: sciagura. Ho ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

A metà marzo, proprio mentre un addetto dell'Ufficio Decoro di Roma cancellava la storica scritta “Vota Garibaldi” da un muro della Garbatella, la sindaca Virginia Raggi festeggiava con un video l'arrivo da Israele di una flottiglia di autobus...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

L'ex premier della Slovenia, Alojz Peterle, durante la plenaria del Parlamento europeo, ieri ha tenuto un discorso conclusivo prima delle elezioni Europee. "Grazie per questi cinque anni di unità nella diversità. Buona Pasqua!", ha detto Peterle....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Da una parte il confine tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda, dall’altra il fiume Foyle che divide in due la città. Nella periferia del quartiere operaio di Bogside, in fondo a Lone Moor Road, la casa del Derry City, il Ryan ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Nelle ultime settimane, quotidiani e magazine sono pieni di pagine di pubblicità di aziende che professano la loro attenzione all’ambiente, compresi i grandi gruppi energetici. Non è solo l’effetto ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Al direttore - Presidente Conte, in queste settimane Lei è impegnato – insieme al ministro Moavero – a cercare di evitare che la crisi libica volga al peggio. Una crisi che si trascina da anni senza che la comunità internazionale sia riuscita...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Italia: rischio nuova crisi bancaria per instabilità politica e finanziaria Londra, 19 apr - (Agenzia Nova) - Il settimanale britannico "The Economst" analizza oggi i possibili rischi che l'instabilità politica dell'Italia ed il precario...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Stanotte a Londonderry, nell’Irlanda del nord, una giornalista di 29 anni anni è stata uccisa durante gli scontri tra manifestanti e polizia. Secondo le autorità, l’assassinio di Lyra McKee, questo è il nome della reporter, è un “atto...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Il New York Times Magazine aveva ieri un lungo saggio su Ruth Wilson Gilmore, una donna impegnata da trent’anni all’abolizione della prigione. L’abolizionismo della galera ha una lunga e illustre storia, ignorata dai più, intoccati dal pensiero...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Se è possibile essere cristiani e querelare Costanza Miriano, essere cristiani e spronare una fanatica ambientalista a proseguire nel suo fanatismo, essere cristiani e prodigarsi per l’islamizzazione d’Europa, essere cristiani e vegani o anche solo...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Ma sai che se invece la Raggi? Boh. E’ solo un dubbio, però. Le mollichine per spiegare il bilancio a Salvini, a Salvini che gli sventola i topacci per spiegargli che deve sloggiare da Roma, non sono sembrati grandi segnali di comunicazione politica....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Giuliano da Empoli ha passato gli ultimi mesi a studiare “gli ingegneri del caos”, come da titolo del suo nuovo libro che uscirà in Italia per Marsilio il prossimo 2 maggio. Il libro, molto bene accolto in Francia dove l’autore...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Gentile Rihanna, vi amo da sempre (cioè dal 2006). Sono stato a diversi vostri concerti. Sono i più belli.   Sono un disoccupato di Jesi. Ho 39 anni. Come lavoro progettavo seggiovie pur non essendo laureato. Ma ho imparato da ballerino.   ...