Non serve l’estremismo per condannare la tentata strage di San Donato

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Stamattina Ousseynou Sy, autista delle Autovie di Crema, ha dirottato l'autobus che stava guidando con 51 ragazzi a bordo, li ha minacciati, legati e poi ha tentato di dar fuoco al veicolo. La prontezza di spirito di uno studente, che ha chiamato i carabinieri, ha consentito alle forze dell’ordine di fermare il criminale e di salvare i ragazzi. L’uomo, un italiano di origine senegalese, aveva precedenti penali pesanti, guida in stato di ebbrezza e abuso sessuale su minore. Eppure guidava un autobus da quindici anni, e questo è il primo interrogativo che pone la vicenda. I reati che ha commesso sono gravissimi, tentata strage, sequestro di persona, incendio e resistenza. A questi la procura di Milano, competente perché il fatto si è svolto a San Donato, ha aggiunto l’aggravante di terrorismo, anche se gli stessi procuratori hanno escluso legami con l'Isis.
 


L'autobus in fiamme sulla Paullese
 
L’autista farneticava di voler “fermare le morti nel Mediterraneo” e certamente i suoi atti hanno creato panico nella popolazione, il che giustifica di per sé l’aggravante terroristica. Però nella concezione comune il terrorismo si esprime nell’ambito di una iniziativa politica sostenuta con azioni violente, mentre in questo caso la violenza c’è ed è estrema ma la connessione politica, allo stato delle informazioni, non appare chiara. L’Italia finora non è stata colpita (dopo gli anni di piombo naturalmente) da atti terroristici come quelli che hanno insanguinato tante città d’Europa, capire se c’è un filone terroristico che agisce anche da noi è un problema vitale per la sicurezza e a questi interrogativi bisognerà trovare risposte convincenti, lasciando perdere le inevitabili ma fuorvianti polemiche sull’origine straniera del criminale o sulla provocazione rappresentata dalle morti nel Mediterraneo (delle quali peraltro non è responsabile l’Italia e tanto meno i bambini cremaschi in gita).

  


I bambini a bordo scendono dall'autobus poco prima che sia dato alle fiamme  
 
Quando una vicenda suscita emozione è difficile sottrarsi alla tentazione di strumentalizzarla a sostegno delle tesi che si ritengono giuste, anche se hanno solo connessioni aleatorie o suggestive. Capiterà anche questa volta, ma chi preferisce sempre affrontare i problemi veri con razionalità e impegno, come hanno fatto gli ammirevoli carabinieri che hanno salvato i ragazzi, spetta il compito di contrastare le esasperazioni per insistere nella ricerca delle risposte vere alle domande serie. Ma trasformare questa vicenda in una crociata contro gli stranieri significa fare il contrario di quello che serve all'Italia sul tema della sicurezza. Contro l'estremismo non serve cavalcare l'estremismo: servono meno tweet, più serietà.

Tag: #Terrorismo #Immigrazione #SanDonatoMilanese

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. “Le ‘infrastrutture sociali’ sono crollate: scuole, ospedali, strutture sportive e ricreative e istituzioni culturali hanno dovuto chiudere”. La Zeit, il primo settimanale tedesco, questa settimana dedica uno speciale al fenomeno...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

"Il futuro è storia" l’ho visto il mese scorso passando davanti a una vetrina nel centro di Roma. Di Masha Gessen ho avuto per le mani un paio d’anni fa una biografia di Putin, piuttosto parziale a dire il vero, intitolata “L’uomo senza...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Archistar fasce contro archistar sovietiche. Non è un reality show molto di nicchia ambientato nei Carpazi per volere di Putin, ma lo spirito di una mostra che a a Como, a San Pietro in Atrio, mette in scena un confronto architettonico e ideologico tra...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Togli qui e metti là: ogni giugno, così pare, il sindaco Virginia Raggi mette mano a un “Piano Sampietrini”. Cubetti di porfido da spostare (quelli di viale Aventino e via IV novembre) e da impiantare in via del...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

A fine maggio il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha lanciato la suggestiva idea di istituire una task force per contrastare il caporalato nei campi agricoli anche attraverso l’uso di droni. E’ possibile che veicoli autonomi volanti abbiano...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Francia, D-Day +7. Così, in gergo, si indicano i giorni trascorsi dall’inizio di un’operazione militare. E l’invasione della Normandia, iniziata il 6 giugno di settantacinque anni fa con l’obiettivo di liberare passo dopo passo...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il M5s è scomparso dalla cartina della provincia di Roma. Territorio che fu avanguardia delle amministrazioni M5s da quando nel 2013 i grillini vinsero a Pomezia. L’anno successivo fu la volta di Civitavecchia. Poi, di...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Una città all'insegna del 4-3-3: questa è Pescara. Non si scappa da tale sistema di gioco da quando lo impose Giovanni Galeone nella seconda metà degli anni Ottanta, imprimendo alla squadra abruzzese un marchio di spettacolo coniugato ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Eletto per distribuire, per dare al popolo quel che è del popolo, il governo ha cominciato a estrarre. Dopo quindici mesi di bugie e illusioni, adesso deve almanaccare su come metter mano ai portafogli degli italiani. “I soldi ci sono”, è stata la...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Giuliano Ferrara mi ha invitato a leggere il libro di Masha Gessen (“Il futuro è storia”, Sellerio) e di riferire le mie impressioni per i lettori del Foglio. Lo faccio volentieri, anche se il libro precedente dell’autrice, un...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

C’è un’affermazione molto netta al fondo della prima grande monografia che lo studio romano Labics ha pubblicato di recente – “Structures” Park Books, Zurigo – e cioè che l’architettura milanese è composta perlopiù di facciate, alla...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Giovanni di Lorenzo sta chiudendo il numero della Zeit in edicola questa settimana e scherza: “Faccio un titolo un po’ osé, vediamo che effetto fa”. Sulla copertina del settimanale che dirige, che è uno dei prodotti editoriali...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

La storia ci insegna che un’immagine può influenzare il modo in cui le persone percepiscono e interpretano un evento e persino indirizzare, in un verso o nell’altro, l’agenda politica di un paese. Ne è un esempio la fotografia scattata lungo le...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Cara Annalena, le persone perbene sanno che non devono chiedermi “Stai scrivendo?”, così come non chiederebbero alla nipote, zitella di paese, se si sia infine fatta il fidanzato. Tuttavia non basta, perché ormai il mio livello d’isteria è...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Dite voi se devo scusarmi, perché questo articolo è quasi un’autorecensione. Dico quasi. Non parlerò infatti di me stesso, ma di un testo apparso nel terzo numero di una rivista, L’età del ferro, ideata e fondata dal mio amico...