Muhammad Ali e il ring come fosse un palcoscenico

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Era un ballerino. Sul ring come se fosse un palcoscenico. Danzava, fluttuava, volava. Sfuggiva, rientrava, eludeva. Sfiorava, colpiva, spariva. C’era e non c’era, c’era e ci faceva, c’era e ci giocava. Giocava, a volte gigioneggiava, spesso giganteggiava. Giocava di anticipo, di rimessa, di fantasia. Giocava come se non fosse la vita o la morte, la borsa o la vita, il campionato del mondo dei pesi massimi. Giocava e si prendeva gioco, giocoso e giocoliere. Era un ballerino. Sul ring come se fosse un palcoscenico. Un ballerino classico, jazz, rap, seguiva uno spartito e poi improvvisava, secondo un umore, un’urgenza, una disponibilità offerta dal luogo e proposta dall’avversario, e adattandosi arricchiva, e adeguandosi inventava, e trasgredendo divertiva. Era un ballerino. Sul ring come se fosse un palcoscenico. Accorciava, allungava, svaniva. Suonava, come se le sue mani fossero fiati, come se le sue gambe fossero legni e archi. Sinistro, destro, sinistro. Jab, montante, diretto. Uno-due, uno-due, uno-due. Pungeva, irritava, affondava. Guardava l’effetto che faceva, e intanto si faceva ammirare, e intanto ne andava fiero. Creava. Ballando, ballando, ballando.
 
Ali. Cassius Marcellus Clay Junior diventato Muhammad Ali. Il più grande. Non solo sul quadrato, ma anche fuori dalle corde. Le sue, le sue corde, suonavano nell’arte della boxe e nella vita di tutti i giorni. Società, politica, religione, cultura, spettacolo. Lui, spettacolare, sempre. E uno spettacolo è anche l’esposizione fotografica “Ali” al Pan (Palazzo delle Arti Napoli) dal 22 marzo al 16 giugno, un centinaio di immagini scelte negli archivi del quotidiano «New York Post», dall’agenzia fotografica Sygma e dal mensile «Life» (orari: lunedì-domenica, 9.30-19.30; martedì chiuso. Biglietti: 10 euro interi, 8 ridotti, 5 scuole. Informazioni: tel. 081/3630018. Catalogo: Skira). Un itinerario pensato attraverso i doni che Ali ha consegnato al mondo: il dono agli appassionati di boxe, danzando e pungendo, colpendo, abbattendo; il dono al linguaggio, un talento naturale nella comunicazione; il dono alla dignità umana, ricordandosi sempre degli ultimi, dei dimenticati e degli esclusi; il dono ai compagni di viaggio, costruendo famiglie, quella sua, tra quattro mogli e nove figli, quella del suo staff, i secondi, ma secondi a nessuno, e quella del suo clan, una tribù, una comunità, un popolo; il dono ai bambini, con cui aveva una relazione, una sensibilità, una sintonia speciali; il dono al coraggio, quello di dichiararsi, schierarsi, esserci, perfino tedoforo alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996; e il dono alla memoria, che è quella del pianeta Terra, anche grazie a questa prima grande mostra italiana.
 
Ali è la storia del pugilato, ne rappresenta lo zenit. Sessantuno match e 548 round da professionista, dal 1960 al 1981. Più facile ricordare le sconfitte (cinque, di cui tre negli ultimi quattro incontri) che non le vittorie (56, di cui 37 per KO, il 61 per cento). La prima sconfitta contro Joe Frazier (poi battuto nei due successivi match): l’8 marzo 1971, ai punti in 15 riprese. Era il trentaduesimo incontro di Ali, che aveva smesso di combattere (vantava un record di 29 vittorie e zero sconfitte), squalificato per renitenza alla leva militare, dal marzo 1967 all’ottobre 1970.
 

 
La seconda sconfitta contro Ken Norton nel 1973 (poi battuto nella rivincita), la terza contro Leon Spinks nel 1978 (poi battuto nella rivincita), la quarta contro Larry Holmes nel 1980, la quinta e ultima nell’ultimo match della carriera contro Trevor Berbick nel 1981. Ali è l’unico massimo nella storia ad avere conquistato il titolo mondiale tre volte: la prima il 25 febbraio 1964 contro Sonny Liston, la seconda il 30 ottobre 1974 contro George Foreman, la terza il 15 settembre 1978 contro Leon Spinks. In tutto, Ali ha sostenuto 34 combattimenti con il titolo mondiale in palio.
 
Ma c’è anche la questione del Vietnam, c’è anche l’amicizia con Malcolm X, c’è anche l’adesione all’Islam, c’è anche il morbo di Parkinson, e quel finale in difficoltà, in salita, lentamente, dolorosamente, sempre con dignità. Ci aveva abituato bene. Provocava, accendeva, esplodeva. Accusava, giudicava, sentenziava. Sorprendeva, stupiva, sbalordiva. Inventava, improvvisava, istigava. “Io sono il più grande”, “Io sono l’America”. Jab come verbi, montanti come avverbi, ganci come aggettivi. E verbi come jab, avverbi come montanti, aggettivi come ganci. Aveva pugni letterari e battute da k.o., una lingua così tagliente da vincere i match per ferita prima ancora di cominciare a combattere, suonava gli avversari in otto parole: “Joe Frazier è troppo brutto per essere campione”. Timidezza, zero. Anzi, l’impressione (impressionante) di caricarsi dei muscoli, dei soldi, della fama di chi si trovava davanti, su un ring o in un salotto, da soli o alla tv. “Sei più intelligente di quello che sembri in fotografia”, a John Lennon. E anche modestia, zero. Sosteneva: “Ero così veloce che avrei potuto alzarmi dal letto, attraversare la stanza, girare l'interruttore e tornare a letto sotto le coperte prima che la luce si fosse spenta”. Spiegava: “Quando si è grandi come lo sono io, è difficile essere modesti”. Da lui, una vita sempre al limite oltre il limite dei quindici round, si accettava tutto.

Tag: #MuhammadAlì #CassiusClay #Boxe #Pugilato

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

DALL'ITALIA   I minibot sono uno strumento “pericoloso, illegale e non necessario”. Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, a margine di un incontro con gli investitori a Londra, ha smentito...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

“Il linguaggio è spesso lo specchio dell’anima”, dice il gip Piergiorgio Morosini nel corso di un convegno palermitano sulla separazione delle carriere. La toga di Md, che fino a nove mesi fa sedeva nel plenum del ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Trump contro Draghi, usando la parola che adesso il presidente americano usa più spesso: unfair. Si è fissato, ora è tutto unfair per lui, il mondo lo tratta in modo unfair, gli altri paesi sono concorrenti unfair e così via. Il motivo della lite,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Ad aspettare questo giorno erano in 54mila: da oggi e fino al 20 giugno alla Fiera di Roma si terranno i test per gli aspiranti navigator che si contenderanno il compito di orientare gli assegnatari del Reddito di cittadinanza verso un posto di...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

La notizia della ricercatrice universitaria di Torino che ha ottenuto finanziamenti col crowdfunding su Facebook è buona per lei ma non altrettanto per l’università. Sia perché sottoporre la ricerca al giudizio popolare (e il versamento di un obolo...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Parigi. Ancora lì, nella penombra dell’Ufficio anticorruzione della polizia giudiziaria di Nanterre, il luogo della resa dei conti, della fine di un’epoca, della parabola triste della sarkozia che non luccica più e vede le sue pedine...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un anno fa Albert Rivera, il leader del partito spagnolo Ciudadanos era considerato da tutti l’interlocutore privilegiato di Emmanuel Macron in Europa. Giovani, centristi, europeisti, portatori della retorica del superamento della divisione...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Le indagini della polizia francese sull'assegnazione della Coppa del mondo 2022 al Qatar – avvenuta il 2 dicembre 2010, nella sede della Fifa a Zurigo – avrebbero portato al fermo dell'ex presidente dell'Uefa dal 2007 al 2015,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un ulteriore allentamento della politica monetaria da parte della Bce è possibile in assenza di miglioramenti del quadro economico. E' in sostanza l'indicazione emersa dal discorso di Mario Draghi al forum dei banchieri in corso a Sintra, in...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Italia-Usa: Salvini, paese vuole diventare il partner più stretto di Trump in Europa New York, 18 giu - (Agenzia Nova) - In un momento di “fragilità” nell’Unione europea, l’Italia punta a diventare il primo e più...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il Guardian di questa settimana in uno speciale la chiama “cancel culture”. “I tweet che condannano, gli editori che cancellano o alterano i libri e chiedono agli autori di scusarsi, gli autori che pensano che sia rischioso persino...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Domenica al posto della statua che non c’è, a commemorare il vuoto di un personaggio storico da “eroe nazionale” declassato a “nemico”, non c’era nessuno. I pochi che hanno deciso di commemorare Imre Nagy erano a pochi passi ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Professor Cassese, Salvini ha dichiarato (31 marzo 2018): “I nostri confini ce li controlleremo noi”; un anno dopo (marzo 2019): “Per questo gli italiani mi pagano lo stipendio: per difendere i confini e la sicurezza del mio paese”; infine,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il prossimo, in ordine di tempo, pare sarà quello in Emilia-Romagna. “Essendo una fase di transizione – sospira Guglielmo Golinelli, deputato bolognese della Lega – è inevitabile ricorrere a soluzioni non convenzionali”. Che, nel ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Al caro, meraviglioso Angelo Panebianco, mi sento di fare un’obiezione. Ieri nel Corriere scriveva cose alle quali non si può non essere sensibili. Fate, sosteneva, un’opposizione credibile a Salvini e compagnia. Non siategli, per...