Malintesi e malafede. Ecco l’America latina della sinistra onirica europea

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Anatomia di una malafede. “Sogno e realtà dell’America Latina” (33 pp., 10 euro), breve e accuratissimo saggio di Mario Vargas Llosa pubblicato per i tipi della casa editrice Liberilibri, è veloce come un colpo di sciabola a braccio teso e altrettanto efficace nel trafiggere, inchiodandoli alla propria contraddizione, tutti gli equivoci e le vacuità tipiche di chi ha preteso, nella storia del lungo rapporto tra Europa e America latina – nella storia del loro legame culturale inscindibile – di vedere quello che non c’era, e per scellerata conseguenza, in nome di questa cecità creativa (i più romantici parlerebbero di abbaglio), di straparlare e straparlare, partorendo mostri teorici di mitopoiesi immaginifiche, allegorie spacciate per tesi razionali e giganti di proiezioni assurde.
 
E’ la storia tristanzuola dell’arcinota sinistra latinoamericanista a priori, quella convinta che in quel continente presuntamente magico fosse praticabile anche la magia di un marxismo rural-ecumenico di matrice fanta-letteraria in grado di coniugare istanze diverse, culture diverse e storie diverse, non già viste come tali, ma al contrario, uniformate secondo i propri puerili e feroci criteri-pialla. E’ l’eterno frutto avvelenato di quel che Vargas Llosa chiama “ricamo utopico”, codice preponderante con cui la cultura occidentale si è rapportata al continente americano. “Questo ha tracciato il destino dell’America latina: l’essere percepita dagli europei con gli stessi occhi fantasticanti con la quale la videro i primi navigatori che misero piede sul suo suolo”. E infatti Cristoforo Colombo – giova ricordarlo, e Vargas Llosa lo ricorda – scoprì un continente nel quale si sforzò di vedere non quello che era davanti ai suoi occhi ma quell’Asia della seta e delle spezie che recava con sé nel proprio desiderio e nella propria immaginazione. Il libro è un atto d’accusa scritto con arguzia e levità, senza mai rancore ma soprattutto senza sconti verso la sinistra onirica europea, quella che a dispetto della realtà e delle sue sfumature, a dispetto della complessità e delle sue implicazioni, con tutti i suoi segnacoli e i suoi tintinnaboli ha cantato Messe la cui eco stenta tutt’oggi a scemare, e che vanta, tra i suoi più fanatici e biliari sacerdoti, una maggioranza di canuti ossessivi che inneggiano al Castro-madurismo brandendo tutti i testi rivelati del Realismo magico, nostalgici di ciò che hanno vissuto gli altri e incapaci di comprendere che letteratura e politica battono strade completamente diverse.

 
Diciamolo: è il Vargas Llosa più schiettamente popperiano quello che da queste righe ci invita a un rapporto razionale con i fenomeni sociali ed economici (lo sintetizza Nordio nell’introduzione: “Meno deliri e più sensatezza!”), al punto che la lista delle persone cui verrebbe voglia di regalare questo testo – salutare e squisita lezione sul rapporto tra cultura, politica e realtà – sarebbe infinita. Ma è infinito anche il novero dei guerrilleros da tastiera che imperversano sui social trombettando ricette infallibili solo per loro (spesso fallite in tutto il resto del mondo), infiniti i cinici travestiti da romantici che tifano per la dittatura che sconterà sempre qualcun altro e che viaggiano in direzione ostinata e contraria sì, ma rispetto al comune senso del decoro intellettuale.

 
Il libro di Mario Vargas Llosa è scritto con grande eleganza. Qua e là lampeggiano bagliori e le pagine sono impreziosite da alcune piccole intuizioni lessicali e da certi ritratti fulminei ed essenziali: si veda la parte su Régis Debray e il suo “¿Revolución en la Revolución?” testo di riferimento del catechismo delirante internazionale pubblicato nel 1967, o la stoccata allo scrittore Günter Grass, socialdemocratico in patria e barbudo in politica estera. La conclusione è esemplare: tutti coloro che, non tenendo conto delle infinite frammentarietà di un continente complessissimo e di una cultura che è tale proprio perché non ha né radici né carattere univoco, vogliano proiettare lì utopie fallite nel proprio, sono simili ai tanto vituperati colonizzatori. Che siano armati di immaginario letterario, poco cambia: spesso ha prodotto gli stessi danni di un esercito.

Tag: #AmericaLatina #MarioVargasLlosa #Sinistra

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...