Ma dove vai, Milano in bicicletta? Scene da un boom (e meno male)

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga coda, ordinata, mascherata e guantata, aspettando pazientemente il turno. Un altro rivenditore di bici di corso Garibaldi manco risponde al telefono, tanto è il da fare. Quello in piazza Vetra apre presto. D’altronde basta guardarsi intorno ed è tutto uno sfrecciare di due ruote: belle signore con cestini sul manubrio che portano la spesa, altre con i seggiolini e i bambini, perfetti businessmen in giacca e cravatta, ma in quel target fa più fighetto il monopattino elettrico. “Bisogna stare attenti – dice una ragazza su bella bici nuova fiammante – ora ricominciano a girare anche le auto e sono un pericolo”. Maledette auto. Ma spesso pure le bici azzardano, viva l’anarchia, e corrono a velocità sostenuta in contromano o sui marciapiedi. E allora attenzione doppia, dato che sono decuplicate.

 
“Le vendite sono più che raddoppiate – ci racconta Luca Valentini della Detto Pietro, negozio storico dal 1895, prima azienda produttrice di scarpe per biciclette da corsa – senza dubbio il ‘bonus bici’ è stato molto importante. Certo, le modalità di rimborso non le conoscono nemmeno i commercialisti, quindi faccio fatture e poi vedremo. La domanda è addirittura superiore all’offerta e si fa fatica a trovare bici da preparare. In più di 25 anni che lavoro in questo settore non era mai successo un boom di vendite di questo genere”. Non è una moda, o almeno non lo è ancora. E’ una necessità. La chiamano “nuova mobilità”. Che va a fare il paio con “l’urbanistica tattica”. Denominatore comune: le due ruote a pedali. Ma anche l’e-bike, il monopattino elettrico, il segway, l’hoverboard, il monowheel. Tutto per dire che la “nuova normalità” inizia su una o due ruote invece di quattro, perché è meglio lasciare a casa i mezzi inquinanti, usare meno i mezzi pubblici per la presenza delle persone, fare movimento dopo due mesi di inattività. E poi, pare che uscire in bicicletta significhi più acquisti nei negozi di quartiere, più attenzione agli spazi comuni e molte altre conseguenze desiderabili. Dopo le diverse polemiche sulle piste ciclabili, che in tanti dicevano inutili, ecco la rivincita del sindaco Sala che aveva benedetto i suoi 35 nuovi chilometri di percorsi ciclabili (che dovrebbero essere pronti entro la fine del 2020). Un piano Milano che era tanto piaciuto all’attivista Greta Thunberg (dov’è finita?) e che diverse città europee stavano copiando. Ci voleva il Covid per decretare gli spostamenti del prossimo futuro in una città, oltre tutto, che si confà perfettamente ai mezzi leggeri: non grande, pochi su e giù, facile da girare (a parte pavé e rotaie). Metà dei progetti delle ciclabili riguarda strade che partono dalla periferia e arrivano a ridosso del centro, e almeno in due casi avranno l’ambizioso obiettivo di offrire un’alternativa ad autobus e tram.

 
Per quanto riguarda le bici in sharing, al momento, due sono le tipologie di servizio: stallo fisso con il BikeMi e le bici free floating. A Milano ci sono oltre 32 mila stalli per la sosta in tutta la città, di questi 6.900 sono esterni al Municipio 1 e collocati nelle aree adiacenti alle fermate della metropolitana e 3.350 si trovano lungo le piste ciclabili. “Gli stalli per le bici crescono in modo continuativo per nuove installazioni che tengono conto anche dell’introduzione dei nuovi veicoli”, dicono dal Comune. Le bici in condivisione senza stallo fisso, a breve, da 8 mila diventeranno 16 mila, mentre i monopattini elettrici passano gradualmente da 2.250 a 6.000 nelle prossime settimane. “Lavoriamo per allargare l'offerta di mobilità –dice Marco Granelli, assessore alla Mobilità e Lavori pubblici – Un obiettivo che abbiamo da tempo ma che ora, considerate le limitazioni del distanziamento sulla rete di trasporto pubblico, è diventato un imperativo. Dare ai cittadini alternative e consentire un trasporto flessibile e leggero complementare a bus e metropolitane ci permetterà di contenere la congestione e anche i livelli di inquinamento in città. E’ però importante rispettare le regole della strada e muoversi sempre, qualunque sia il mezzo adottato per i nostri spostamenti, con buonsenso e rispetto per tutti”.

 
Dal 4 maggio, alla riapertura, i cittadini hanno premiato molto i monopattini e le bici in sharing, con aumenti percentuali rispettivamente di 45 e 26 punti percentuali, portandosi a -50 e -65 per cento rispetto a pre coronavirus. Tra stalli, pali della luce o dei semafori o qualsiasi appiglio per una catena, presi di mira per legare in sicurezza le biciclette, si fatica a posteggiare. Il buono mobilità coprirà il 60 per cento della spesa per chi vorrà acquistare una bici, anche a pedalata assistita. “Ma quelle le comprano su internet – incalza Valentini- vengono dalla Cina o dagli Stati Uniti. E chi farà l’assistenza?”.

Tag: #Biciclette #Milano #Mobilità

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Milano. La macchina fotografica è uno strumento semplice: tutti possono usarla, ma la vera sfida consiste nel creare attraverso di essa quella combinazione tra verità e bellezza chiamata arte. È una ricerca soprattutto spirituale prima che...