Lo sbarco di Salvini a Roma, visto dal quartiere della nuova sede leghista

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Non è il marziano a Roma, è (soltanto) Matteo Salvini, leader della Lega ed ex ministro dell’Interno. E però Salvini un piccolo sbarco sta per farlo: convention della Lega all’Eur il 16 febbraio, con contestuale protesta delle Sardine ma anche con contestuale annuncio dell’apertura di una nuova sede leghista in via della Panetteria, pienissimo centro turistico e politico, a due passi da Palazzo Chigi (dove soltanto sei mesi fa Salvini sedeva da vicepremier alleato dei Cinque stelle). Ma lo stesso Salvini, e non da oggi, proprio al sindaco a Cinque stelle Virginia Raggi sferra attacchi a intermittenza: si va dallo “spero che i romani escano presto da questo incubo” al “Raggi sindaco più incapace della storia”, detto qualche giorno fa, quando la ferrovia Termini-Centocelle si è fermata per mancanza di autisti (in sciopero bianco).
 
E, sempre non da oggi, Salvini, nella marcia di avvicinamento alla città dove l’opposizione di centrosinistra ha avuto a lungo davanti una prateria e ora ha di fronte un leghista come avversario, compie azioni di immediato effetto sulla platea di quelli che chiama “i residenti abbandonati e dimenticati”: qualche giorno fa, per esempio, si è recato alle case popolari di Ostia. Ma com’è visto il suo sbarco nelle vie centrali dove la presenza leghista assumerà simbolicamente un peso toponomastico? Via della Panetteria, infatti, la strada dove abitava il leader radicale Marco Pannella, si trova nel quartiere Trevi, punto di snodo tra la fontana omonima, il Quirinale e la trafficata via del Tritone: turisti e istituzioni, commercio e studi di professionisti, e in mezzo, con tanto di nuova sede, il progetto leghista di puntare al Campidoglio. E forse la possibile presa di Roma passa anche da qui: dalla noncuranza con cui il quartiere accoglie l’idea dell’Opa salviniana su quel che resta della Roma a Cinque stelle con trascorsi di centrosinistra. Anzi: negli esercizi commerciali del quartiere circola il tormentone del “peggio di Raggi che po’ ffa?”, come dice Giovanni, commesso di uno dei tanti negozi di souvenir del circondario (batterie di Limoncello, cataste di olive sottovuoto e persino vetri di Murano fuori contesto). E insomma, tra via della Panetteria e via delle Muratte, e tra via del Lavatore e via delle Vergini, fino alle propaggini dei teatri Quirino e Quirinetta, lambendo la galleria Alberto Sordi, questo Salvini tonitruante lascia più perplessi che spaventati (“a volte non si capisce perché se la prende con questo e quello”, dice la signora Maria Antonelli, appena uscita dal negozio di scarpe vicino alla fontana di Trevi, accompagnata dalla badante di nazionalità ucraina che annuisce.

 
Maria, novant’anni tra un mese, dice che “questi”, cioè i romani, “so’ tutti smemorati”, e conta sulle dita della mano i “decenni de democrazia”, per poi sbottare: “E mo’ che volemo fa?”). Ma quando dall’astrattezza del ricordo si passa alla pratica si fa fatica a trovare qualcuno davvero allarmato. Il concetto lo esprime chiaro Angelo, trentenne barista nel bar che si propone anche come sede di “aperi-pizza”: “A sto punto boh, proviamo”. E se si obietta che già con Raggi il “proviamo” ha portato alle conseguenze non proprio esaltanti che sono sotto gli occhi di tutti, Angelo risponde: “Magari con questo va meglio”. Si procede verso l’angolo, dove troneggia un negozio di sport che non è di sport (gadget di Roma, Lazio e Formula 1).

 
La commessa viene dall’Asia, non vuole rispondere ma poi dice che “comunque Salvini non ce l’ha con gli orientali”. In un altro dei bar ibridi (anche un po’ salumerie e rivendite di vini e champagne) c’è Mario, che si dichiara “romano da quattro generazioni”, prepara caffè a due turisti russi e dice “tanto qui non cambia mai niente, Salvini o non Salvini”. Dalla vetrina dell’ennesimo negozio di pelli e borse spunta una batteria di Pinocchi di legno. Lo sa che Salvini aprirà una sede qui vicino? si chiede al commesso, che, disinteressato al tema, risponde “non so nulla”. Al ristorante-brasserie a due passi dal Quirino dove mangiano politici di vari colori, un cameriere emette il vaticinio: “Quello che è successo ai Cinque stelle succederà pure a lui”.

Tag: #Roma #MatteoSalvini #Lega

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...