Le celebrazioni da urlo del "Dantedì"

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato nell’alfabeto scritto, si propone come vocalità, suono, inflessione, registro tra luce e ombra di una corda vocale in vibrazione. E pensare che per l’Alighieri del Purgatorio la musica, cioè la vibrazione, è una cosa che s’ascolta e non s’intende. Ascoltare Dante dispensa dall’intenderlo? In certo senso sì, stando lontani dalla farraggine felice e dall’anchilosi infelice della decrittazione filologica e storica. Ora le Teche Rai di Maria Pia Ammirati ci restituiscono la voce da Dante e di Dante come spartito per attori, e riavremo Carmelo Bene e Roberto Benigni e Vittorio Gassmann e altri grandi lettori in voce del poeta assoluto, interpreti del nostro infernale purgatoriale e paradisiaco bardo prima della inaudita lezione logopedistica di Vittorio Sermonti, che ci rieducò tutti senza monumentalismi e con un colmo di ironia alla Lectura Dantis.
 
Li si vedrà in azione, ché poi quel che accade, se non è evento banale del consumo culturale, questo è, azione. Gassmann e altri lo riportarono in teatro con foga accademica, una dimensione che gli era estranea, profana per il suo linguaggio eruttivo, grottesco, sboccato e sacrale e senza limiti di scena, ma una dimensione necessaria. Benigni lo disse per un immenso pubblico elettronico, la dizione come estasi multitudinaria, un esperimento riuscito. Carmelo Bene fu diverso, per chi c’era quella nottata dell’assurdo fu un affondo tragico e felice, nel torbido della parola microfonata e sfuggente nell’aria, tra ondeggiamenti di piazza all’ombra delle Due Torri bolognesi. E quel che si vedrà tanti anni dopo, che rivedremo oggi, sarà il raccolto trasgressivo, custodito in una teca e poi ritrovato, di un fatto che alcuni cretini tra i cretini volevano censurare (“Ci sono cretini che hanno visto la Madonna e ci sono cretini che non hanno visto la Madonna”, disse quel grande). Bene si voleva prosecutore, inveratore, incarnatore invece che interprete, e riuscì nell’intento. Diceva di aver cantato “ventilato da un’ala di emicrania”. Quella sera, in effetti, in una città sventrata prima dall’ordalia della lotta settantasettina e poi dall’attentato alla stazione centrale con l’orologio fermo nella selva oscura, quella sera dopo tanti equivoci postmoderni, indiani metropolitani, foucaultismi, libertarismi, si sentiva sopra tutto quest’ala di emicrania che ventilava la città, il suo immenso popolo di ascoltatori venuti d’ogni dove, i suoi selciati rimbombanti, e quella voce che fuggiva tra le pietre e la carne di una generazione in preda alla follia e al mal di testa con la finta goffaggine e l’infernale birignao del sovrumano dicitore. L’indimenticabile, che è una cifra dantesca sicura, attecchì e riprodusse l’apparizione trecentesca della voce che ora la Teca restituisce nel gelo dei contatti proibiti, a vantaggio di chi allora non c’era.
 
L’occasione è celebrativa, l’anticipo di un anno sui sette secoli della vita esaurita di Dante, che cadono nel 2021. Il nome è un po’ fumettistico, “Dantedì”, ma nessuno ci aveva promesso un giardino di rose. Torna la raucedine incresciosa e cupa, ma energica e felice, di un grandissimo attore isolato su una Torre che ventila Dante senza paura.

Tag: #DanteAlighieri #LaDivinaCommedia #Cultura #Dantedì

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....