Le Borse europee attendono il "whatever it takes" del G7

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid (+7,8 per cento) e Londra (+9 per cento) hanno tutti brillato mettendo a segno una delle migliori sedute dal 2008. Un maxi rimbalzo inatteso in questa fase in cui a dominare ancora l'incertezza per il rapido diffondersi dell'epidemia da coronavirus nel vecchio continente.
 
Nonostante il livello emergenza resti alto, così come le preoccupazioni dei paesi per il grave impatto che potrebbe esserci sull'economia della zona euro, confermate peraltro dagli indicatori macro diffusi in mattinata, i mercati hanno reagito positivamente alle notizie sulla riapertura di alcuni distretti industriali della regione di Hubei in Cina dopo il blocco dei mesi scorsi e, soprattutto, sono stati spinti nel finale da Wall Street, galvanizzato dall'imminente approvazione del maxi piano di aiuti da 2000 miliardi di dollari. Il "whatever it takes" americano a cui si spera si aggiunga presto quello del G7 europeo, che pure si è impegnato a fare tutto il necessario per aiutare le aziende a superare l'impatto della pandemia, ma sta ancora discutendo sul come.
 
"Gli investitori in realtà sono ancora guardinghi e quello che è successo alle borse oggi è dovuto a un mix di fattori che, comunque, fanno pensare che il fondo sui mercati sia stato toccato - dice al Foglio Antonio Amendola, co-gestore Italia ed Europa di AcomeA Sgr - Uno di questi fattori è rappresentato da ricoperture di posizioni short che seguono alle forti perdite dei giorni scorsi. Ma al netto di questi aspetti tecnici, si comincia a respirare un clima di speranza anche per la risposta che potrebbe venire dall'Europa per affrontare l'emergenza Coronavirus. Il dibattito che ha preceduto la riunione dell'Eurogruppo, che proporrà le soluzioni al vertice dei capi di stato giovedì prossimo, ha dato l'impressione che finalmente i paesi membri dell'Unione stanno facendo quadrato intorno al problema e stanno cercando una soluzione condivisa".
 
Finora, i mercati hanno reagito in modo freddo, se non negativo, alle varie mosse delle banche centrali, aspettando, invece, un'azione coordinata di politica fiscale e monetaria che si è fatta attendere. Ma proprio dagli Stati Uniti, come suggerisce Amendola, sta arrivando il segnale che il vento è cambiato. "L'impasse al Congresso sul piano di aiuti proposto da Trump per scongiurare la recessione si sta sbloccando e la borsa di New York ora rivaluta anche la mossa della Federal Reserve di avviare un piano di acquisto titoli illimitato, che è un'azione senza precedenti. Insomma, governo federale e banca centrale si stanno muovendo all'unisono e questo è molto positivo. La stessa cosa dovrebbe accadere anche in Europa superando le divisioni che ci possono essere sui vari strumenti da adottare", prosegue il gestore. 
 
Di fronte all'emergenza coronavirus tutti gli stati membri potranno superare il tetto del 3 per cento del rapporto deficit-pil nei loro bilanci pubblici, ma questo non basterà ad affrontare una contrazione del pil dell'area euro che nel 2020 potrebbe essere di svariati punti percentuali. Così, si stanno esaminando diverse opzioni e l'Eurogruppo avrà proprio il compito di avanzare una proposta unitaria ai leader dei paesi. Sul tavolo, ci sono gli eurobond - o coronabond come sono stati battezzati - e le soluzioni offerte dal Meccanismo europeo di stabilità, su cui si registrano posizioni intransigenti come quelle dell'Olanda che vorrebbero che i prestiti ai paesi indebitati come l'Italia venissero erogati in modo condizionato. "I mercati attendono la risposta di politica fiscale dell'Europa unita per affrontare forse la crisi più grave della sua storia - conclude Amendola - da come sarà articolata questa risposta si vedrà anche quanto lontano può andare il progetto europeo". 

Tag: #PiazzaAffari #Coronavirus #Eurogruppo #Coronabond #WallStreet

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....