L'affaire Saracens è un pugno al volto del rugby inglese

Pubblicato domenica, 10 novembre 2019 ‐ Il Foglio

Un rumoroso e pesante tonfo. Questo quello che hanno fatto i Saracens, squadra di Londra, nel mondo del rugby inglese: 5 milioni di sterline di multa e una penalizzazione in classifica di 35 punti, questo quanto vuole infliggere la federazione. Fondata nel 1876, è uno dei club più importanti del panorama britannico, capace di vincere 3 volte il campionato nazionale negli ultimi 4 anni e detentore della Champions Cup, la Champions League del rugby, che ha vinto nelle ultime tre stagioni consecutivamente. Una realtà la cui portata è paragonabile, per risultati, introiti e popolarità, a quella del Real Madrid o Barcellona. Il motivo dello scandalo è una serie di irregolarità nel pagamento dei giocatori: i Saracens avrebbero superato nelle ultime tre stagioni il Salary Cap di 7 milioni previsto dalla federazione, pagando attraverso oscure vie i giocatori, in modo che pesassero meno sul monte stipendi generale. Il club ha fatto ricorso e la pena è sospesa in attesa dei nuovi giudizi, ma la vicenda rischia di avere grosse ripercussioni sul mondo del rugby britannico.
 
Secondo un panel investigativo aperto da Andrew Rodgers, responsabile delle retribuzioni della Premiership Rugby, il presidente dei Saracens, Nigel Wray, avrebbe messo in piedi una truffa finanziaria; con alcuni dei giocatori più importanti, come Owen Farrell, Maro Itoje e i fratelli Billy e Mako Vunipola, tutti parte della nazionale inglese che ha appena perso la finale dei mondiali contro il Sud Africa in Giappone, avrebbe stipulato un accordo perché parte del loro stipendio venisse pagata non dalle casse della società, ma direttamente dal presidente, attraverso fondi di investimento, titoli finanziari o tramite il passaggio di proprietà immobiliari. Così facendo i giocatori comunque ricevevano ricchi stipendi, senza però che questi andasse a pesare sul monte salariale della squadra. Tutte le altre società hanno attaccato duramente il club di Londra, sostenendo che sia giusto revocargli tutti i titoli vinti nelle ultime stagioni. Tra questi il mediano di mischia della Nazionale inglese Danny Care, che ha detto chiaramente che “non meritano di tenersi le loro coppe”. Ovviamente la pensa diversamente la dirigenza dei Saracens, che ha già annunciato che farà ricorso, sostenendo che gli accordi presi dal presidente e dai giocatori abbiano i lineamenti di una trattativa tra singoli privati e che quindi non vadano a invadere la sfera sportiva.
  
In casa Saracens, più dei 5 milioni di sterline di multa, e più dei punti di penalizzazione, che comunque compromettono seriamente la stagione, dato che finirebbe in fondo alla classifica con un -26 che preclude ogni ambizione di titolo, quello che preoccupa di più è la lesione all'immagine del club. Sono una squadra piena di giocatori importanti, molti sono punti fermi anche della nazionale inglese, e una vicenda del genere può far sì che questi decidano di andarsene, lasciando il club in una situazione complessa. Molti commentatori britannici sostengono che, se tutto questo dovesse essere confermato, la reputazione del club sarebbe irrimediabilmente compromessa, facendogli perdere gran parte del suo blasone.
 
Inoltre, i Saracens nelle ultime stagioni avevano investito molto nel massimo campionato di rugby inglese, nella speranza di aumentarne il livello finanziario. Questo scandalo investe il mondo del pallone ovale britannico dieci anni dopo l'altro grande precedente: era il 2009 quando il giocatore Tom Williams assunse, durante un quarto di finale di Heineken Cup, una fialetta di sangue umano in modo da simulare una perdita dalla bocca ed essere così sostituito, permettendo a un altro giocatore di entrare al suo posto, cosa altrimenti impossibile dato che erano finiti i cambi. Questo episodio aveva creato grosso scalpore in tutto il panorama rugbistico, ma il nuovo scandalo dei Saracens rischia di avere un eco ancora maggiore. Al momento tutto è nelle mani della commissione che sta giudicando il caso, ma la storia di uno dei club più importanti del rugby può improvvisamente cambiare in negativo.

Tag: #Rugby #Saracens

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Non è il marziano a Roma, è (soltanto) Matteo Salvini, leader della Lega ed ex ministro dell’Interno. E però Salvini un piccolo sbarco sta per farlo: convention della Lega all’Eur il 16 febbraio, con contestuale protesta delle...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Che senso ha smantellare un mercatino abusivo o un insediamento spontaneo se poi nessuno viene a ripulirne i resti? E’ questa la domanda più che legittima che da settembre si fanno gli uomini del Pics, il pronto intervento centro...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

“C’era una storia che mi aveva colpito in modo particolare: quella di un capriolo che si era rifugiato nei pressi di un centro commerciale e che aveva fatto amicizia con le persone. E poi c’era il terremoto di Amatrice. Ho messo insieme queste due...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Nel nostro immaginario collettivo di tifosi e appassionati, il calcio minore, quello delle serie dilettantistiche, ha sempre avuto un sapore buono, casereccio e genuino. Senza tornare all’immaginifico Borgorosso football club, basta pensare a squadre...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Rumori di catene e ululati di lupi. Distese nebbiose, ombre sinistre e grida di dolore. Lo scenario è questo e ci mancava solo un fantasma con tanto di lenzuolo. È arrivato, si chiama Pep, l’inevitabile Guardiola. Maurizio Sarri è...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

La corsa a cambiare il nome degli stadi, almeno in Italia, è solo all’inizio. Allianz Stadium, Dacia Arena e Mapei Stadium per ora sono i soli tre impianti per i quali sono stati venduti i famosi naming rights. Juventus, Udinese e Sassuolo sono così...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Se c’è un terreno in cui la complessità dell’evoluzione tecnologica si manifesta in tutti i suoi aspetti, questo è il lavoro; qui emerge con più forza, in particolare, il conflitto tra la dimensione individuale e la traiettoria dello sviluppo...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Anatomia di una malafede. “Sogno e realtà dell’America Latina” (33 pp., 10 euro), breve e accuratissimo saggio di Mario Vargas Llosa pubblicato per i tipi della casa editrice Liberilibri, è veloce come un colpo di sciabola a...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Italia assente, non pervenuta al tavolo. Pochi giorni fa il segretario di stato americano, Mike Pompeo, ha ufficialmente reso pubblica l’alleanza di 27 paesi che si propone di affrontare il tema delle...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

La storia è classica di questo tipo di personaggi: nato in una prominente famiglia di mercanti di cotone ad Alessandria d’Egitto, avrebbe dovuto prendere in mano il business di famiglia, e invece… Alexander Iolas diventa ballerino,...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Happening e Pinocchi, poesie, pale da giardino, cuori di paglia. Jim Dine è vivo e sta benissimo (questa generazione scatenata degli anni Sessanta è sopravvissuta alla grande a tutte le contestazioni e manifestazioni e trasgressioni....

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Qualche mese fa, era ottobre, il critico gastronomico del New York Times scrisse una durissima recensione di uno dei posti di culto dei newyorkesi carnivori, Peter Luger. Fondata nel 1887, e quindi una delle steakhouse più antiche della città – ma...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

E’ arrivato un giovedì pomeriggio, annunciato. Roomba: il nome allegro e baldanzoso, e l’impeto di entusiasmo preventivo misto a curiosità, facevano sì che ci si aspettasse di vedere saltare fuori da una scatola un piccolo oggetto non bene...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Il genere “fotografi che non lo erano” è ormai un genere, appunto (Vivian Maier, Paolo Di Paolo, sublimi artisti che vivono tutta la vita in incognito, celati dietro altre identità e umili professioni). È...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Emanuele Orsini, presidente di Federlegnoarredo, prova a essere ottimista mentre presenta il prossimo Salone del Mobile (dal 21 al 26 aprile) e tutti pensano al virus e alla Cina: “La notizia è che stiamo vendendo ancora i nostri prodotti in Cina, io...