L'affaire Saracens è un pugno al volto del rugby inglese

Pubblicato domenica, 10 novembre 2019 ‐ Il Foglio

Un rumoroso e pesante tonfo. Questo quello che hanno fatto i Saracens, squadra di Londra, nel mondo del rugby inglese: 5 milioni di sterline di multa e una penalizzazione in classifica di 35 punti, questo quanto vuole infliggere la federazione. Fondata nel 1876, è uno dei club più importanti del panorama britannico, capace di vincere 3 volte il campionato nazionale negli ultimi 4 anni e detentore della Champions Cup, la Champions League del rugby, che ha vinto nelle ultime tre stagioni consecutivamente. Una realtà la cui portata è paragonabile, per risultati, introiti e popolarità, a quella del Real Madrid o Barcellona. Il motivo dello scandalo è una serie di irregolarità nel pagamento dei giocatori: i Saracens avrebbero superato nelle ultime tre stagioni il Salary Cap di 7 milioni previsto dalla federazione, pagando attraverso oscure vie i giocatori, in modo che pesassero meno sul monte stipendi generale. Il club ha fatto ricorso e la pena è sospesa in attesa dei nuovi giudizi, ma la vicenda rischia di avere grosse ripercussioni sul mondo del rugby britannico.
 
Secondo un panel investigativo aperto da Andrew Rodgers, responsabile delle retribuzioni della Premiership Rugby, il presidente dei Saracens, Nigel Wray, avrebbe messo in piedi una truffa finanziaria; con alcuni dei giocatori più importanti, come Owen Farrell, Maro Itoje e i fratelli Billy e Mako Vunipola, tutti parte della nazionale inglese che ha appena perso la finale dei mondiali contro il Sud Africa in Giappone, avrebbe stipulato un accordo perché parte del loro stipendio venisse pagata non dalle casse della società, ma direttamente dal presidente, attraverso fondi di investimento, titoli finanziari o tramite il passaggio di proprietà immobiliari. Così facendo i giocatori comunque ricevevano ricchi stipendi, senza però che questi andasse a pesare sul monte salariale della squadra. Tutte le altre società hanno attaccato duramente il club di Londra, sostenendo che sia giusto revocargli tutti i titoli vinti nelle ultime stagioni. Tra questi il mediano di mischia della Nazionale inglese Danny Care, che ha detto chiaramente che “non meritano di tenersi le loro coppe”. Ovviamente la pensa diversamente la dirigenza dei Saracens, che ha già annunciato che farà ricorso, sostenendo che gli accordi presi dal presidente e dai giocatori abbiano i lineamenti di una trattativa tra singoli privati e che quindi non vadano a invadere la sfera sportiva.
  
In casa Saracens, più dei 5 milioni di sterline di multa, e più dei punti di penalizzazione, che comunque compromettono seriamente la stagione, dato che finirebbe in fondo alla classifica con un -26 che preclude ogni ambizione di titolo, quello che preoccupa di più è la lesione all'immagine del club. Sono una squadra piena di giocatori importanti, molti sono punti fermi anche della nazionale inglese, e una vicenda del genere può far sì che questi decidano di andarsene, lasciando il club in una situazione complessa. Molti commentatori britannici sostengono che, se tutto questo dovesse essere confermato, la reputazione del club sarebbe irrimediabilmente compromessa, facendogli perdere gran parte del suo blasone.
 
Inoltre, i Saracens nelle ultime stagioni avevano investito molto nel massimo campionato di rugby inglese, nella speranza di aumentarne il livello finanziario. Questo scandalo investe il mondo del pallone ovale britannico dieci anni dopo l'altro grande precedente: era il 2009 quando il giocatore Tom Williams assunse, durante un quarto di finale di Heineken Cup, una fialetta di sangue umano in modo da simulare una perdita dalla bocca ed essere così sostituito, permettendo a un altro giocatore di entrare al suo posto, cosa altrimenti impossibile dato che erano finiti i cambi. Questo episodio aveva creato grosso scalpore in tutto il panorama rugbistico, ma il nuovo scandalo dei Saracens rischia di avere un eco ancora maggiore. Al momento tutto è nelle mani della commissione che sta giudicando il caso, ma la storia di uno dei club più importanti del rugby può improvvisamente cambiare in negativo.

Tag: #Rugby #Saracens

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...