La quarantena di Hollywood e delle piattaforme di streaming

Pubblicato giovedì, 19 marzo 2020 ‐ Il Foglio

A Roma c’è chi ha deciso di proiettare sulle pareti degli edifici vecchi film d’epoca per tenere compagnia a tutto il vicinato. Ma anche all’interno delle case degli italiani sono le serie tv, i grandi cult o le ultime uscite a permettere a chi vive in isolamento da settimane di staccare la testa e immergersi in un altro mondo, con una nuova storia.
  
Non è un caso che le piattaforme di streaming abbiano rilevato un’impennata dello share da quando l’epidemia di coronavirus ha sconvolto il mondo. Dall’inizio dell’anno al 10 marzo, per esempio, Netflix ha registrato un aumento del 12,5% di ascolti, come riporta Variety. Una crescita così importante nei consumi della cultura pop, confrontata con i crolli subiti dall’industria dell’arte, del cinema e del teatro, farebbe pensare che il colosso americano e gli altri network siano immuni all’effetto Covid-19. Le cose però sono più complicate di quanto sembri.
   
Netflix, Apple tv+ e Disney+ hanno infatti annunciato di aver dovuto sospendere la loro produzione di serie tv e film. Lo stop coinvolge decine di titoli e per il momento è stato quantificato in due o tre settimane. Una pausa che aggrava l’impatto che l’epidemia ha avuto sull’industria hollywoodiana. La settima stagione della serie tv Grace e Frankie con Jane Fonda e Lily Tomlin è stata posticipata, e lo stesso è accaduto con altri titoli attesissimi, come Stranger Things 4, ancora in fase di pre-produzione o The Witcher (Netflix). I fan dovranno anche aspettare più a lungo l’uscita della sedicesima stagione di Grey’s Anatomy (Abc), o della seconda di Euphoria (Hbo), o ancora le serie Marvel per Disney+. Tempi d’attesa che si dilatano anche per l’arrivo della trasposizione televisiva di The Lord of the Rings prodotta da Amazon Prime, che per l’acquisto dei diritti della saga di Tolkien ha speso 250 milioni di dollari. Mentre Apple tv+, tra gli altri, ha dovuto sospendere la produzione della seconda stagione di The Morning Show con Jennifer Aniston e Steve Carrel. Lo stesso è accaduto per le scene che dovevano essere ambientate all’estero. Con il paese bloccato dal coronavirus, Netflix ha cancellato la tappa italiana del set di Red Notice, la commedia d’azione con Dwayne Johnson, Gal Gadot e Ryan Reynolds, mentre Paramount ha rinviato le riprese a Venezia di Mission Impossible 7 con Tom Cruise.
   
Se nel 2019 i botteghini statunitensi avevano incassato 11 miliardi di dollari, ora le entrate sono congelate. Sempre secondo Variety, gli analisti hanno valutato le perdite nel business cinematografico in 2,5 miliardi di dollari. Con i cinema chiusi, anche il lancio dei film è rimandato. Così, se l’ultimo James Bond con Daniel Craig nei panni dell’agente 007 in “No Time to die” era atteso nelle sale ad aprile, ora è stato posticipato a novembre. Mentre Disney ha rimandato l’uscita nelle sale del film Mulan, prevista per il 26 marzo a data da destinarsi.
  
Galà, presentazioni, prime, festival: l’elenco degli eventi saltati o posticipati negli Stati Uniti dopo che il presidente Donald Trump ha dichiarato l’emergenza nazionale sembra interminabile. L’intera industria dell’entertainment che faceva splendere le stelle di Hollywood nel mondo è costretta a fermarsi. Non ci sarà il ballo del Met, uno degli appuntamenti più importanti per l’universo della moda organizzato dal Metropolitan Museums of Arts di New York e presieduto dalla direttrice di Vogue America, Anna Wintour. La festa destinata alla raccolta fondi per il Costume Institute del museo newyorkese doveva tenersi il quattro maggio e sarebbe arrivata alla centocinquantesima edizione. Quest’anno, a causa del Covid-19 non ci sarà nessuna sfilata di stilisti accompagnati dalle loro muse, o di celebrità vestite con gli abiti più visionari secondo il tema dell’anno, che per il 2020 doveva essere “About time”, ispirato a Virginia Woolf e al motivo del tempo. E nemmeno il Coachella è stato risparmiato. Il festival musicale neo hippie adorato dagli influencer e dalle celebrità americane programmato in due weekend di aprile a Indio, in California, è stato spostato a ottobre.

Tag: #Coronavirus #Cinema #SerieTv #PiattaformeStreaming #Netflix #AmazonPrime #Disney+ #Hbo #AppleTv+

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....