La doppia quarantena dei bambini in carcere

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo l’ultima rilevazione statistica del ministero della Giustizia. 59 bambini che si trovano, per la maggior parte, all’interno dei reparti “nido” (mai termine fu meno appropriato) di quegli istituti penitenziari sovraffollati a cui guardiamo, con molta indifferenza e con troppa ignavia in questi giorni, ma che rappresentano la sconfitta di uno stato che intenda tutelare la salute individuale come bene pubblico. La salute di tutte e di tutti, non dei meritevoli, non di chi paga le tasse, non dei cittadini, non di chi ha un valido permesso di soggiorno sul territorio italiano o la fedina “pulita”, ma di tutti. Indifendibili o indifesi che siano.
 
In questa segregazione diffusa che ormai ci contraddistingue, d’altronde, a qualcuno sembra che forse i bambini siano più sicuri in carcere. Il dramma sarebbe rispondere che sì, in alcuni casi è così. Lo è sicuramente per chi un domicilio non ce lo ha. Eppure in molte altre situazioni, la soluzione migliore (a normativa vigente) sarebbe l’attivazione di misure alternative alla detenzione nella considerazione che il carcere, che non è mai un luogo per bambini di pochi mesi o di 1, 2, 3 anni, a maggior ragione non lo può essere durante lo scoppio di una pandemia.
 
Così, d’altra parte, si esprime anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) che, nella sua guida sull’organizzazione, prevenzione e controllo del COVID-19 nelle carceri, espressamente richiama la necessità di prevedere misure non custodiali con preferenza per le madri con bambini in carcere e per le donne in gravidanza (e su questo i dati del ministero non ci aiutano a capire l’entità del fenomeno, dal momento che non le rilevano, con una sottostima del livello di sovraffollamento nei reparti cosiddetti “nido” delle carceri, dato che proprio in questi reparti le donne incinte sono allocate). La stessa Oms, poi, raccomanda un’attenzione particolare per l’interruzione delle visite dall’esterno, soprattutto degli operatori, proprio per l’impatto specifico e più che proporzionale che questa interruzione può avere su alcune categorie di persone recluse, tra cui proprio i bambini ristretti insieme ai genitori (in Italia, leggasi alle madri, dato che i padri detenuti non sono considerati genitori responsabili delle cure dei figli).
 
La vita dei bambini reclusi nelle patrie galere, infatti, è scandita anche e soprattutto dai momenti in cui operatori e operatrici delle associazioni li portano “fuori”. Ora il fuori non esiste più. Come per la società dei liberi, qualcuno dirà. No. In carcere non esiste il fuori, ma non esiste neanche il distanziamento sociale che lo accompagna come misura di tutela dal virus. In carcere si dorme insieme, si mangia insieme, si dipende necessariamente da qualcuno per qualsiasi esigenza di vita, anche solo per essere “aperti” (“apri” è una delle prime parole che un bambino impara in carcere) e così anche nei reparti “nido”. Se quindi le carceri non possono garantire, in questo momento, la salute delle persone ivi recluse, se non possono garantire la salute e il benessere (non solo fisico, attenzione, ma anche psichico, così come evolutivo) dei bambini e delle bambine reclusi nelle nostre galere, ecco, allora credo che sia giunto il tempo per pensare a una misura che li porti fuori, insieme al genitore (in Italia alla madre) che se ne occupa e da cui necessariamente dipendono, a vivere come tutte e tutti gli altri bambini in Italia la noia dell’isolamento in casa.
Non so se dai nostri privati isolamenti possa derivare una qualche ombra di solidarietà per questi bambini. Diciamo solo che spero di sì.
 
*centro interuniversitario Altrodiritto, Unifi

Tag: #Carcere #Coronavirus #Bambini

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....