Iolas non abita più qui

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

La storia è classica di questo tipo di personaggi: nato in una prominente famiglia di mercanti di cotone ad Alessandria d’Egitto, avrebbe dovuto prendere in mano il business di famiglia, e invece… Alexander Iolas diventa ballerino, si sposta a Berlino, poi scappa dal nazismo, si fa male a un piede e decide che consacrerà la sua vita all’arte: dunque via, a Parigi, incontra e promuove i surrealisti, Max Ernst, Magritte e Victor Brauner – di loro diventa amico, “mentor”, e produttore di mostre, in un’attività cosmopolita e ibrida che anticipa i grandi mercanti d’arte alla Gagosian. Sua infatti l’idea di aprire un network di gallerie internazionali (Parigi, Ginevra, Milano, Madrid, Roma e Atene), dove mostre di Fontana, Yves Klein, Kounellis, Magritte, Matta, Nicky De Saint Phalle si susseguono senza sosta per anni.
 
Nel 1952, anche, la prima personale di un oscuro giovanotto di Pittsburgh, tale Andy Warhol, che per lui illustra quindici racconti di un giovane scrittore pure lui discretamente promettente, Truman Capote. E Iolas è un personaggio che sembra venuto fuori direttamente da “Preghiere esaudite”: amorazzi, il camp più sublime tra case reali, cotonature, marchesi de Cuevas, legazioni cilene, cigni di Park Avenue e non. Con Theodora Roosevelt, nipote di Teddy, una fuga in Sudamerica tra balletti simil-russi e il progetto farlocco di un matrimonio che non si farà mai, anche. E poi, soprattutto, una villa mitologica ad Atene, dove racchiudere la sua vasta collezione tra marmi e rubinetti d’oro un po' Liberace. Villa Iolas, costruita nel quartiere popolare di Aghia Paraskevi su un’estensione di 700 metri quadrati, con antichità greche, egizie, romane, bizantine, è andata poi abbandonata ai vandali. Ma ora “Casa Iolas - Citofonare Vezzoli” si intitola la mostra che aprirà il 27 marzo a Milano alla Galleria Tommaso Calabro, proprio a ricreare, sotto la regia di Francesco Vezzoli, gli spazi e la figura di questo leggendario personaggio e della sua casa. Vezzoli, che continua indefesso la sua opera di infallibile archeologo del gusto novecentesco (a Parigi è ancora in corso la sua mostra su Huysmans e gli impressionisti), ri-immagina la villa e il suo ideatore attraverso un allestimento che vedrà opere di artisti esposti da Iolas, dello stesso Vezzoli, e arredi che ripropongono l’estetica della casa originaria. (Milano non è poi un posto casuale per Iolas: che fece in tempo a commissionare qui l’ultima mostra al suo artista più famoso, Warhol: quell’Ultima cena pop che con le sue oltre 100 versioni stroncò l’artista. Dopo quest’ultima performance Warhol e Iolas perirono a pochi mesi di distanza, entrambi, nel 1987).

Tag: #AlexanderIolas #AndyWharol #FrancescoVezzzoli #TrumanCapote

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...