Il vescovo di Innsbruck appende in chiesa un Cristo a testa in giù: “Sarà il nuovo orologio”

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Roma. A Innsbruck, piccola diocesi della fu Austria felix, il vescovo Hermann Glettler – già noto per certe sue stravaganze, come il far distribuire la comunione a dei ragazzini, più inorriditi degli adulti lì presenti – si è dato all’arte moderna (o almeno a quella che lui ritiene essere arte moderna): ha fatto recuperare una vecchia statua lignea del Crocifisso, ha fatto staccare le braccia e l’ha appesa sul muro della chiesa dell’ospedale (dedicata allo Spirito santo): sarà il nuovo orologio. Le braccia segneranno l’una le ore e l’altra i minuti. Il tutto in modo armonico. Gesù è appeso per i piedi a testa in giù. Il vescovo ha spiegato con fare da guida turistica la decisione quantomeno originale: “Man mano che il tempo scorre, le braccia formano le diverse costellazioni e il corpo statico del Cristo morto prende all’improvviso vita, il che rappresenta un momento di liberazione dalla croce e un superamento della stessa morte”. Mons. Glettler è convinto di quel che dice, mentre dietro di lui – lo si vede in un video pubblicato da un giornale locale – la statua lignea su muove per segnare l’ora esatta.
 
Il vescovo sottolinea che l’opera rende giustizia “alla capacità di movimento del corpo umano, figura tradizionale del Rinascimento”, chiarendo altresì che attraverso la posizione capovolta e storta si mostra “la deformazione della figura umana”. Questo accenno, a quanto pare, dovrebbe essere un fumoso riferimento alla quaresima, non immediatamente intellegibile. Tant’è. Mons. Glettler è soddisfatto della resa e dice che non importa se l’arte sia moderna o no, basta che sia buona. Inoltre, il Cristo-orologio “riprende il tema barocco della dinamicità”. Il presule non è nuovo a tali “innovazioni”: nella cattedrale ha fatto installare una luce al neon (rossa) che ricorda l’insegna di una vecchia casa per appuntamenti della Repubblica di Weimar. Sulla facciata dell’edificio, fino a qualche mese fa s’ammirava la poetica frase: “Finché Dio avrà la barba, io sarò femminista”.
 
Anche in questo caso, si tratta di un’opera d’arte, stavolta della signora Katharina Cibulka, che punta a schernire “i simboli del potere patriarcale”. Subito da qualche parte si sono levate critiche al Papa – è vero, Glettler l’ha nominato lui nel 2017, ma la situazione della chiesa a nord delle Alpi è drammatica e non si vede all’orizzonte un Carlo Borromeo: qualche anno fa uno scoraggiato Christoph Schönborn, arcivescovo di Vienna, diceva “cosa posso fare?”, davanti al deserto di fede che conquistava sempre più spazi. C’è da dubitare però che la ricetta per attrarre nuove masse di fedeli – evangelizzare è un po’ troppo, il termine non s’addice al politicamente corretto imperante – consista nel mettere un Cristo a testa in Gesù dopo averlo amputato delle braccia e nell’installazione di una luce al neon sopra l’altare. La fede, lo dimostra la realtà quotidiana, si alimenta nella semplicità. In Africa, terra di cristianesimo fiorente, intere famiglie percorrono ogni domenica a piedi decine di chilometri per partecipare alla messa in qualche piccola chiesa. Senza bisogno di orologi “moderni” e di effetti speciali da réclame kitsch.

Tag: #Occidente #Austria #ChiesaCattolica #Innsbruck #HermannGlettler #Fede #Cristianesimo #Europa

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

DALL'ITALIA   I minibot sono uno strumento “pericoloso, illegale e non necessario”. Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, a margine di un incontro con gli investitori a Londra, ha smentito...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

“Il linguaggio è spesso lo specchio dell’anima”, dice il gip Piergiorgio Morosini nel corso di un convegno palermitano sulla separazione delle carriere. La toga di Md, che fino a nove mesi fa sedeva nel plenum del ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Trump contro Draghi, usando la parola che adesso il presidente americano usa più spesso: unfair. Si è fissato, ora è tutto unfair per lui, il mondo lo tratta in modo unfair, gli altri paesi sono concorrenti unfair e così via. Il motivo della lite,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Ad aspettare questo giorno erano in 54mila: da oggi e fino al 20 giugno alla Fiera di Roma si terranno i test per gli aspiranti navigator che si contenderanno il compito di orientare gli assegnatari del Reddito di cittadinanza verso un posto di...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

La notizia della ricercatrice universitaria di Torino che ha ottenuto finanziamenti col crowdfunding su Facebook è buona per lei ma non altrettanto per l’università. Sia perché sottoporre la ricerca al giudizio popolare (e il versamento di un obolo...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Parigi. Ancora lì, nella penombra dell’Ufficio anticorruzione della polizia giudiziaria di Nanterre, il luogo della resa dei conti, della fine di un’epoca, della parabola triste della sarkozia che non luccica più e vede le sue pedine...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un anno fa Albert Rivera, il leader del partito spagnolo Ciudadanos era considerato da tutti l’interlocutore privilegiato di Emmanuel Macron in Europa. Giovani, centristi, europeisti, portatori della retorica del superamento della divisione...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Le indagini della polizia francese sull'assegnazione della Coppa del mondo 2022 al Qatar – avvenuta il 2 dicembre 2010, nella sede della Fifa a Zurigo – avrebbero portato al fermo dell'ex presidente dell'Uefa dal 2007 al 2015,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un ulteriore allentamento della politica monetaria da parte della Bce è possibile in assenza di miglioramenti del quadro economico. E' in sostanza l'indicazione emersa dal discorso di Mario Draghi al forum dei banchieri in corso a Sintra, in...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Italia-Usa: Salvini, paese vuole diventare il partner più stretto di Trump in Europa New York, 18 giu - (Agenzia Nova) - In un momento di “fragilità” nell’Unione europea, l’Italia punta a diventare il primo e più...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il Guardian di questa settimana in uno speciale la chiama “cancel culture”. “I tweet che condannano, gli editori che cancellano o alterano i libri e chiedono agli autori di scusarsi, gli autori che pensano che sia rischioso persino...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Domenica al posto della statua che non c’è, a commemorare il vuoto di un personaggio storico da “eroe nazionale” declassato a “nemico”, non c’era nessuno. I pochi che hanno deciso di commemorare Imre Nagy erano a pochi passi ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Professor Cassese, Salvini ha dichiarato (31 marzo 2018): “I nostri confini ce li controlleremo noi”; un anno dopo (marzo 2019): “Per questo gli italiani mi pagano lo stipendio: per difendere i confini e la sicurezza del mio paese”; infine,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il prossimo, in ordine di tempo, pare sarà quello in Emilia-Romagna. “Essendo una fase di transizione – sospira Guglielmo Golinelli, deputato bolognese della Lega – è inevitabile ricorrere a soluzioni non convenzionali”. Che, nel ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Al caro, meraviglioso Angelo Panebianco, mi sento di fare un’obiezione. Ieri nel Corriere scriveva cose alle quali non si può non essere sensibili. Fate, sosteneva, un’opposizione credibile a Salvini e compagnia. Non siategli, per...