Il vero mistero su Minniti è perché si sia candidato

Pubblicato giovedì, 06 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

La rinuncia a candidarsi da parte di Marco Minniti non è un buon viatico non solo per il Congresso del Pd ma anche per il suo risultato alle prossime elezioni europee. Non si può escludere come punto di caduta nemmeno il big-bang evocato in un titolo di questo giornale. Nel frattempo i retroscenisti impazzano sulle possibili vere motivazioni del ritiro. Strano riflesso. L’aspetto singolare di tutta la faccenda non è il fatto che la candidatura non sia andata in porto ma che sia stata presentata. Marco Minniti è sicuramente persona di spessore largamente superiore a molti degli altri candidati, forse a tutti, ma le sue capacità, universalmente riconosciute anche se i loro esiti sono controversi, riguardano un campo specifico, molto specifico. Per un politico italiano un servizio di più pagine di un settimanale francese è un importante riconoscimento ma se il titolo che lo presenta è “Le maître espion”, il capo delle spie, si capisce subito che potrà essere molte cose, un'autorevole autorità della sicurezza, un ministro, un presidente del Consiglio perfino, ma non il segretario del partito. Funziona così. Dunque il mistero se c’è sta nell’inizio, nella candidatura. La fine era inevitabile.

Tag: #MarcoMinniti #Pd

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Il Ppe sospende Viktor Orbán e trova un compromesso per rimanere unito in vista delle elezioni europee. La presidenza dei popolari ha sospeso Fidesz con effetto immediato, e i delegati hanno approvato la risoluzione con una maggioranza schiacciante: 190 ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Stamattina Ousseynou Sy, autista delle Autovie di Crema, ha dirottato l'autobus che stava guidando con 51 ragazzi a bordo, li ha minacciati, legati e poi ha tentato di dar fuoco al veicolo. La prontezza di spirito di uno studente, che ha ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Ci sono due foto che circolano a Roma in queste ore e stanno lì ad inchiodare Marcello De Vito alla logica più feroce del contrappasso karmico. Nella prima, che risale al dicembre 2014, c’è il futuro potentissimo presidente grillino ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

La vicenda terribile del pullman con a bordo i bambini di due classi e alcuni professori, trattenuti per 40 minuti, sotto la minaccia di dar fuoco al mezzo. "Da qui non esce vivo nessuno", aveva detto il conducente dello scuolabus, italiano dal 2004,...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Il Foglio ha ottenuto in anteprima grazie al corrispondente David Carretta una bozza della dichiarazione congiunta che l’Unione europea ha inviato a Pechino per il summit Ue-Cina del prossimo 9 aprile, e che sarà discussa giovedì nel ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Scrittori d'Italia, emulate d'Annunzio! Però leggete qui, prima di correre a bendarvi un occhio o a posare nudi in spiaggia o a infilarvi una nave in casa o a conquistare, che so, Mentone. Dalle anticipazioni del prossimo libro di...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

La presidenza del Ppe ha offerto un compromesso al premier ungherese Viktor Orbán in una lettera visionata dal Foglio che potrebbe subire delle modifiche nel corso dell'Assemblea politica. La risoluzione proposta prevede che Fidesz, il partito di...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Milano. La Cina può essere anche un’opportunità se si ha in mente una strategia come quella che è alla base della decisione di inserire le obbligazioni emesse nel paese asiatico in uno dei più grandi indici di mercato mondiali, il...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

[Pubblichiamo l'intervento di Matteo Salvini in aula al senato durante la discussione sulla Relazione della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari sulla domanda di autorizzazione a procedere nei suoi confronti. Il ministro...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Pubblichiamo il discorso che Jacinda Ardern, premier neozelandese, ha pronunciato ieri in Parlamento, nel suo primo intervento in Aula dopo l’attentato di venerdì scorso a Christchurch, in cui un terrorista ha ucciso 50 musulmani in due...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Fino ad alcuni mesi fa la data del 20 marzo era segnata sul calendario degli investitori come quella in cui la Federal Reserve, sotto la guida di Jerome Powell, avrebbe potuto decidere...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Roma. “I lupi si annunciano sempre belando”, scriveva qualche giorno fa Guido Vitiello sul Foglio, analizzando un nuovo fenomeno in voga in questo periodo – imprevedibile sino poco tempo fa – che è l’uso strumentale della cultura del...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Il presidente della assemblea capitolina Marcello De Vito è stato arrestato questa mattina dai carabinieri con l'accusa di corruzione nell'ambito della inchiesta sul nuovo stadio della Roma. Secondo i pm Barbara Zuin e Luigia...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Roma. A Innsbruck, piccola diocesi della fu Austria felix, il vescovo Hermann Glettler – già noto per certe sue stravaganze, come il far distribuire la comunione a dei ragazzini, più inorriditi degli adulti lì presenti – si è dato...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

I veri responsabili delle traversate in mare restano in Libia Parigi, 20 mar 08:36 - (Agenzia Nova) - I veri responsabili del traffico di migranti restano in Libia, non sono gli scafisti che compiono le pericolose traversate in mare....